La Rabbia che mi tiene in vita! ( sona la Raje…)

 

Avvertenza.

Questa è un’invettiva

download (1)

downloadcome-imparare-a-gestire-la-rabbia_d68b0585c7c4ccd4d19ddab0e52a6619

Chi non ama parolacce e posizioni nette vada al mercato, si procuri un cetriolo da competizione, lo conficchi nell’ano (suo) per tre quarti.Poi esca e si pavoneggi, dopo aver praticato un buco adatto nei jeans, con la sua nuova coda vegetale.

Detto ciò.

Ho vagliato spunti dal web e come al solito, preposizione accucchiate a pene di segugio. Niente profondità. Niente di vero.
La Rabbia. Vai a un bel corso di gestione della. Fa perdere la testa. Fa scoppiare il cuore. Rende ciechi, manco le pippe..La rabbia turba la pace interiore.
Certo che la turba. Speriamo.
Vaffanculo merde!
Non siete in grado di elaborare un concetto profondo, e devo farlo io al posto vostro.
Cosa c’entra con la casalinghitudine?
Parecchio, nel mio caso. Senza fissa dimora. Una ex che mi accusa di tutti i suoi malesseri.
-Ma tu eri una merda anche quando uscivo alle cinque in giacca e cravatta a fare quel lavoro da criminale., e ti mantenevo, e cucinavo per te e la bimba.
-Ma ora la psichiatra dice così. E la tua cosa ti dice, te la rigiri anche lei?
L’altra ex che mi diffama, quando avevo pensato di aver trovato la persona giusta.
I Gramignas che cercano di esautorarmi come padre, mi disprezzano come uomo,mi prevaricano in tutto perché dormo nella loro cameretta da miserabili, senza consumare i miei pasti in loro presenza.
Perché vivere come voglio,arrivare a vivere come voglio, significa usare la rabbia difensiva quando ti vogliono spiegare che tu sei una merda incapace che sopravvive grazie alla loro carità. O, per uscire dai miei cazzi, in ogni caso dove siete schiacciati dalla vostra stessa disponibilità. Empatia. Come cazzo vi pare. Tutto bene se fate i guru. MA ALTRE VOLTE…
.-Pezzi di merda, appena Salvia ha partorito mi sono accolto che mi avete inculato, coi ricatti morali, affettivi economici. Tutti i sacrifici?
Sacrifici? Due stipendi di alto livellò nel settore della sanità pubblica?
Io non avrò mai una pensione mentre GramignaXX, riscattando la laurea . non è arrivata a 41 anni  E MENO DI 15 ANNI DI LAVORO per diventare la felice  titolare di una ben guarnita baby pensione, utilizzando una legge in piena legalità, sia chiaro.
Gramigna xx è quella che, dopo il mio abbandono della politica giovanile a livello nazionale per  abbracciare scrittura e droga, mi ha guardato con rammarico.
-Perché non sei diventato portaborse di Veltroni?
L’ho già scritto. Forse. Non ricordo.Perché mi fai queste domande, avrtei potuto rispondere.
Mi picchiavano da piccolo: Anni dopo, provavano a farmi rinchiudere, come pazzo indegno di prole, pretendevano di essere stati buoni genitori, migliori di me.
Non ho mai pensato di essere il miglior genitore del mondo. Però non ho mai scordato come si sta da bimbo e adolescente, impegnato a compiacere quelle merde che mi hanno cagato sulla terra, senza mai arrabbiarmi se non con me stesso perché non ero mai bravo abbastanza da farli smettere di urlare che ero un ingrato stronzo testa di cazzo…
E allora cazzo, almeno metto in guardia i miei figli contro di me, dovessi mai scordarmi che mi hanno salvato la vita per anni.
La rabbia, lo capisce anche un babbuino che non va sempre bene.
Ma a volte è l’unico motore emotivo, esista o no il termine motore emotivo, mi sa da psicologia da rotocalco e mi sta sulle palle.
Però io tenevo tutto dentro, e mi dicevano, perdi tempo, e io mi sentivo in colpa per ogni cosa che facevo in nome della bellezza o della tristezza. Della mia bellezza, della mia tristezza.
Ogni cosa che non si avvicinasse ad essere un portaborse di Veltroni.
Poi tutto ciò si è trasformato in semplice sfiducia nelle parole.
Dopo fu incapacità di scrivere qualcosa che non fosse un racconto breve.
Schematizzavo una tesi in mezza giornata, e mettevo l’accento in un uomo. Non riuscivo a gestire le bibliografie.
E avevo passato i venticinque quando mi accorsi che non riuscivo a finire nulla che mi importasse. Musiche, amori, scelte, scritture.
Ci ho messo più o meno trentacinque anni di vita a liberarmi dal giogo che mi ero messo da solo. Il mio rapporto è andato a rotoli, Salvia si incazzava, io uscivo piangendo e magari mi spalmavo su un muro da sobrio.Mai fatto una chiocca fatto o briao.
Ero libero dal giudizio dei Gramigna’s.
Non mi toccava dentro.
Capii che non potevo difendere la mia vita senza rabbia.
Quando mi dissero che la mia casa era mefitica, li buttai fuori e non videro la loro nipotina per due mesi.
Quando Salvia pretendeva (altro lavoro, cene differenziate, farmi abbozzare di fronte alla sua aggressività), io combattevo per recuperare il tempo perduto.
Per recuperare il tempo che mi facevo rubare oltre quello che regalavo a tutti quelli che amavo. Ma serviva la rabbia.
E l’ho persa per questo, perché non ero più il consolatore sempre pronto ad aiutare chiunque. Ho perso Salvia non la Rabbia. Maledetti pseudoanacoluti.
Disponibile per tutti. Tranne me.
-Hai sofferto perché mi drogavo, madre?
-Io di più. troia maledetta. Per la droga, per le tue botte, per le tue urla, per la tua pazzia incurabile.
Poi ho perso anche l’altra, non l’altra madre, l’altra ex. Tropea.
Non c’era un vero perché.
Errore mio, vigliaccheria sua.
Per diverso tempo ho scritto alla sua casella di spam: era come liberarmi di pensieri che la riguardavano, e anche del fallimento che rappresentava.
Più o meno allora, la salute è andata affanculo, i bimbi hanno smesso di essere felici, per mia colpa, mia grandissima colpa.
Sono stato truffato da due carabinieri senza aver fatto nulla. Per mia colpa, comunque. Per essere stato remissivo e non un figlio di troia.
Sono stato truffato da carissimi(esosi) terapeuti milanesi.
Sono diventato un cingolato di rabbia.
Occhi allo scopo, e vaffanculo tutti, almeno certe ore o certi giorni.
Siamo all’ultimo anno. E’ successo di tutto. Computer rotti, file persi, cazzi nel culo dallo spazio profondo.
Continuano ad arrivare.
I cazzi.
Dallo Spazio.
Profondo.

