Tra una rabbia e l’altra un cornetto quantico!

images (3)Vedo cose che mi fanno star male.

download (4)
Certo la rabbia, lo sguardo dell’artista, ma mi sento vecchio. Mi sento fottuto, isolato, zoppo e alcolizzato. Che ne dici un geleto? Cazzo tutto in rima. fenomeno.
Il gelato me lo ficco in culo per rinfrescarmi le emorroidi. Per dire. Non contribuisce al mio sovcrappeso.
Però il cuore di panna. Quello lì un po’ anni settanta, anche nelle pubblicità…
Quest’anno no. Niente riccetti e abbronzature dorate davanti a un treno che parte. Anche quelle ma non solo.
C’è tutto uno smazzo di foto di fighe messe in rete con l’hai phone. Non ce l’ho. vuoi fare a botte?
E una conzone dovre percepisco vagamente J ax (del quale sono stato fan tra l’ultimo album come articolo trentuno e Decadance. C’è anche quello che l’hanno scorso apriva timidamente al pop e tra cinque anni sarò il nuovo Renzi, almeno è figo.FEDEZ
Le canzoni della pubblicità non le senti con attenzione. Mi sebrava un idiotissimo inno all’estate.
“Ancora un’altra estate arriverà…”
Puoi scommetterci il calendario baby.
Poi becco il video integrale è il testo si occupa di un problema che ho trattato tante volte in passato. Cioè, se tutte le persone sono impegnate a registrare le emozioni della propria vita con lo smarto, ovvio,m le emoziopni si impoveriscono, perché i ricordi sono tali grazie alle emozioni che li sostengono.
C’erasno anche prima le foto, ma uno scatto ti costava, è questo bastava a dar una dimensionew sccettabile al fenomeno.
Poiu c’è sempre stato chi ha preferito riprendere una scopata anziché farla. Sempre per dire. AAllargate il concetto dal compleanno dei figli alla morte dei vostri genitori.
vabbé.In pratica la stesasa canzone usata per due messaggi opposti. Strano. Interessante.Certo.
E invece nel video integrale del pezzo, argutamente titolato Vorrei Ma Non Posto, compare l’immagine di una figa con abbronzatura dorata e lunghi capelli e jeans tagliati fino a mezzo culo (la descrizione potrei averla immaginata). La figa è un ologramma che si dissolve, in tema con la canzone, il ricordo che non vale se non vivi. OPra ci starebbe qualcosa di sconcio ma non mi va di fare battutacce.
La figa ologramma smartfonica svanisce leccando voluttuosamente un Cornetto Algida (pubblicità gratuita).
E qui mi inchino alla superiorità del marketing…    Tu gust is megl che uan, ma quello era un’altro gelato.
Uno spot supera la fetida antinomia occidentale, il dualismo 0/1, e si getta nel mondo dei testi quantici (sapete cos’è un computer quantico? E’ una macchina dove il, biter non esiste perché ogni particella può essere contemporaneamente 0 e 1). Cioè qualunqu cosa tu pensi il gelato te lo magni.
Mi sento di nuovo vecchio, ma capisco che devo pubblicare il fretta quel racconto ucronico ho scritto cinque anni fa, (coglieva certi pericoli di internet ma andava, va riscritto) prima che qualcuno abbia la stessa idea e ci faccia la reclame della, non casuale, Coppa del Nonno.

p.s. leggete la versione corretta, che la tastiera è profonda come la fica di una mula e mi induce all’errore.

download (1)

Tropic^ld° is in da hause

C’era la luna a ridicolizzare le pannocchie e le mie lacrime. E sotto Marte, grosso e rosso come il puntatore laser di un fucile.
Ero in ciabatte in mezzo alle campagne.
Per i soliti motivi, che non ripeto.
Sono a andato via puzzolente, con le scarpe da cuoco, un calzino sì e uno no. La tuta padellata d’olio e farina, capelli e barba unti.
Ho camminato, ed ero lontano dai bambini. Senza credito, senza speranza.
Inoltre il computer nuovo era misteriosamente andato in palla mentre compravo le cicche all’Arci.
Dentro c’erano cento pagine del lavoro che mi tiene lontano da qui. Non per sempre.
Ho ancora, calcolo, circa cinque amici. Definendo amici stretti quelli che puoi chiamare a qualsiasi ora se hai un problema grosso.
Tre femmine e due maschi.
Mi hanno accolto le ragazze a un ora che faceva schifo anche a se stessa.
Lì in preda a doppia ansia ho smontato il laptop a rischio di fottermi la garanzia. Niente bagnato.
MA
mistero: testiera fuori uso. Quando una delle amiche si è alzata io ero nella merda più nera. Dovevo scrivere, dovevo vedere i figli, dovevo dormire. Erano le otto e mezza: mi sono buttato nel letto sfatto e vuoto.
Dormo un po’, mi lavo e vado dai miei, pensavo.
Invece ho passato il pomeriggio a rovinare loro il pomeriggio.
A una certa, senza essermi lavato, mancante di un calzino di merda, sempre Sono sceso a cercare un negozio di cinesi.
Avevano armi, fantasmini, oppio grezzo e bocchini a cinque euri, ma tastiere no. Al quarto bazar, mentre pensavo che non voglio vivere in un mondo dove certi negozi vendono solo fantasmini, o trovato una tastiera blue tooth. Hanno capito che giravo da un po’ le scimmie gialle rotte in culo.
-scian schun scioi?
-oi oi vai vai.
Brutto segno quando parlano una lingua del cazzo davanti a un italiano. Inoltre la mia mamma che mi ha trasmesso quasi tutto ciò che ho di brutto dentro, il resto ce l’ha messo babbo. Io poi ho fatto a giunta. Comunque mi madre mi ha insegnato che è maleducazione parlare in limoncello davanti a uno che non lo parla, e anche parlarsi all’orecchio.
Infatti.
-Benti evro.
-come?
-Benti evro.
-Ho capito, dicevo come, tipo, esticazzi.
-Io no capito.
Un tastierino del cazzo benti euri? E quando scopro che, sapete le tastiere, sopra ogni tasto c’é tipo una lettera o un simbolo.
Anche il tastierino dei limoni a benti euri.
Peccato che non corrispondano a nulla che un mammifero possa riprodurre con l’organo deputato alla fonazione. Dgt. freccetta e viene zigrinatura. Premi parentesi e appare l simbolo del medio alzato mediorientale.
A quel punto la mia mente ha vacillato. Mi disgustavo per il puzzo. Il tastierino funzionava su altri computer, sebbene a casaccio, ma su mio no.
Cambio la password microsoft morisse subito insieme a fb.
Perché la tastiera del laptop riesce a riprodurre cinque o sei lettere.
Sono un genio del compiute, penso. E poi smetto di pensare ciò.
A quanto pare questi nazisti che ti obbligano a metterti la password anche nel buco del culo (ne ho una per cagare e una per gli input, tipo supposte diti e il resto secondo gusti inclinazioni.
Sento il mio vicino di cervello immaginario.
-Inclinazioni una ricca sega, popò di frogio. Continua a mettici i diti ner buostretto, vedrai ci pigli ir vizio!Ir mi cognato Aristide, omo di famiglia, quattro figli, ora è scappato cor parrucchiere. Una figura ar barre. Intendiamoci. Un ber trans, è diverso. E’ la topa del futuro!
Personaggio piuttosto volgare il mio vicino di cervello immaginario.
Dicevo, quei nazi eccetera, hanno deciso che la pass sul mio laptop non è quella valida per tutto, ma solo quella di amministratore locale.
A questo punto, prima tratto male le mie amiche, chiedo loro di farmi l’eutanasia, che pretendo di morire subito, che non mi uccido perché Pepo e Nepi non vogliono ma che…
Loro mi permettono di tiranneggiarle un po’ quando barboneggio da una non casa mia all’altra (sempre non mia) carico di sporte, puzzone, e con un calzino solo. Però poi io preparo dei cocktail che non hanno l’eguale ed esse: svengono, vomitano, mi perdonano.
Ma ieri ero molesto come il famoso fijo der culo, mio caro amico poi annegato in una cascata.
Così ho cominciato a insultare Bill Gates e la morbidezza del califfato nei suoi confronti.
Sono quindi passato a insultare il prestigioso unigenito figlio di Geova e se gli erano rimaste le palle doveva darmi la morte. Sempre sotto gli occhi allibiti di questo barbone che gli colonizzava casa, spadroneggiava e le zittiva se lui non riusciva a smanettare in pace bestemmiando al tempo stesso.
Il mio inconscio ha creato una canzoncina che fa così:

Datemi la morte immediatamente (3)

Datemi la morte

ORA

Se non me la date vi sgozzo la famiglia

Se non me la date accido a piccirilla

Potrei prenderci gusto e a voi che ve ne viene?

fatemi schiattare: ora!

In poco tempo le amiche si rendono conto che è giusto che crepi, e mi sostengono in coro durante il mio inno alla morte di me.
Presto diventò un inno alla loro morte anche,perchè quella musichina giuliva faceva venire a tutti voglia di morire in francese, e non si capiva una mazza perché ciascuno alzava al cielo le variazioni sul tema più adatto al proprio caso visto che invocare la morte è questione di religione, e di imporvvisa disperazione. O di problemi al computer per la seconda volta in un mese canche se lo tratti come le cose sante.
Nel frattempo continuavo a chiedere l’eutanasia, a smanettare su due pc più un tastierino cinese coi tasti in aramaico fonetico.
Cominciai a dondolare facendo mmmm colla bocca piena di colla, ed erano le dieci di notte quando ho smesso.
Nessuno di noi tre è morto, l’altro giorno.
Svariate avventure dopo giunse il mattino.
Pultroppo.
Stamani dovevo morire, per un po’.
Non come Casalingo Moderno, ma come l’uomo sfasciamacchine, il padre che non sa, e almeno sa di non sapere.
Dovete sapere che io ho molte identità non strettamente digitali.
Credo in un certo grado di compartimentazione, e che le identitò multiple possano essere la salvezza di un uomo, no distruggergli la mente.
La prima di identità ha vent’anni.
La usavo per mettere musica e fare musica.
Forse qualcuno sa chi sia Tropicaldo.
Ma nessuno conosce la sua storia.
Tropicaldo è un principe orfano; governa su un atollo dove in realtà non c’è nessun altro della sua tribù.
C’era stato l’unico e segretissimo esperimento nucleare italiano, Tropicaldo è appunto il figlio di un ufficiale della marina che non aveva mai sparato in vita sua. Aveva cominciato come cuoco di bordo e ancora si divertiva a preparare profumatissimi ragù di oloturia per i commilitoni.
Conobbe, l’ufficiale gentil cuoco, una indigena splendida e scureggiona. Ella, a nome Ernia, suonava una chitarra a 39 corde accordate, come voleva una segretissima tradizione, quasi tutte a pene di segugio.
Li conoscete gli italiani.
Tropicaldo non li conosceva.
Prima di accendere il raudo atomico, si trastullarono con presunti problemi tecnici.
Trombavano e cucinavano. Nascevano bei figli, spesso.
Tropicaldo voleva imparare la chitarra dell’Atollo Latta di Sugo. Non ci riusci!
La madre lo mandò in culo, ma Tropicaldo capì che doveva andare a comprare il giornale.
Questo era strano, visto che né il concetto di compravendita, figuriamoci l’idea di “giornale” nell’accezione generica o in quella Montanelliana era sconosciuta agli indigeni.
Avevano una scrittura rudimentale sull’Atollo Latta di Sugo.
Se c’era qualcosa di urgente essi vergavano degli strani segni sui propri escrementi: la sabbia era così leggera che bastava un peto di granseola a cancellare l’alfabeto degli Enterogermin, così si chiamavano i placidi abitanti dell’atollo nella loro lingua.
La parola significava, secondo gli studiosi più accreditati della lingua Enterogermin: acqua amara che ti aiuta a non cagarti addosso. Esperti, si fa per dire. Uno era il cappellano del sottomarino, l’altro era il pusher dell’isola.
Un tizio col nasone capace di distillare un liquore di cocco nel quale faceva macerare alcune alghe e il fegato di una murena velenosa, uno sballo ignorantissimo capace di alterare la struttura spaziotemporale dei suoi clienti. In pratica una droga ideale per un posto dove l’oblio era richiestissimo. Non erano stati inventati i puzzle né il rubabandiera.
Così i tossici Enterogermin sbattevano le palpebre e passavano dieci anni, uscivano a pesca, venivano divorati da un pesce, ed era passato un soffio di luce. Siccome il liquorino truccato lo prendevano tutti, non era raro vedere gente fare cose strane. Una volta si misero in trenta a leccare una palma centenaria per consumarla.
Ci vollero tre generazioni, o tre giorni.
In pratica a Latta di Sugo nessuno sapeva chi stava facendo cosa con chi o chi era figlio di cosa. La storia locale era un delirio. 1220 cartelle incise nella merda con uno steccolo sulla contemplazione della crescita dei coralli.
pusher guadagnava miliardi di conchiglie, ce n-erano tuttavia talmente tante che il povero spacciatore si faceva un culo tanto per fare il liquore , uccidere le murene alla maniera tradizionale, vale a dire togliendo denti al pesce e soffocarlo inserendo la sua testa nel proprio ano. I drogati dovevano andare a fare un bagno nell’acqua verdina e raccogliere conchiglie da centomila. a volte regalavano al pusher maionese di uova di gabbiano e aceto di cocco. Non esplose mai la mania dell’amburger senza h, perché non c’erano mutine sull’isola.
Il pusher pensava ci fosse qualcosa che non tornava, ma non capi’ mai a fondo le fluttazioni del valore della moneta.
Prima dell’esplosione gli Enterogermin vollero istoriare il sommergibile della loro antichissima storia, tramandata sulla merda umana un millennio dopo l’altro.
Presto il mostro rivettato venne decorato dalle merde multicolori degli Entero. Molti mangiavano coralli, e li cagavano. Cosi’ l’istoriata storia dipinta di scoria sul sottomarino Italiano era multicolore. Marrone, rosa, e giallo. Il bellissimo bambino chiamato Tropicaldo come il nonno contadino dell’ufficiale, si bevve una tazza di Batida Locale. Come tutti. Il sottomarino che recava le gesta di quel nobile popolo ( in effetti trascurabile e pernicioso) si immerse nel buio: dopo duecento metri a causa dell’acqua non c’era traccia delle gesta eroiche di quel popolo mite incapace di accordare una chitarra a 39 corde. probabilmente anche le gesta e perfino la religione, per quanto ne sapevano potevano essere sognate da quegli scoppiati il giorno prima.
Gli Enterogermin che sarebbero stati assunti tutti all’inps.
Sarebbero.
Dopo venti miglia marine di navigazione c’era il nostromo al timone,attentissimo agli strumenti mentre beveva un boccale di cocco alghe e fegati.
Mentre moriva stava tornando indietro nel tempo.
Alcuni si erano congelati nel momento precedente all’esplosione, e benche’ il loro corpo fosse ridotto a brandelli di atomi, loro sono ancora li’ a molestare una pentola.
A tagliarsi le unghie con la motosega.
Da Latta di Sugo si vide una colonna di fuoco che si apriva in alto.
Tropicaldo la chiamava la palma atomica, non avendo mai visto un fungo.
Non mori’ ma qualcosa gli successe, perche’ riusci’ a scordare nel modo corretto la chitarra a 39 corde.
Suonava per i granchi mutanti e I topi mutanti importati dal sottomarino italiano.
Granchi e topi si mangiavano a vicenda. Lasciando pesce e cocco a Tropicaldo.
Si fece un chiodo di pelle di corallo e divenne punk.
Filando merda di paguro tricefalo si fece cucire dai topi una camicia avaiana.
L’isola era piena di lattine di birra Peroni vuote e piene. E anche di pizze e mandolini.
Nessuno sa quanto tempo sia passato.
Tropicaldo sembra sempre un ragazzo.
A volte delfini e cavallucci marini enormi portano ragazzi e ragazze che accendono fuochi e lo ascoltano suonare. Poi si accoppiano con lui.
Cosi’ Tropicaldo canta un paradiso distrutto in una lingua incomprensibile a gente che forse non esiste.
Stamattina mi sono trasformato in lui.
E sono stato meglio.

Potete darmi torto?IMG_9255.JPG

I segni dell’Apocalisse, e buona Pasqua.

Galleria

Questa galleria contiene 14 immagini.

Volevo scrivere tante cose, ma ho notato che molti lettori sono in ferie, quindi aspetto che siate tornati. Nel frattempo, e in attesa che vi accorgiate che siamo in guerra.alcune rivelazioni per immagini, dell’Apocalisse che ci aspetta.  