images (2)La mattina ho ingoiato polvere di denti digrignati.
La notte ho dormito su letti che non erano letti.
Sono ingrassato, talvolta uso una stampella. La mia gamba sembra presa da un cadavere sepolto da una stagione per poi infilarmela nel bacino. Va tagliata?
Eppure ho la rabbia. A difendermi da me, e dagli altri.
Non come avrei voluto, ma cazzo, comincia a funzionare,
In questi giorni ho raggiunto un cazzo di risultato. Importante per me.
Per il mio talento usato come carta da culo.
Sotto la pioggia in bici verso la biblioteca.
Cadere.
Raccogliere appunti bagnati.
Commettere errori, continuare ad amare, e coltivare la rabbia come una carnosa orchidea.
Ora ho terminato quello che tante volte avevo cominciato.
Grazie alla rabbia.
In culo ai superficiali fricchettoni convinti che la rabbia turbi l’equilibrio.

download (2)images (3)

Ovvio. Si cade. ci si rialza. I meditatori nemici della rabbia, gli yoghi vegani e vulcanianì.
Gesù era sempre incazzato, Anche dio, prima di mandare il suddetto figlio a fottersi in croce.
Io sono il mio dio, rabbioso e vendicativo.
Io sono il mio dio, pieno d’amore del quale non sprecherò più una goccia per chi non lo merita.
Sono incazzato nero MA.
Ho cominciato la revisione di un romanzo che dovevo scrivere vent’anni fa.
Quindi vuol dire che una prima stesura c’è.
Questo non c’entra una sega con la mia vita casalinga, mooderna, adddirittura.
Cioè c’entra come per un’altra l’obiettivo è fare collane di fimo.
ATTENTI IDIOTI. OVVIAMENTE La rabbia ti cambia.
Sono peggiorato, e migliorato. Sono amareggiato e disilluso.
Ma attenti. Ora non mollo. Anche se sono una pessima compagnia.
Sticazzi, ho sei amici.
Attenti.
Quando mi urtate per la via,
attenti caramba e polizia,
attenti piloti che sfiorate i miei bimbi sulle strisce
vi farò male con la lingua è il bastone.
Attenti nemici e parenti.
Ora giro armato fino ai denti.

.

images (1)

N°00. 1 anno in +(+o-),1 Casalingo a Pezzi, 1 Opportunità, Una casa molto carina

Video

14 Aprile 2014 : niente simmetria per noi, niente anniversari precisi.
Per il Casalingo Moderno l’anno comincia con la primavera, coi jeans nuovi, col motivetto che fa trulla trulla trulla là.
La ragione sociale di questo sito si è fatta strada tra i media diventando un luogo comune.
Se due anni fa la CRISI non esisteva, ora è addirittura finita. Entrambe le cose mi hanoo fatto ridere e piangere.
ODIO LA PAROLA GENERAZIONE: MI FA PENSARE ALLE PALLE SUDATE DI ARONNE durante i censimenti nel deserto. Che cazzo li conti a fare, sei nel deserto? Non è che uno si nasconde dietro l’albero.
PERO’ LA MIA NON GENERAZIONE E’ PASSATA DA UNA CRISI ALL’ALTRA, RESA DOPO RESA, e anzi nemmeno quella, perchè non abbiamo lottato per i diritti che ad altri erano garantiti.
LA COLPA E SOLO MIA: SCARTATO ALL’IKEA CON DUE LAUREE. DERISO ALLA COOP PERCHE’ VOLEVO IMPARARE A FARE IL MACELLAIO. OGNI TANTO CI PROVO A TROVARE LAVORO, LO AMMETTO. CONTRADDICO I MIEI PRINCIPI PERCHE’ FARE LO SCHIAVO FUORI CASA TI FA VIVERE MEGLIO, SENZA PENSARE.