Tempesta di ghiaccio

L’ultima aggressione, un unico lungo tormento di tre giorni. Passata la luna piena, o gli effetti del vaccino o che ne so, era venuta di nuovo a piangere.
-Non sono in grado di avere fig(omissis) eli togliere.
Si è scusata.
-Non le accetto, le tue scuse, devi comportarti diversamente.
-E tu?
-Io ho sbagliato, trattandoti (bla bla bla).
. -Come?
-Nessuno saprà veramente ciò che fai e dici, non ti tradirò mai come hai fatto tu. Ma adesso tu farai quello che devi, e anche io.
-Sì, va bene.
Infatti.
Da allora Salvia è una belva scatenata, no, una belva in attesa di essere scatenata.
Ieri mi ha cacciato dalla sua casa per l’ennesima volta, costringendomi a vagare a vagare soffocato dall’angoscia.
Colpa mia. Colpa tua.
– Vostro padre deve mo(censura).
Vostro padre pensa sempre alla sua fidanzata, che, lo sapete bambini, era un cesso, una cicciona zoccola decerebrata e vostro papà pensa solo a lei che nemmeno lo vuole. Se lo riprendesse almeno
-Bambini le cose non sono così, la mamma dice sciocchezze perché ( censura per noia).
Non è la prima volta. Né la seconda. Né un numero ordinale di volte che io possa vagamente ricordare.
Oggi è passata nella camera da parente povero a casa di Gramigna srl.
C’era una foto di (secretato). Non una gigantografia. Una foto tra le altre, Insieme a quelle di tutte le persone del mio passato che ho trovato, insieme ai disegni dei bimbi, dei miei amici quando ero un amico abbastanza buono da farsi dedicare un disegno.
E’ ripartita la violenza verbale davanti ai nani.
(omissis) ed è andata via.
Poi ha richiamato, come sempre.
-Vieni. Dai.
-Ho paura. Voglio comprare qualcosa da bere se lo fai di nuovo.
-Non ti cago nemmeno, ma non devi bere.
-Sai bene (omissis) occo alcol. Ma devo proteggermi da te, stasera.
-Ti disprezzo, mi fai abbastanza schifo. al momento. Devo dire ai tuoi che sei un beone.
-E m’importa una sega di Gramigna srl. Certo non mi rende la vita facile.
Tipo quando si erano fissati che non pagavo le tasse, o quando si sono messi d’accordo con te per ( omissis).Tu mi hai chiesto aiuto, e io ti sto accanto nonostante quello che mi costa. Ora dici alla tua fantastica ex suocera che non ti affronto se non ho il bombo? Accomodati, spia di questura. Sì stare da te è l’ideale!
Quella sera non sarebbe bastata una botte di mcallan (p.g) a farmi calmare.
CI siamo fermati alla PAM(p.g) alternativa domenicale meno casinista del Carrefour(p.g).
IL problema è che non avevano il Martini Extra Dry.
Il mio ex migliore amico cuoco non credeva che esistesse.
-Ti dico di sì, cazzo!
-Me lo vuoi dire a me che faccio il coco da diecianni?
-Il cuoco mica il barman. E’ una bottiglia verde.
-Non dire cazzate e vai a tagliare il pane.
Erano i chiari segni di (omissis). Infatti poco dopo lui(omissis) erda.
-Non posso dormirci., ma posso farci altre cose. A parte che la settimana scorsa ero solo e tu me lo hai impedito, bru (censura) oia.
Alla PAM non c’era il Martini Extra Dry.
Ero in uno stato mentale pessimo.
MI avessero detto che non esisteva mi sarei fatto portare docile docile alla sezione blindata di psichiatria.
E chi dice che non esistono i manicomi si faccia un bel giro lì.
Ma sarà come l’Extra Dry. Magari me li sono inventati. Non come ciò che segue.
GOGHERO MODERNO N°3 :HEMINGUAY.
Fatto sta che dovevo preparare L’Heminguay senza Dry e senza limoni biologici. Solo succo di limone in bottiglia. Almeno avevo il Tanqueray, E i cetriolini. Ma c’era il maledetto Martini Bianco ( p.g).
Si prende un mixer, nel mio caso un grosso bicchiere, di quelli con lo stelo, per le mance.
Si riempie fino all’orlo di ghiaccio.
Le dosi con un bicchiere non graduato non hanno senso,
Vi dico solo che il Martini Cocktail(p.g) deve essere preparato per due persone. A chi scrive non interessa se ve li bevete tutti e due o li dividete con Salvia.
Dunque versate un po’ di Martini ( magari basta scrivere Pubblicità Gratuita sempre per lo stesso prodotto: Casalingo Moderno usa prodotti Martini, bona lè) nel ghiaccio e cominciate a mescolate veloce badando che il ghiaccio non si scioglia.
Poi, attenti, buttate via tutto il Vermouth dato che è bianco, assolutamente incompatibile con L’Haminguay, L’unica speranza è lasciare solo l’odore, ed è quasi troppo.
Nel ghiaccio sodo e libero da liquidi verserete circa otto cl di Gin, se siete gay usate pure la vodka. Renzi ve lo permette.
Girate girate girate. Forte.
Filtrate in una coppetta, o nel mio caso in un mini tumbler, come fanno all’Harris a Firenze.
A questo punto ci vorrebbe il twist di scorza di limone, strizzando qualche goccia di limone del bicchiere. Quindi create la vostra guarnizione sott’aceto, con le banali ma ottime olive, o con i cetriolini, come preferisco, con le cipolline indicate più per il Gibson (una versione media del cocktail, meno secca) o addirittura frutti rossi; mirtilli, lamponi, questi ultimi non sottaceto, sarebbe meglio.
Ieri sera, a tarda notte, avrei costruito il mio Heminguay fallocratico.