SCHIAVIZZATO NELLA TUA POVERTA’ TELEVISIVA,il tuo corpo ti concederà uno schizzetto di endorfine quando l’ennesimo cassone di Badoo ti mostrerà i chiodi dei capezzoli in cambio di una ricarica da 20 euri.
Ucciderò la persona che porverà a indurre Nepitella a questo. Mancano 10 anni, siete avvertiti. SONO IL CASALINGO MODERNO, E BASTA.
A GENNAIO 2013 CI CHIEDEVAMO QUANTO SAREBBE DURATA QUESTA FAMIGLIA: UN MASCHIO CON Q.I.>154 AI FORNELLI: COMUNQUE UN IMPEDITO. INCAPACE DI IMPARARE A STIRARe. MI MANCA LA CULTURA ANCESTRALE FEMMINILE PER LA CURA DELLA CASA. MI MANCA LA MEMORIA GENETICA DELLE SITUAZIONI CHE SI RIPETONO SEMPRE UGUALI DA MILLENNI. MA CHI SE NE FREGA, DELLA CASA, POI. VOGLIO DIRE DUE COSE.
1) GESTIRE LA CASA E’ DIFFICILE E STARE A CASA CON I LAVORI IN GIRO E’ UN ATTO POLITICO.
CAPITO http://www.matteorenzi.it?
CAPITO http://www.beppegrillo.it, FASCISTA BIPOLARE?
CAPITO CRUCIANI COLLA TUA ZANZARA SUCCHIAPACCHI, CHE FAI IL GANZO PERCHE’ NON HAI CONCORRENZA?
ANCH’IO FAREI IL GANZO SE POSSEDESSI L’ULTIMA FAVA SULLA TERRA. TUTTO UN IMBROGLIO: CRESCITA, METTERSI IN GIOCO, LAVORARE IN PROPRIO, I CONSUMI, DEBITO, EURO, LIRA. TUTTO SBAGLIATO.
E’ passato il diritto che il lavoratore a basso reddito rischia come il padrone. Ma quando la brava persona che mi ha lasciato a casa per motivi economici era il boss di una piccola azienda molto prospera, è stato lui a costruirsi una villa con 25 stanze e granaio ristrutturato. Giustamente.
IO VOGLIO IL DIRITTO ALLA MEDIOCRITA. ANCHE SE NON SONO MEDIOCRE.
VOGLIO LA CASA MIA, LA MOGLIE, L’AMANTE, LE VACANZE E LA PENSIONE A 55 ANNI.
VOGLIO REMO GASPARI.
VOGLIO UN POSTO ALLA REGIONE DOVE NON FARE NIENTE, A PARTE ARRIVARE PER PRIMO AD AGGUANTARE I GIORNALI.
PERCHE’ NON FARE NIENTE E’ BELLISSIMO.
“E SALVEREI CHI NON HA VOGLIA DI FAR NIENTE E NON SA FARE NIENTE.”
2)Faccio la spesa, pulisco male, stiro zero, litigo, faCcio danni in sequenza ma IO HO PROVATO A TENERE INSIEME UNA FAMIGLIA. Il Casalingo/a tiene insieme tutto. Anche a cazzo, anche col biadesivo. Anche FALLENDO. LA FAMIGLIA MUORE, non solo la nostra.
Non sono l’unico colpevole.
Non ho saputo essere abbracci, parole, e teglie calde. Non sempre e non nell’ordine giusto.
Se un famiglio ha bisogno di una carezza e gliela fai con una teglia appena uscita dal forno…
E noi quattro soffriamo, scoppiamo, ci impasticchiamo.
I nostri figli soffrono.
Non ho reso Salvia felice.
DI me non parliamo neanche, che alla prossima sbroccata vado in t.s.o.
E i nostri genitori si disperano.
So che il mio anonimato qui è solo formale.
Ho fatto incazzare tanta di quella gente. Di questo sono felice. Specie se si tratta di ipocriti boriosi. Le storie che leggete sono vere: imbastite ma vere. rimane una speranza petit.
Che potrete seguire qui al nuovo indirizzo:

casalingomoderno.com
Il blog va bene.
Nonostante i miei abbandoni depressivi (uno di oltre tre mesi mi ha fatto perdere tanti lettori, che poi, non ci avrei scommesso un euro, ho riguadagnato.)
Vado in culo a tutte le regole della comunicazione di massa: post troppo lunghi, linguaggio a volte letterario. E nonostante questo il sito va bene.
MA DEVE TRIPLICARE I LETTORI.
PERCHE? Ce lo meritiamo.
Ringrazio ancora:
Nonsolomamma per avermi scoperto.
Roan Johnson,impegnato nell’editing di un film, per l’endorsement. Ringrazio anche Adriano Lovera, dal quale non mi sono fatto trovare.
E non posso che ringraziare pubblicamente il pelo pubblico di Barbara D’urso.
SEGUITE LE AVVENTURE DELLA FAMIGLIA MODERNO, FINCHE’ DURA.
IL N°0.Opportunità lo trovate al posto suo
https://casalingomoderno.com/2013/01/08/opportunita/
tenerlo in evidenza appesantisce la ricerca dei pezzi nuovi.
E FINCHE’ DURA, UN CASALINGO MODERNO PRESIDIERA’ LA CASAMATTA!

IO SONO CAMBIATO
IL MONDO NO.

MA ABBIAMO UNA SIGLA UFFICIALE!

Il Nemico che amo II

rusparina

Billie, la sfatta fattona, aveva il coraggio di cantare la sua solitudine.
Per paura della solitudine io e Salvia torniamo a farci male.
Tutte quelle buste di plastica.
Le magliette perse nei trasbordi.
E quaderni e portafogli, e cellulariocchialisole.
Scrivo in silenzio, quando posso, cioè quasi mai. La musica mi porta lontano, in luoghi pericolosi,l’ho già detto: ma c’è qualcosa di peggio della soglia di casa propria con una busta rotta per mano, riempite a caso di generi di sopravvivenza?
Io bramo la solitudine.
Quella del ragazzino nella casa sull’albero però, a portata di voce e dei profumi del forno.
Lei è terrorizzata dai miei abbandoni sbilenchi.
Ci sono i bambini, dice, e bisogna stare insieme.
Ma anche i bambini sono una reazione alla solitudine e alle botte di consapevolezza che ti colgono al semaforo, o mentre ti ingozzi di stracchino di fronte il frigo aperto.
Allora Immagini la tua morte, l’aria che non riesci a bere, il velo suglio occhi. E non ci sei più. Pensi ai tuoi figli che tengono strette le tue mani: tu sei vecchio, ma loro li immagini piccoli come  ora.
Altra consapevolezza, meno drammatica e meno certa:
Io non lascerò Salvia, e lei non lascerà me.
Cosa mi ha fatto questa donna, poi?
Quale terribile colpa le attribuisco, a parte il carattere di merda, l’insensibilità, la crudeltà mentale, le macchinazioni alle mie spalle?
Vabbè, ordinaria amministrazione,
Dopo un anno di Casalingo Moderno, è giunto il momento di tracciare il profilo dell’antagonista di questo feuilleton.
Per voi: il nemico che amo.
La mia donna è capace di sollevare le sopracciglia alternandole.
Lo fa anche a tempo di musica se le va, creando coreografie minime.
Sopracciglia stupende, sia chiaro.
Ali perfette senza estetista o pinzette.
Ci fa ridere i bambini, attorno alla tovaglia invasa di briciole e bucce di mela. Mi invia telegrammi perentori, tirando su il sinistro a mezza fronte.
Eloquente quando tace, Salvia.
Occhi lucenti di pietra dura incastonati nell’ovale perfetto.
Un viso che immagini di incontrare in Marocco, o in Persia.
Invece, se non ha troppo sonno, la trovi in Piazzetta che beve un prosecco di malavoglia e parla di deportare tutti i tossici.
Al primo sole, la pelle ai lati del naso fiorisce di efelidi come le margherite nei giardinetti.
Danzava, Salvia.
Si muove bene, ma si veste male.
Gonne, abiti, Jimmy Choo: regali egoisti da maschi:
Il miracolo del tacco 12.
Gambe slanciate; natica rialzate. Seni stenterelli come grano di brianzolo, sporgono mostrando un solco capace di contenere una matita, e tutto il portapenne.
L’operazione va condotta con gusto, pena l’effetto Zampone di Modena:
la poverella segnata da una teoria frattale di lacci in cuoio che le fermano la circolazione. La caviglia, già grossa di suo, si gonfia, allora montarozzi rubizzi emergono dalle scarpe come vulcani nuovi nel mezzo pacifico.
Salvia starebbe benissimo con le cose scelgo per lei, e non è per niente bruttina. E solo capace di svilire la sua bellezza naturale con le cose che compra. Con gli abiti “da donna” le sembra di camuffarsi per Carnevale.
Nel gioco di ruolo la donna deve scegliere la passività, e goderne. I doni si manifestano come scatole lucide dall’aria costosa, appoggiate sul copriletto la sera.
Lei accetta solo smalti Chanel e qualche rossetto rouge noir.
Forse non insisto abbastanza.
E’ difficile essere un uomo da canzoni anni sessanta, quando indossi molto il grembiule e sei tanto cerebrale da chiederti che diritto hai di scegliere la femminilità, al posto suo.
Sono solo vestiti, cazzo: ecco il mio diritto.