IMG_8986.JPGIMG_8968.JPGIMG_8973.JPGIMG_8957.JPGIMG_9009.JPG-Io ti voglio bene, Salvia
-E allora perché mi fai sbroccare?
-Non lo faccio apposta. Cioè sì. Dopo averle provate tutte, cerco di trattarti con la severità che meriti. Comunque hai richiamato TU, oggi come sempre.
-Ho chiesto ai bimbi se ti volevano, lui ha detto no, lei ha detto sì.
-Non ci credo. Hai chiesto a dei bimbi se vogliono il padre? A bimbi di quell’età? Lo capisci che ci sono mille rag(omissis per noia) no i gesti.
Pepolino mi lascia un disegno sulla scrivania ogni volta che viene. Quanto a Nepitella invece (omissis). Comunque questo dimostra il tuo stato mentale.
-Ah sì, e tu cosa dimostri quando difendi quel cesso di donna?
Salvia fa un inciso rivolta ai bambini. Salvia incide i bambini per la precisione. Adotta la convenzione teatrale del “A parte”, come se non ci fossi,
-Babbo pensa sempre alla sua fidanzata decerebrata, che nemmeno lei lo vuole, ma lui è tutto pieno di lei, pensa solo a lei.
Piango come al solito quando non posso reagire, e non posso andarmene, e il dolore dentro è come la tempesta fuori.
Esco a fumare in mutande, sotto l’acqua gelida e i cigolii del mondo. Tempesta dentro e fuori.
Certo potrei rabbonirla. Chi me lo fa fare di giocarmi la chiorba per una che, come sottolinea Salvia stessa. non mi vuole nemmeno incartato.
“Smettila” la imploro sotto voce mentre piango e fumo una cicca bagnata.
Non può sentirmi.
Continua a urlare.
Nepitella si tappa le orecchie con le mani.
-Smettila ti prego fallo per lei!
-No perché se tu te ne vai noi stiamo benissimo.
-Per niente. Tu mi chiedi aiuto e poi mi fai questo. Tu non sei p(omissis)a. Tu stai male. e se  fossi la causa dei tuoi mali, sparirei dalla vostra vita. Invece sei sempre stata così. Possessiva. Egoista. Infantile. ( Come si possono pronunciare simili frasi nella realtà? Sembrano spiegoni di fiction Rai, ma sono vere.) E le aggressioni (omissis) ola per parola. E’ vero che Gramigna non mi permette(omissis) nte di lasciarti andare.
-Mi fai schifo!
-Ti voglio bene!
-Col cazzo, sai solo frignare e stai sempre a casa mia! Uomo di merda. Quando lo sapranno i bimbi che uomo di merda sei, quello che hai fatto..
-Primo. Se me lo permetti gliene parlerò io stesso, delle droghe ,e capirai invece da che pul(omissis) ica. Tranne un episodio ,il resto è roba vecchia. Con loro mi sono comportato (bla bla bla) evo fare il genitore da solo, perché tu non sei in grado di trasmettere una regola, di insegnare un principio, di spiegare qualcosa.
-E infatti sei pedante, rompicazzo, stai sempre a richiamare i bimbi, fate ques( bla bla bla).
-Quindi io sono palloso e opportunista, vero?
-Ti giuro che non ho mai incontrato un cagacazzi della tua specie.LASCIAMI IN PACE, VATTENE!
-Secondo te perdere il sonno, piangere, sopportare la tua violenza su loro prima di tutto e poi su di me, è una cosa che mi piace? E se non do io le regole minime da insegnare ai figli ,o fai te, che se non sbrocchi guardi la televisione. (Effettivamente sono così palloso da fare invidia a un petalo petaloso, e mi cucinerei come si cucinano i coglioni del bue)-
-Ma lasciami perdere, lasciami andare!
-Io sono qui per t(omissis) ti una persona decente,non posso lasciarti andare.
A parte che puoi uscire anche tutte le sere, andare in vacanza, riposarti dal tuo durissimo lavoro di tre giorni e mezzo settimanali, Avere pasti da consumare in famiglia e la casa più pulita, ma chi se ne frega, come dici te!
Fine ripresa. Salvato dalla campana.
Porto i piccoli a letto.
Sono ipnotizzati di un sonno leggero, trasparente.
Salvia se ne accorge e parte, sbattendo i guantoni mentre mi concedo di desiderare che questo fosse wrestling. Potrei scendere dal ring e scappare. O usare una di quelle sedie per spaccargliela sulla schiena.
Eppure avevo fatto del mio meglio.
Le avevo detto di riposarsi mentre l’acqua del bagno arrivava a livello.
Nel frattempo stavo coi bimbi e cucinavo soul food. T bone e patate fritte. Insegno a Nepi come si tagliano le verdure a fiammifero. Solo in teoria. Le patate sono delle troie maledette, capace di guidare il coltello su nervi e ossa della tua mano.
Cucinare con un fuoco e mezzo funzionanti è pura virtù.
Scaldare la piastra di ghisa molto prima di quanto sia accettabile. Cuocere le patate nell’olio a 180°, fare continui e oscuri scambi tra la padella e la piastra. Oscuri per voi.
Ho già parlato altrove delle patate fritte, anche se si tratta di un argomento inesauribile e affascinante. Forse il cibo che consente di imparare più nozioni su chimica e fisica in cucina.
La fiorentina si vede poco in questa casa, ma era in promozione e probabilmente è stata sottratta alle leggi del mercato. La legge è: cinque minuti per lato compresi i lati, essendo più o meno triangolare sarebbero venticinque minuti per una bistecca al sangue. Al sangue significa che dentro sembra cruda ma comunque il calore ha raggiunto il centro del taglio.
Inoltre La Regola vorrebbe una cottura rigorosamente alla brace di legna, che conferisce un lieve gusto affumicato.
Ma io non dispongo di una brace di legna aromatica, bensì di una cucina a gas con un fuoco e mezzo. Inoltre l’autentica cottura al sangue è eccessiva per i bimbi. Anche se Salvia, come tutte le belve e Gollum, si nutrirebbe solo di carne cruda strappata da animali,, compresi esemplari di Sapiens Sapiens, ancora vivi.
La virtù sta nel mezzo ma scontenta tutti. Ho cotto la carne “media” , il limite oltre il quale gli spocchiosi osti fiorentini si rifiutano di andare.
“E si sciupa la ciccia! Se vor mangiare carne carbonizzata la si metta all’aspetto vicino a una rothonda e primha o phoi un bel tamponamentho morthale con incendio dei cadhaveri lo throva sicuro”
“Allora non gi torgniamo più in guesto posdo, andiamo via Andò”
“Un si preoccuphi signora, la  thorni pure da dove viene a mangiare budella fritte, o cosa mangiate in therronia! E thante  care cose!”
Una volta cotta “media”, cioè mediamente al sangue, non rossa ma rosa scuro, si avvolge il bimbo nell’alluminio per cinque minuti. A quel punto la ciccia andrebbe servita così ma io l’ho trasformata in tagliata, visto che sarebbe bastata per tutti e avrei comunque dovuto tagliarla per i figli.

IMG_9007IMG_8981IMG_8970.JPG

IMG_9002.JPGIMG_8998.JPGIl risultato non era male.
Ma il Dio crudele rifiutò l’offerta e scatenò la sua ira.
E la campana era suonata.
Salvia mi mette all’angolo.Subito.
Continua a insultarmi e stavolta  urlo anch’io,
-Guardami!
-Come?
-Guardami! Guarda come sono ridotto. Non mi fai scrivere, non mi fai fare il padre, me ne fai passare di tutti i colori. E i bambini, li stai massacrando.
-…
-Non ti permettere di piangere! Salvia, guardami.
-Ti guardo.
– Lo sai che non duro fino a capodanno se fai così. Non sarebbe più comodo per me, vedere i bimbi ogni tanto, portarli a spasso e starci insieme quando ho la casa libera?
-…
IO ho sbagliato con te, sempre. Pensando di farti felice mentre sei una donna incontentabile che porta con sé l’infelicità. Da quando ti ho conosciuta ( omissis)
. -E’ per questo che dicevi a quella cagna che sarebbe stato bello incontrarla prima di fare figli con me?
-Veramente lo diceva lei. Ma non è un rimpianto per i figli. E’ un rimpianto per qualcosa che non puoi capire, sopratutto se ti metti a spiare la corrispondenza privata di due persone.Pensi che rimpianga i miei figli?
Nepitella appare. E’ di nuovo in piedi nel corridoio.
Piange.Si stringe la testa. Provo a richiamare l’attenzione di Salvia, ma non capisce. Urla.
-Penso che che sei ancora fissato con quella cagna del cazzo, bocchinara mal(censura).
-No. E se lei parlava male di t(omissis) sulti perché non rin(omissis) e dici.
-Ah sì, e a me che me ne frega?
-Comunque Salvia,si chiama Tropea. E ora te addormenta la bimba che continua a piangere. Non ti vergogni di continuare così?
Salvia rinsavisce di botto e va in camera, svu Abbraccio la bimba.
Le accosto la bocca all’orecchio.
Le massaggio la schiena.
-Amore, ora vai a far addormentare la mamma. Lei non le pensa queste cose, è la rabbia che parla per lei. Lei ti ama tanto, come il babbo.
-E perché piangi?
-Io piango solo perché non voglio risponderle davanti a voi. E per fortuna che Pepo dorme…
-Perché?
– Sennò pisciava a letto sue settimane.
-Abbozzo una risatina, anche lei ridacchia. Mi asciuga gli occhi
-Sei la mia bimba speciale.
-Lo so babbo.
Rientra in camera. Non dormirò mai. Ma, cazzo, c’è il Martini da preparare.
Entro in bagno per sciacquarmi il viso.
Guardo lo specchio per puro caso.
Guardami, gli dico.
Tiro fuori una foto per ducumenti datata 16 giugno 2014.
Un anno e mezzo fa.
Un altro uomo.
“Guardami”dico, al tizio che mi fissa.
-Tu mi riconosci?

ghost track
notte di martini mattina di incubi. Ricordo solo che ho lasciato in cucina la trascrizione della lite. Ormai un format che ha rotto le palle anche ai topi che infestano la rimessa. e la mia testa. e non riesco a trasmesttere la frustrazione di Salvia per quello che non riesce a fare, e non voglio descrivermi virtuoso. Io le voglio bene. E anche lei. Potrei odiarla se davvero mi imprigionasse nel ruolo di palloso agitatore di dito indice. Ognuno prigioniero del suo ruolo. Due cattivi, due buoni, non buoni e nemmeno cattivi. Un padre e una madre che, per circostanze varie, meritano di farsi levare i bimbi.