Il Miracolo del tacco 12 è ormai una religione.
I suoi testi sacri sono i film dove l’attrice bruttina, per finta, viene trasformata in vera strafiga.
-Signorina Moneypenny, si sciolga i capelli e tolga le lenti per favore.
Dietro consiglio del mio avvocato Ciccio Cirianni (un praticante di Vibo Valentia che pago con barattoli di peperoni arrosto), vorrei precisare quanto segue:
IO, Casalingo Moderno, rispetto tutte le credenze e le pratiche religiose. Il Miracolo del Tacco 12, il marxismo leninismo e perfino quella dove due Papi comandano un esercito di maturi cacciatori di bambini, usi a coprirsi di talco dopo il bagno tonificante. Nessuna delle affermazioni sopra riportate va intesa in alcun modo come offensiva nei confronti delle pratiche religiose.
Tuttavia, fino a quando sarà legale, professerò la mia laicità.
Assolti i doveri legali, procediamo.
Nella coppia sono l’addetto all’introspezione, anche la sua.
Femminilità, prevaricazione, maschile, femminile. Tutta roba che mi lascia volentieri.
Salvia sfiora il suo inconscio, ancora avvolto nel cellophane, temendo la materia oscura che respira lì dentro, in barba alla plastica.
Quindi Levis e Dr. Martens, quando va bene.
Primo appuntamento, Lost in Translation all’Odeon.
Nascosta dentro un maglione, dono di una cara zia ormai priva, temo, del senso del colore e delle proporzioni, mi apparve Salvia, accompagnata da un bel sorriso.
Sopra indossava un montgomery viola, attualmente a riposo nell’armadio accanto al loculo dove sto scrivendo.
Le cortesie del tempo lo rendono quasi carino.
-Tra un po’ gli sta alla bimba, ti rendi conto?
-Me ne rendo conto sì, poverina.
Più tardi a casa sua, dopo il cinema, le ho tolto tutta quella roba di dosso.
E mi sono accorto della sua bellezza.
Marmo e burro e capelli.
Qualche giorno dopo, i miei genitori ci sorpresero in casa loro. Vestiti.
“Lo sapevo” sentenziò mia madre quando siamo usciti.
Mio babbo stava tagliando il prosciutto al coltello, per entrare nello spirito natalizio. Una fetta per sé, una fetta per il piatto.
-Cosa sapevi?
-Tuo figlio, s’è messo con una zingarella. E smettila di ingozzarti come un maiale, Crishto!
-Di maiale, vorrai dire.
-Ma insomma l’hai capito che tuo figlio s’è preso una zingara?
-Sai per caso se gli zingari mangiano il prosciutto?
A difesa di mia madre, dirò che è così priva di tatto che glielo avrebbe detto anche in faccia.
E non fu la sola a cadere nell’equivoco.
Una volta, prima di incontrarmi, esplorava i meandri di un traghetto per la grecia mentre le amiche prendevano il sole sul ponte. Fu subito fermata dalle guardie e ricondotta al gruppo di profughe kurde cui apparteneva.
-Senti un po’ pugliese terrone di merda; io sono Pisana da sette generazioni. Te, è già tanto se conosci la tu mamma!
Il tutto condito di zeppola, che le aumenta col brutto tempo e le incazzature.
Salvia è fieramente illetterata, per una dislessia seria e mai curata, credo.
Tuttavia si sforza di leggere le mie cose. Una volta le ho tolto di mano un sinestedrone, appena in tempo. Sono pericolosi come metamfetamina: cercano il loop maligno nella chiorba del lettore.
Comunque legge in silenzio.
Poi domanda, contesta, suggerisce.
Lo confesso volentieri: quando ho seguito i suoi consigli il lavoro è migliorato.
-Mi piace il tuo modo di scrivere.
-Grazie al cazzo, non hai mai letto altro.
“Perché gli altri non sono bravi come te. Sei il mio scrittore preferito.
“Finché non guadagno con la scrittura, non sono uno scrittore, Salvia.
“Io credo in te.” dice.
E comincia a fantasticare sugli introiti futuri.
-Quanto ti danno per fare un film dal tuo libro?
-Di che minchia di libro…