Gli strozzini su facebook a caccia di casalinghi!

casalingoII

Cari passeggeri del Titanic, mentre voi ballate un ritmo medium swing invece di pentirvi dei vostri peccati e imparare a sopravvivere, mi è giunta questa missiva come commento a un  post ripubblicato su un gruppo sulla spesa consapevole.
Questa è una notizia che al tg4 sarebbe in apertura, noi diamole in gisto rilievo, senza sottovalutarla.
Quando parlo di controllo elettronico delle nostre vite, parlo sdi algoritmi, motori di ricerca dedicati oltre che travccaibilità di ogni cosa e sorveglianza diretta attraverso le videocamere.
Lo scrivevo in un saggio del 2007, quantomai profetico, che le tracce elttroniche della nostra vita formano un’immagine di noi, sono di fatto noi, e ci rendono individuabili come le falene dai pipistrelli per mezzo di un sonar.
E’ un concetto complesso riassumibile in poche parole:
Molti sanno tutto di te.
Non ve ne frega? Lo so, avete lo smartfone con Soda Crack Saga, il videogioco che ti fa cucinare milioni di chili di coca cloridrata per trasformarla in crack da fumare e spacciarlo davanti alle scuole. E’ così il gioco, le caramelle sono una copertura.
Intanto ecco uil commento come l’ho ricevuto.
Fernadez Flor Washington Abraham.
Hola

Yo soy una persona que se encuentra en Francia,me dirijo hacia cualquier persona en la necesidad de que el informe que puedo hacer préstamos de dinero (dinero)
5.000 €/$ 500. 000. 000 €/$ a cualquier persona capaz de pagar con una tasa de interés del 2% por año y períodos que van desde 1 año a 30 años, dependiendo de lacantidad solicitada.
Lo hago en las siguientes áreas :-Préstamo inicio – préstamo Financiero – Préstamo de bienes raíces – un Préstamo que es la inversión del Préstamo
para automóvil – deuda de consolidación – rescate de crédito – Préstamo personal . Si usted tiene realmente necesita , no dude en cuenta para escribir a mí para obtener
más información.
aquí está el
correo electrónico:mariusdumon1@gmail.com
Il gruppo è ITALIAN FOOD COMMUNITY GUIDA ALLA SPESA. CONTROLLATE!
Ora, dovrei denunciare un indirizzo mail agli sbirri o contattarlo trasformandomi in giornalista di inchiesta, ma non c’è nulla da indagare: strozzini gitani, probabilmente ( lo dico perché il tipo sta in francia ma scrive in spagnolo) ma non è detto. Ti fai un viaggio a Nizza con la macchina da ventimila euro e torni a casa con 2000.
Io ho debiti, per le macchine che ho distrutto, per le tasse che mi uccidono anche se non guadagno nulla.
Io ho debiti come tutti i padri di famiglia e le madri di famiglia che non appartengano alla fascia sempre più ristretta di Italiani benestanti.
Riguarda la famiglia?
Per la famiglia i soldi sono importanti come l’amore.
Un minimo di soldi.
La vecchia piccola borghesia, asfittica e criminale, rappresenta un tenore di vita quasi utopico per me.
E quando ti va bene, hai genitori ricchi che comprano gli occhiali a tua figlia.
Ma in cambio mettono bocca sulla tua vita, ti distruggono come genitore, perché fanno parte della borghesia benestante, non davvero ricca, asfittica e criminale quanto quella piccolasolo con più soldi.
Fare debiti può essere indispensabile, ma spesso non basta.
Io adesso dovrei pagare una terapia per uno dei miei bimbi e non posso, quindi comincerò e poi smetterò e poi ricomincerò e così via.
Vi rendete conto cosa significhi questo per un padre?
Eppure la NOSTRA schizofrenia ci porta a replicare stili di vita insostenibili.
La mia ultima vacanza è stata di una settimana s Cagliari nel 2011 quando lavoravo. E ancora prima nel 2007. Sempre una settimana.
Però uno dei motivi principali delle mie liti, della mia separazione, sono le futilità costose che ai bambini non devono mancare.
Non me ne frega se lo pago io o lei se Nepi va in seconda elementare e le vengono ricomprati astuccio e cartella senza motivo, io non mi arrabbio, mi viene da predere a cazzotti il muro. Perchè quei soldi sono due visite specialistiche ( a basso costo).
Lo stesso per i regali.
Se io regalo a Pepolino per dire, un chilo di pongo e un libro del dr. Seuss e a Nepitella l’edizione illustrata (disegni vittoriani) del romanzo di Peter Pan, loro dovrebbero essere felici. E lo sono.
Ma se questo succede subito dopo che Pepolino ha ricevuto un soldato imperiale di Guerre Stellari(pubblicità gratuita) alto come lui, giuro, e Nepitella il fottuto CASTELLO DI FROZEN grande come un monolocale, loro non cagheranno i miei regali simbolici e amorevoli, e fin qui cazzi miei. Ma finiranno per pretendere regali (pubblicizzati a randa sui canali per bambini anche a pagamento) con i quali di fatto giocano due ore nella vita.
Non so se mi spiego. Sono assuefatti ai regali, non gliene frega un cazzo, per loro piovono dal cielo e sono dovuti.
Questo perché parenti psicopatici pensano che questo sia un peccato veniale.
Quel rompicazzo del padre non vuole che gli regaliamo i giochi? E noi glieli diamo uguale, tanto che può fare?
Non può fare niente.
Odio gli Hippy. La loro puzza di piedi e marijuana stantia, il loro principi isolazionisti.
Voglio che mio figlio si vesta bene e gli auguro di avere lo stile di suo padre.
Spero che la bambina sia felice e riesca ad esprimere le immense doti che ha in questo mondo di merda, non in un eremo sull’appennino.
Tuttavia non è un mio problema. E’ un mondo, un’Italia molto impoverita, e bisogna abituare i bambini a questo orizzonte. A un futuro con la disocccupazione stabile al venti per cento, ad una miseria diffusa, a città pericolose. Ma anche alla gioia di aspettare un regalo per un anno, e tenerlo di conto, ed amarlo. Capire che ogni euro speso è un’euro tolto a un’altra cosa importante.
Se dico questo ai nonni dei miei figli, mi trattano da maniaco.
Ma so quello che dico. Mentre i giocattoli ricevuti un mese fa sono già dimenticati, ci sono necessità e urgenze alle quali non posso far fronte.
Che faccio chiamo lo strozzino di internet?
Intanto venderò un po’ di giocattoli, poi se ne parla. Ma la lotta contro Disney (pubblicità gratuita) è persa in partenza. Le apocalissi non vengono per caso.

Ah, questo è lo strozzino, così come si rappresenta. Forse ha rubato una foto.

10274257_118502645191336_150736017478048824_n

E questa è la pagina dove trovate la lettera e le indicazioni per raggiungere il suo profilo.

https://www.facebook.com/groups/italianfoodcommunity/permalink/559565780886648/?comment_id=574524806057412&notif_t=group_comment

 

Le Ricette del mio Natale Pezzente. Buone sempre anche per l’introspezione (II)