-Dai, lavora che ce la compriamo!
Vorrebbe una casa bella. Una casa dei sogni che muti ogni giorno, secondo il suo umore e le offerte sottolineate sui giornalini delle agenzie.
Io starei in una chiatta ormeggiata sull’Arno, o in un camper in disarmo, circondato da pollai, altalene fatte di copertoni da camion, e alberi di fico. Infine, un pergolato di una fragola e un  forno a legna costruito coi mattoni rubati alla cava Donati.
Ma lei è felice pensando di pensare ad una casa.
Siede sul divano, le gambe ripiegate sotto il culo,e disegna planimetrie su blocchi quadrettati: ingressi, stanze, lucernari, studi in mansarda, così nessuno ti rompe le palle.
-E qui ci si ricava un bagnetto, che dici?
Disegna case, disegna la nostra felicità futura.
Cosa posso darle di tutto quello che desidera?
Giusto i blocchi a quadretti per le planimetrie.
Una dieta bilanciata.
E il mio famoso trapano di carne a bollore.
Uhm.
Più che altro carta a quadretti e dieta bilanciata.
Fossi in lei mi lascerei subito.
Ma qui non ci sono ragioni, mie o sue.
Lei mi tiene, senza un valido motivo apparente.
Per ripicca? Per insultarmi?
Sono un disastro. I miei molti talenti non servono a niente; i miei difetti rovinano la vita a chi mi sta accanto.
Così, ogni tanto, Salvia mi scruta e si illumina, facendo finta di averlo capito in quel preciso istante.
Mi vomita addosso insulti penetranti e precisi come una balestra.
-Hai scritto tanto. Ma che bravo che sei!”
Ebbene sì, il sarcasmo non le è del tutto estraneo.
-Tanto poi butti via tutto, Ma abbiamo deciso che va bene così!
-Abbiamo CHI, scusa?
-Ah, non lo sapeva lui. Ma non ti preoccupare, fai i compitini sui quadernini, almeno non vai a giro a fare danni!
-Che cazzo dici?
Cambio stanza per non sentire, ma lei mi insegue, la voce sempre più alta. Ho le spalle al muro; Salvia mi parla a due centimetri dal viso.
– Sono tutti d’accordo, i dottori, tu pa’…
-Non dirlo cazzo!
-E tu ma’!
Nel frattempo mena, e mena bene.
Devo tenerla ferma. L’appicico al muro.
Ho sempre rivolto verso di me la furia delle liti domestiche: cazzotti nel muro, porte sfondate a calci, tagli sulle braccia.
Ma lei continua. Insulta e sghignazza.
Non le farò del male, in ogni caso.
Ma lei lo sa?
O spera di sì?
-Bambini, venite a vedere che belle cose fa il babbo alla mamma…
Forse aveva ragione Francesco Nuti (come maschilista sempre meglio di San Paolo, almeno le trombava ammodo).
I bimbi scoppiano a piangere.
Brutto babbo, lascia la mamma, fai male alla mamma.
-Ve lo giuro, non è…
Rinuncio alle spiegazioni.
Scappo come un assassino.
A piedi nel fango. Sotto la pioggia. In bici sotto il sole delle tre di pomeriggio il dodici agosto.
Vago per la città, incazzato per giorni. Dormo nelle piazzole. Penetro furtivo nella casa vuota, ne esco con due buste di biancheria lamette sapone mutande e calzini spaiati.
Salvia mi chiama 48 volta all’ora, mi intasa il cellulare di messaggi concilianti. Ma quando vedo il numero, butto giù.
Col cazzo che parlo con Satana, costì.
E se fosse succeso qualcosa ai bimbi?
Difficile. Però, insomma. Sono il padre.
-Che cazzo vuoi? Sì sono vivo, non certo per merito tuo.
Lei ha il tono più dolce del mondo. Si scusa.
“Già che sei a giro, non è che mi porteresti i Fonzies?
Durante una di queste fughe mi sono spiaccicato contro un distributore di sigarette a Migliarino, soccorso da mignotte con la baghette nel perizoma.
“Como schtai tissoro?”
“Devo telefonare.”
“L’ambolansa l’abbiamo chiamata noi; ecco tuo scellulare, era fori dala machina. Ma lasciale perdere quele done cative, ivienimi a trovare!”
“Se fossi briao, fatto e rincoglionito dalla tranvata, potrebbe anche esse. Se non altro perché l’esperienza mi manca.”