IMG_8349

Il mio lungo mese natalizio.
E’ stato strano trovarsi accanto a una donna che ho disprezzato, odiato oltre che amato.
Dice: Nuova Fase.
No. Nuova merda in arrivo.
Salvia è confusa, in crisi, i bambini mi vogliono in casa e più ci stai peggio è. Lei mi da dello sguattero, mi caccia e poi mi richiama.
“Chi resta tanto non va più via, quindi te non ti muovi”.
Logica ferrea di Pepolino.
Certo, voi dovete ancora sapere tutto del recente passato.
Sapete che ho avuto una donna, questo sì. Ma non quando come e perché.
L’ho tradita in due modi alla fine
Salvia ha avuto un ruolo in questo, e ha attivamente cercato di allontanarmi da lei.
Operazione riuscita.
Quella notte sono morto. Poi le parole mi hanno rimesso insieme, e niente di rimette in forma come divorare i vermi che si nutrono di te.
Ci pensavo oggi.
Alla vicenda, non alla mia morte e resurrezione.
Pensavo questo.
Comunque sia io non mi libererò mai di questa donna.
Se me lo chiedesse la madre decente che non ho mai avuto, risponderei che non posso vivere senza comunicare con la madre dei miei figli.
Senza volerle bene.
Lo so che è una situazione frequente, ma io non riesco a credere che sia possibile non parlare con una persona che è stata così importante nella Voglio credere che io, Salvia e i bimbi continuiamo ad essere una famiglia light. Come i formaggi sì. Un gruppo di persone reciprocamente guidate dall’amore, da una qualche forma d’amore e non da regole stabilite da leggi e avvocati.
Molto probabile che io sia il solito illuso.
Sono cresciuto legatissimo ai frutti dei miei stessi genitori biologici. Eppure ci ho litigato, o loro con me. La lontanza. Valori diversi. Ma questa era la mia famiglia.
Quando le cose sono andate in merda dicevo ce la devo fare, anche prima che nascessero eh, ce la devo fare perché questa è la mia famiglia.
Ecco l’errore centrale della mia vita,in mezzo a un bersaglio dal centro con molti buchi, e molto vicini.
Non riguarda solo Salvia.
Per tutta la vita ho sentito il dovere di assumermi responsabilità, anche oltre il dovuto. Bella cosa le responsabilità, ma questi sacchi di sabbia che trasportavo senza criterio su e giù da una scala a chiocciola, mi succhiavano l’energia. Bevevano il mio sudore. Scorticavano la pelle della mia schiena con la tela ruvida poi la tela mangiava la mia carne viva e dava sangue caldo da bere alla sabbia, e la sabbia sciaguattava su e giù cantandomi una canzone tutto il giorno.
Shh, shh, sono qui e non ti lash, la sh, la shio.
Ci ho messo più di trent’anni a capire come rifiutare i ricatti affettivi degli altri, e ancora sto lavorando sui miei.
Quella ragazza che vedevo mi disse che la mia vita era costellata di autosabotaggi.
Non ho mai smesso di rifletterci. E’ vero.
Facciamo finta che l’inconscio, le pulsioni di morte, il peso del passato, facciamo finta che tutto ciò non esista.
Esiste quello che voglio fare, e quello che devo fare.
Per tanto tempo, troppo, quello che dovevo mi impediva di fare quello che volevo.
Un giorno, tra edifici che crollavano, e mareggiate implacabili che avrebbero costretto l’Istituto Geografico a organizzare una spedizione per disegnare i miei nuovi confini, ho compreso.
Devo fare quello che voglio.
Detta così sembra un personaggio di Fabio Volo che scappa all’altare perché non vuole vendere, che cazzo ne so, il monopattino a motore.
O la bambola per adulti perfetta in ogni particolare, costo settemilanovecentonovantanove dollari.
Invece scoprire cosa voglio è capire chi sono.
In un film, sopratutto un film italiano, questo risolverebbe tutto.
Col razzo. Notato? Ho scritto razzo invece di cazzo. Meno parolacce.
Ci siete sempre?
Qualcuno, non tutti, vero?
Ricordate che questa è una ricetta.
E in fondo al pezzo ci sarà un’altra ricetta, di quelle vere, utili per preparare cibo.
So chi sono, so chi voglio, so tutto.
Ma il sabotatore che mi abita piazza bombe e lancia siluri.
Perché io posso spostare, annullare, cagare sugli impegni che ho preso con me stesso.
Salvia che piange è un sabotaggio?
Perché non posso vederla star male e voglio aiutarla, anche se lei mi uccide ogni giorno?
Conta la mia intransigenza simbolica?
Non ti perdono, comportati meglio. Intanto chiedi scusa ai tuoi figli, cazzo. Anzi razzo. No, meglio cazzo.
Ci ho provato a non scrivere troppo cazzo.
Se stessi parlando potreste obbiettare che ho la bocca piena di cazzo.
Invece è corretto dire che su ogni polpastrello palpita un grosso caldo cazzo di negro.
Si vince e si perde; ho perso la mia lotta contro il cazzo.
Non mi frega un razzo di essere un vincente. Non sono mica Tom Cruise, o Renzi.
Io mi accontento che azioni, volontà, dovere, verità, tutto questo vada in una sola direzione: un uomo consapevole in cammino verso un tram, convinto di poterlo distruggere a testate, in fondo è quasi tutta merda di legno.
Il fallimento è dignitoso, nobile, accettabile, se non sei tu a scavarti la fossa.
La mia vita è una lunga collezione di proiettili alla schiena a un passo dalla salvezza, sulla linea del confine.
Ora basta, razzo del cazzo, o cazzo a razzo, meglio.
In fondo il razzo e il cazzo sono la stessa cosa, nei sogni.
Tuttavia l’acciaio non è un lavoro in pelle.
La carne si gonfia. Il razzo è già grosso di suo, tanto che dopo un po’ perde pezzi, si accorcia. E rimane parecchio più lungo del cazzo.
Il razzo produce scarichi mentre il cazzo espelle girini in bagno proteico, per dire, tante cose sono diverse e uguali, per certi aspetti.
Così il fallimento è identico al successo, se perseguito con la stessa cazzimma.
Ogni giorno esercito il diritto di scelta. Devo capire quante di quelle possibilità sono agenti sabotatori e quali i miei doveri di sguattero padre col cuore incapsulato nel calcestruzzo.
Scendendo dalle nuvole rosa della speculazione, mi tocca capire quante notti in questa casa sono importanti e quante deviazioni di percorso.

IMG_8627.JPG

Stare dietro ai miei figli malati è un dovere paterno come credo, o sono un fanatico?
Tengo Gramigna lontani dai bambini rinunciando a ore e ore di lavoro perché Gramigna s.r.l. sono assassini di desideri, ricattatori, sciacalli che pattugliano i fallimenti familiari per rilevare il magazzino in contanti. Ne vale la pena?
Tanto il mondo arriverà al cuore dei miei piccoli e lo romperà senza manco nascondere i cocci.

IMG_8630
E cercare di aiutare Salvia a superare l’inferno non è pretenzioso?
Primo, non mi sembra di essere un esempio di serena illuminazione.
Secondo, stare con lei a qualunque costo per undici anni e rotti, non è stato un atto di presunzione e masochismo?
Non sono riuscito a guarirla dal suo demone, e ne ho prese tante che mi tiene insieme l’American Belt, quel nastro argentato e telato, capace di riparare una marmitta o uno Stradivari (pubblicità gratuita, non per Stradivari per il nastro adesivo).
Mille scelte al giorno, commettere errori, rompersi il culo, accettando un fallimento onesto come un successo: potrebbe essere tutto qui.
A pensarci meglio passare alla ricetta.
Cena consolatoria. Colazione da notti bianche. Endorfine da scarti caseari innominabili e celestiali come il peccato.
In confronto un happy meal è una zuppa di crusca e Multicentrum ( pubblicità gratuita).
Ma vanno bene anche per i piccoli, ammesso che dopo cena facciano una lavanda gastrica. Non è vero. Basta nutrirli bene, d’abitudine. A quel punto un po’ di veleno li prepara al mondo che li aspetta fuori con una mazza da baseball.
Procedete così.
Non esistono alternative a questa ricetta.
Non sono concepibili versione sane di questo pasto.
Si chiama Toast Tutto Dulano ( P.G.)

IMG_8311
Andate alla Lidl (P.G.) e nutritevi gli occhi dei miserabili come voi che non hanno capito un cazzo, un razzo, un lazzo o un mazzo di economia domestica. Riempiono i carrelli di precotti a basso costo, sempre maggiore di un alimento sano e fresco da cucinare. Merendine, biscotti, gazzose, in apparenza economiche. In realtà solo sfizi da evitare. Un euro per quattro muffin ripieni di grasso vegetale ignoto? Un euro buttato.
Mentre lotti per il cibo, uno squalo coi soldi si arricchisce alle aste fallimentari.
Mentre Renzi dice che la crisi è finita e pone le basi per la dittatura del governo senza essere nemmeno eletto parlamentare, un signore coi soldi è a casa della signora col carrello pieno di liquirizie crucche senza liquirizia. Sta contrattando col marito il prezzo della loro unica casa. La contrattazione avviene così: ogni minuto che passa l’offerta scende.
“Io voglio solo aiutarla.”
“Ma non saprei…”
“Ancora mille euro in meno. Siamo a.”
“Si fermi, la vendo. Ma si fermi!”
La signora è alla cassa, ignara del prossimo trasferimento in un miniappartamento sui fossi di Bientina, zona commerciale.
Non guardatela. Correte al banco frigo sulla vostra sinistra e procuratevi due confezioni di sottilette arancioni, sono inconfondibili.
Due metri oltre ci sono i salumi Dulano, ricavati da maiali morti male e vissuti peggio.
Cercate la spalla da toast, o meglio, il prosciutto affumicato. Due scatole.
Ora recatevi nella corsia alla vostra estrema destra. Scovate e incamerate due confezioni di spianatine da tramezzino.
Costano un cazzo e sono grandi il doppio di quelle normali.
Infine prelevate due birre weiss o lager, tedesche. E bibite per i famigli.
Fate la coda con pazienza. Avrete sistemato la merce dentro un cartone vuoto, i market ne è pieno.
Alla fine pagherete una cifra tra i sei e i nove euro, bibite comprese: sono 20, 40 centesimi a toast più birra.
Poco per una vera orgia di affumicature chimiche e sbavature collose arancioni sul vostro maglione.
Lo sapete fare un toast?
Questo è diverso. Ognuno vale doppio.
Disponete una sottiletta e una seconda tagliata e disposta attorno all’altra fino a coprire mezza spianatina.
Ora aggiungete il porco, in quantità adeguate.
State attenti se potete a non rompere il pane quando lo piegate. Impedirà al surrogato di formaggio di sfuggire nell’aggeggio.
Scegliete il grado di cottura, purché la sottiletta di sciolga irreversibilmente. Quel polimero tende a solidificare subito, a meno che non superi una certa temperatura.
Ora tagliate il toast disposto sui piatti in diagonale.
Per i bambini ripetete, ottenendo quattro pezzi.
Agguantate la birra gelida da poco prezzo, accendete la tele su un programma di liposuzioni, e alternate un morso e un sorso alla birra.
Raggiungete il Nirvana con comodo, e fatemi sapere.