“Alora ti lascio il mio nummero ammore, ti aspetto!”
“A parte ciai du spalle pai Al Coogan. Mappoi, ti pare ir momento? LEVATI DAL CAZZO!”
Quando ho sfondato quel distributore, ero solo e senza speranza.
Piangevo. Ma il pianto era per lei.
Per lei e per il nostro amore, condannato ad una concretezza animale: salvaguardare cuccioli, diffondere i geni.
A volte  lei guarda i suoi figli e poi me, sembra felice. Come se non le mancasse nulla al mondo.
Io penso ai desideri. Li immagino come un cerchio o una palla: diventa più piccola quando la possibilità di diventare/avere qualcosa, svanisce per sempre.
I desideri irrealizzabili sono fantasie; una cosa diversa.
Mi guardo la mano sinistra e ricordo l’ubriaco al Circolo Rinascita.
In cambio di un Morettone lesse il palmo e mi mostrò una linea lunga con un zona frastagliata.
-Te sei qui…
-Ah. E Allora?
-I momenti più belli li hai già vissuti, tutti.
Così da qualche parte c’è stato il il momento più bello della mia vita, e non  ricordo nemmeno qual’è.
Niente che io possa dire o fare mi renderà più felice di qualcosa che ho già fatto.
triste, vero? Allora lasciatemi frignare,per me, per lei, per l’amore coniugale.
Semplice omonimia oppure noi siamo incapaci di liberarci?
Nel dubbio, piango per quello che non avremo mai.
Scrutare cieli, incontrarsi di nascosto. Morire di nostalgia.
Per una donna che non era Salvia, Ho corrotto il buttafuori negro del Link alla porta del concerto strapieno del Calexico..L’ho vista subito in mezzo alla folla. Con una parrucca viola a caschetto, ballava radiosa. Felice di concedermi il colpo di grazia. Era finita.
E’la primavera che sento al contrario. Stupito dalla mia progressiva indifferenza ai suoi richiami.
Allora ho ricercato antiche sensazioni dentro me, ho pensato a donne e canzoni, con l’aiuto di una batteria di bourbon sour assassini.
1)Luca Carboni; Il mio cuore fa ciok, E, ovviamente (per chiunque abbia vissuto gli amori Bolognesi) Le ragazze.
2)Inside Riot, Dance with me.: mai pubblicata in questa versione, migliore dell’originale di Adam Green.
Ce ne stavamo in casa a cantare questa canzone, chitarra distorta e voce. Non è successo molto altro, ma è stato bello. E ancora una volta non era Salvia.
C’è una canzone per ognuna
Per quella che mi sono portato a letto tre volte in dieci anni e ogni volta, diciamo, non funzionavo.
Per quella che ho trattato come un buco corredato di ciccia.
Per quella dalla quale mi sono lasciato amare senza lasciare in cambio nulla, a parte lasciarla.
Per quella perfetta ma, con le mani brutte. Addio
Per quella della notte in treno, che non ho più trovato.
Per quella che sapevamo tutti e due che sarebbe successo, ma non è mai successo.
Peccato sarebbe stato un successo.
Niente nostalgia. Che si fottano quelle troie, traendone gusto.
Lei avrà le sue. Io e Salvia avevamo le nostre. Forse non le ricordiamo. O non vogliamo ricordarle.
Ma si tratta del cerchio dei desideri che si chiude attorno al collo, come in un horror.
Adulti consapevoli e genitori responsabili, attenzione!
Voi che non vi permettereste mai di innamorarvi:
opportune mutazioni genetiche vi giungono in soccorso dall’estrem’oniente.
Un gruppo di ricercatori Equadoregni, studia gli individui che sviluppano escrescenze di agrumi sottopelle.
I soggetti mutanti hanno il 24% di possibilità in più di essere totalmente insensibili alle carezze sul collo.
Inoltre la parte bianca di questi tumori vegetali, amara e spugnosa, assorbe i suoni, le vibrazioni e gli odori.
Una barriera invalicabile dai gigli in fiore.
.

famigliamoderno ai bagni gorgona