IMG_8631

IMG_8633

IMG_8632

IMG_8639

 

Le ricette del mio Natale pezzente. Buone per tutti i giorni (I)

IMG_8684Piacerebbe anche a me postare più ricette ma non cucino più come prima dato che sto dai miei figli secondo l’uzzolo della loro madre.
Tuttavia queste tre settimane natalizie l’ho fatto, fronteggiando tre nemici.
La stanchezza, le condizioni della cucina (lavastoviglie rotta, forno mezzo rotto, fuochi uno e mezzo su quattro funzionanti, frigo al lumicino) e la miseria. La povertà, la mancanza di pilla, pura e semplice.
Nei tre anni precedenti ( due di blogging regolare) avete potuto osservare una curva discendente dei nostri consumi.
Dalla spesa oculata che ti permette di avere tutto quello che sei abituato a comprare, spendendo la metà fino alla rinuncia quasi definitiva a una serie di slimenti (ma non alle classi alimentari corrispondenti).
Per esempio io oggi, una rana pescatrice non la compro, non me la posso permettere neanche in offerta.
La fiorentina è un evento trimestrale, e così via.
C’è da dire che faccio meno la spesa,perché non essendo più in casa mia, posso avereun controllo diretto su quello che cucino quel giorno, non sulla gestione della dispensa.
Oggi riesco a mettere la famiglia a tavola con tre o quattro euro, regolarmente. Se abitassi ancora con loro dimezzerei le spese di gestione di un altro cinquanta per cento.
Nel 2011 spendevo circa 110 euro per lo spesone, e un’altra ventina per le integrazioni.
Oggi una spesa per tre , quattro giorni, può costarmi anche venticinque euro, mai più di trentacinque.
Per i nuovi lettori consultate i vari manuali della spesa che ho pubblicato: rimangono validi nei principi.
Vale a dire: spese piccole, basate sui pasti programmati, più dispensa meno frigo ( fate le conserve in casa ORA E’ ESSENZIALE non più uno sfizio da fighetti. usare gli avanzi, consumare legumi e pesce azzurro, e poca carne di prima qualità ma di tagli meno nobili.
Poi stringi stringi, torneranno a sparire i gatti, vedrete. E se ne avrò bisogno sarò il primo a cacciarli scuoiarli e cucinarli. Voi non avete idea del futuro che ci aspetta, io sì perché ho rimosso le protezioni che la mente crea per farci vivere serenamente sull’orlo del disastro. Tanto non vivevo sereno nemmeno prima.
Il gatto lo farei con la polenta, dopo averlo ucciso con una martellata alla base del cranio o recidendo il tronco encefalico, nella stessa zona, con una lama molto affilata. Non devono soffrire. Dovrei imparare a scuoiarli, ma troverò dei tutorial su internet.
La stessa cosa vale per larve e insetti. Un mio amico ha la fissa da anni, vuole mettere su un’allevamento di insetti mangiabili.
Mangiamo i crostacei, che sono grossi e disgustosi insetti di mare, non vedo perché non potremmo fare lo stesso con larve e cavallette. Inoltre se lo fanno in Cina, l’unico paese in grado di rivaleggiare con l’italia per complessità, varietà e qualità della cucina. Allora potremmo farlo anche noi.
Se avete ancora fame vi racconto cosa abbiamo mangiato la famosa notte della vigilia, che ho già descritto nei suoi aspetti tragicomici nel post:
https://casalingomoderno.com/2015/12/31/canto-di-natale-casalingo/
Fish and chips tradizionale con pandoro Coop in padella su crema pasticcera fredda. (Questo era il dolce,poi di fatto, ho invertito: pandoro freddo e crema calda, ma l’originale è meglio perché il pandoro è squisito adeguatamente passato al fuoco, il grasso animale lo fa sigillare come un pezzo di carne e, se è una cena per adulti potete aggiungere una riduzione alcolica e aromatica ma lasciamo perdere.)
La Spesa è stata di circa dieci euro ma era sufficiente per sei persone adulte quindi davvero una miseria per una cena di festa. Salvia, visto che non ci siamo fatti ragali, Mi ha comprato tre birre Chimay ( pubblicità gratuita), la blu, la rossa e la bianca ( mai assaggiata prima di allora) ma non le faccio entrare nel computo perché potete bere un prosecco doc a meno di tre euro a bottiglia. o della semplice lager, o una birra rossa da poco come quella che ho usato per la pastella. Ho usato la birra Castello che adoro, (pubblicità gratuita)peccato non si trovi più quella bionda. il merluzzo si trova fresco di ottima qualità a un prezzo medio di dieci euro il chilo per il trancio centrale, ma Salvia ha trovato i filetti Findus sottocosto alla Coop, li ha comprati ed ha fatto benissimo. Un surgelato di alta qualità, sopratutto se lo devi friggere, può essere meglio del fresco che trovate quel giorno. Ma mai meglio del miglior fresco. Non vi sbattete a togliere le spine con la pinzetta per le sopracciglia e per chi lo deve fare è un grande più.
In compenso bisogna prestare attenzione a scongelare bene i filetti, liberandoli dell’acqua in eccesso che contengono senza distruggerli.
Le dosi della pastella sono per quattrocento grammi di filetti di merluzzo. Noi ne avevamo ottocento, e sono stra-avanzati (ma il ventisette erano comunque spariti, e non certo nella rumenta).
Come faccio spesso, ho tratto la mia ricetta da una serie di ricette tradizionali inglesi e scozzesi, è creando una mia versione, nel caso lo ritenga necessario, a partire da quello che ho trovato.
QUindi:
Un uovo
una birra Castello rossa
Farine assortite per circa quattrocento grammi (siccome la consistenza della pastella può variare secondo la qualità della farina e anche in funzione dell’umidità atmosferica dovrete usare la testa E GLI OCCHI. Vogliamo ottenere una pastella liquida tendente al denso, considerate che durante la fermentazione il composto acquisterà molta densità. Alla fine della fiera bisogna che l’intruglio rimanga avvolto intorno al pesce isolandolo completamente dall’olio. Va bene anche l’olio di girasole, visto che l’olio di arachidi è salito alle stelle. Ma non usate mai l’olio di semi vari dove c’è la palma che andrebbe messa fuorilegge. Per chi ha del vecchio olio di oliva, può mischiarlo, purché abbia perso sapore. L’olio in questo caso deve essere neutrale come la fottuta svizzera.
Le farine: potete usare una farina ordinaria, ma io ho utilizzato cento grammi di farina 00, centocinquanta grammi di fioretto di mais ( non la farina per polenta, IL FIORETTO la farina di mais più fine, equivalente alla 00 di grano) più centocinquanta grammi di una farina artigianale macinata a pietra di grana grossa, numero 1 addirittura. Saper combinare le farine è faccenda complessa, che si impara soprattutto panificando. IO HO RISULTATI DAVVERO BUONI MA BISOGNA STUDIARE LE QUALITA’ DELLE FARINE senza parlare dei lieviti, che potete anche creare in casa. La farina non è solo faccenda di macinatura. C’è il taaso proteico, come nella Manitoba, dove è molto alto. Ogni caratteristica può essere utilizzata a nostro vantaggio in un mix ma ci vuole esperienza. Io non sono in grado di insegnarvi questo, mi limito a riportare la ricetta che mi ha dato soddisfazione.
Il tuorlo va separato e aggiunto alla mista.
Il bianco lo sbattete a neve con una frusta a mano e lo aggiungete alla fine. Non è il caso di sporcare aggeggi elettrici per sbattere un bianco d’uovo e se non siete in grado vuol dire che vi siete fatti troppe poche seghe nella vita. O, se siete donne, che ne AVETE FATTE POCHE: vergogna!
Insomma quando avrete una pastella della consistenza giusta, anche aggiungendo farina o birra, indipendentemente dalle dosi. Fanculo le dosi. Si può aggiungere del tabasco. O qualunque altro tocco segreto da chef televisivo del cazzo. Il tabasco è traditional. Approvato. Il coriandolo no. non l’avevo considerato.
Sopratutto lontano dal carnevale.
Ah. Ah. Ridere ORA. basta.
Mettete la pastella a riposare in frigo e più ci sta meglio viene il piatto.
Ora vi cimenterete con le patate, che dovranno essere sode come il culo di una sedicenne che danza e va a scuola in bici. No di più.
Dovrete tagliarle a spicchi lunghi e spessi. Questo non è un obbligo di legge, è il fish anf chips che mangiavo da ragazzo a Londra e che non si trova più nemmeno a Londra. Sono spariti tutti dal centro. Soppiantati dai kebabbari. In compenso il f+c è diventato un piatto fighetto da ristorante, così quello che una volta pagavi come un menù del MERDONALD ora ti costa venti sterline, più il bere, più la mancia, più il cazzo che ti frega.
Mangio il kebab a Londra e il Fish & CHipa a Pisa. Se non avete nulla in contrario.
Torniamo alle patate. Nelle ricette che troverete in rete, vi diranno che pci vuole la doppia cottura. Non è una bugia. Ma ho scoperto che tre è meglio di due. Noi vogliamo avere delle delle patate fritte superlative, che spaccano il culo e qui ci sarebbe da scrivere un libro, sulle patate fritte, ma non raramente vengono pubblicati post con libri in regalo.
Limitiamoci a queste. Il problema è che sono grossi spicchi di patata. Teneteli nell’acqua fredda cambiandola spesso se non volete sprecare acqua corrente. L’operazione toglie amido in eccesso. Se fate un purè l’amido vi serve perchè lega, ma la patata fritta troppo inamidata si ammoscia. e noi la vogliamo croccante come un lenzuolo appena stirato, ma dentro morbida, quasi sciolta.
Allora la prima cottura sarà in acqua bollente e leggermente salata con le patate ancora intere, per circa sette minuti. Buttatele subito sotto l’acqua fredda per interrompere il processo di cottura. Questo vale, mi riferisco ai tempi, se state usando quelle patate enormi da tre quattro etti l’una.
Quando hanno perso tutto il calore, accendete la padella di ferro o il wok con almeno un litro d’olio, che la frittura deve essere a immersione. Le temperature della frittura io le percepisco in modo sovrannaturale voi usate un termometro perché questa prima frittura deve essere a 130 gradi. Cioè l’olio sarà un po’ più caldo per compensare la perdita di calore quando ci buttate gli spicchi, un po’ alla volta per 8 dieci minuti. Se la temoeratura è troppo bassa le patate si impregnano d’olio, se è troppo alta si cuociono del tutto, ma rimango crude dentro. Dovete estrarle prima che comincino a dorare. E metterne nella carta assorbente a raffreddare.
Nel frattempo preparate la tavola, e se ci riuscite, Salvia non ci è riuscita, create dei coni con semplice carta di quotidiano. Ora è vietato commercializzare cibo nella carta di giornale ma quando ero giovane te le servivano così e c’era questa cosa molto poetica, quanto malsana, come tutte le cose belle, che le lettere si stampavano al contrario sulle patate che rimanevano a contatto con la pagina più a lungo. A volte riuscivi a leggere una parola, e quando succedeva eri felice senza sapere perché, dato che in fondo stavi mangiando inchiostro di giornale, ma sti cazzi.

IMG_8668IMG_8666
A tavola non devono mancare il Ketchup e l’aceto. In Inghilterra non davono la maionese col fish and chips. ed è comprensibile perché spesso ti mangiavi una roba divina ma unta, e le salse dovevano sgrassare, Da qui l’aceto, bianco, e leggero. (noi usiamo quello di mela normanno) E il Ketchup che contiene aceto. Comunque l’aceto si sparge sulle patate con discrezione, anche se le mie non ne hanno bisogno volevo quel sapore. Il pesce invece lo intingi nel Ketchup, che a Londra si pronuncia quasi come si scrive checcùpp, tipo.
Piatti e bicchieri usa e getta sui quali adagiare i coni 8 MUNITI DI STECCO DI LEGNO PER PESCARE DAL FONDO. Altrimenti potete, dovete mangiare tutto con le mani. Semmai lavatevele.
Salvia ha messo una tobaglia rossa di natale, e ha portato in tavola bibite gassate e le birre di lusso di cui sopra: unica concessione alla festività. Eravamo tutti in pigiama, guardando film a cartoni. Una volta calmata la madre si sono calmati anche i nati, e il pijama party di Natale l’abbiamo salvato.
Ma la ricetta non è completa, anzi il casino viene ora.
Non abbiamo friggitrici industriali e i tempi di cottura di merluzzo e patate sono diversi. Inoltre abbiamo più merluzzo che patate. Che fare?
Io ho acceso il forno a grill.
Ho cominciato a cuocere le patate per la terza volta a 180 gradi, fanno abbastanza presto, ma ne va messa una manciata alla volta e io ne avevo un catino. Tra una mandata e l’altra preparavo i filetti, tagliandoli in tocchi di otto centimetri per quattro più o meno. Sempre per la tradizione altrimenti li avrei fatti anche più piccoli.
Certo non mi ero fatto il culo tutto il giorno per far ammosciare le patate in attesa del pesce.
Quindi.
QUando tirate fuori le patate dall’olio, il più grande errore che si possa fare è metterle nella carta assorbente, dentro alla quale perdono ogni croccantezza.
Ho predisposto un colino sa brodo nell’acquaio e le mettevo a scolare dall’olio lì, e le salavo. Poi le asciugavo tamponandole con la carta assorbente e le mettevo in una teglia di alluminio quando mi sono accorto che c’ero con i tempi ho messo le patate in forno ed ho cominciato a friggere il merluzzo infarinato, pucciato generosamente nella pastella e gettato nell’olio con cura, per le mie mani mica per lui. La pastella era perfetta, si gonfiava subito, ma non a bolle tipo tempura, si espandeva, creando una liscia armatura a prova d’olio. man mano che diventavano del colore perfetto raccattavo i tocchetti e li mettevo, a scolare sulla griglia laterale del wok, che serve proprio a questo, a far asciugare i fritti da ogni lato facendoli attraversare dall’aria.
E il colino?
Il colino aveva la stessa funzione, serviva perché le patate non c’èntravano sulla griglia del wok.
In qualche modo, nonostante salvia che tentava di sporcare un piatto per ogni pststs, più o mrno, ce l’ho fatta a servire tutto caldo, e croccante. Alcune patate sono venute troppo scure, ma questo non ne ha rovinato il sapore. Il pesce era da premio. cotto, profumato, senza una sola goccia d’olio all’interno, ma nemmeno all’esterno, perchè questa pastella ti da la gioia del fritto senza lasciare traccia alcuna della frittura.
Ho provato a usare i coni ma erano troppo fondi e tenuti insieme dal nastro adesivo. Allora ho impiattato con mio rammarico. Per fortuna nessuno ha usato la forchetta. Ma visto che era la notte di Natale senza regole, se qualcuno l’avesse fatto, non l’avrei neanche notato.
Avete appena letto il Fish and Chips Natalizio della Disastrata Ditta Moderno.
Avete imparato come è difficile fare un piatto semplice, e quanta fatica costa ricreare un sapore che ti evoca momenti felici ma a volte serve, è necessario.
Avete imparato qualche trucco sulla frittura. Ma è davvero, tra i fondamentali della cucina (escludendo l’alta pasticceria) la cosa più difficile. Come la demi volee smorzata di rovescio a tennis.
Avete asppreso che chi vi scrive è disposto a mangiare gatti e insetti ma per il momento se la cava bene con patate, polpette, e pastasciutte.
Nei prossimi post troverete altre ricette del mio Natale perché qui non ce ne entrano altre.
Quella sera ho evitato i formalismi delle cene in famiglia, cene che nel mio stato mentale, potrebbero uccidermi: però mi sono fatto un culo come un negro.
Se avessi detto qualcosa, qualcuno mi avrebbe subito risposto:”Ma chi te l’ha chiesto?”
La cena è continuata, quando ci veniva fame, insalata di spinacini, frutta, pop corn e dolce, ma in quantità minime. perché ci siamo spalmati sul divano a vedere un film di merda, sfiorando la beatitudine.

IMG_8675

IMG_8676

IMG_8681