Tra una rabbia e l’altra un cornetto quantico!

images (3)Vedo cose che mi fanno star male.

download (4)
Certo la rabbia, lo sguardo dell’artista, ma mi sento vecchio. Mi sento fottuto, isolato, zoppo e alcolizzato. Che ne dici un geleto? Cazzo tutto in rima. fenomeno.
Il gelato me lo ficco in culo per rinfrescarmi le emorroidi. Per dire. Non contribuisce al mio sovcrappeso.
Però il cuore di panna. Quello lì un po’ anni settanta, anche nelle pubblicità…
Quest’anno no. Niente riccetti e abbronzature dorate davanti a un treno che parte. Anche quelle ma non solo.
C’è tutto uno smazzo di foto di fighe messe in rete con l’hai phone. Non ce l’ho. vuoi fare a botte?
E una conzone dovre percepisco vagamente J ax (del quale sono stato fan tra l’ultimo album come articolo trentuno e Decadance. C’è anche quello che l’hanno scorso apriva timidamente al pop e tra cinque anni sarò il nuovo Renzi, almeno è figo.FEDEZ
Le canzoni della pubblicità non le senti con attenzione. Mi sebrava un idiotissimo inno all’estate.
“Ancora un’altra estate arriverà…”
Puoi scommetterci il calendario baby.
Poi becco il video integrale è il testo si occupa di un problema che ho trattato tante volte in passato. Cioè, se tutte le persone sono impegnate a registrare le emozioni della propria vita con lo smarto, ovvio,m le emoziopni si impoveriscono, perché i ricordi sono tali grazie alle emozioni che li sostengono.
C’erasno anche prima le foto, ma uno scatto ti costava, è questo bastava a dar una dimensionew sccettabile al fenomeno.
Poiu c’è sempre stato chi ha preferito riprendere una scopata anziché farla. Sempre per dire. AAllargate il concetto dal compleanno dei figli alla morte dei vostri genitori.
vabbé.In pratica la stesasa canzone usata per due messaggi opposti. Strano. Interessante.Certo.
E invece nel video integrale del pezzo, argutamente titolato Vorrei Ma Non Posto, compare l’immagine di una figa con abbronzatura dorata e lunghi capelli e jeans tagliati fino a mezzo culo (la descrizione potrei averla immaginata). La figa è un ologramma che si dissolve, in tema con la canzone, il ricordo che non vale se non vivi. OPra ci starebbe qualcosa di sconcio ma non mi va di fare battutacce.
La figa ologramma smartfonica svanisce leccando voluttuosamente un Cornetto Algida (pubblicità gratuita).
E qui mi inchino alla superiorità del marketing…    Tu gust is megl che uan, ma quello era un’altro gelato.
Uno spot supera la fetida antinomia occidentale, il dualismo 0/1, e si getta nel mondo dei testi quantici (sapete cos’è un computer quantico? E’ una macchina dove il, biter non esiste perché ogni particella può essere contemporaneamente 0 e 1). Cioè qualunqu cosa tu pensi il gelato te lo magni.
Mi sento di nuovo vecchio, ma capisco che devo pubblicare il fretta quel racconto ucronico ho scritto cinque anni fa, (coglieva certi pericoli di internet ma andava, va riscritto) prima che qualcuno abbia la stessa idea e ci faccia la reclame della, non casuale, Coppa del Nonno.

p.s. leggete la versione corretta, che la tastiera è profonda come la fica di una mula e mi induce all’errore.

download (1)

La Rabbia che mi tiene in vita! ( sona la Raje…)

 

Avvertenza.

Questa è un’invettiva

download (1)

downloadcome-imparare-a-gestire-la-rabbia_d68b0585c7c4ccd4d19ddab0e52a6619

Chi non ama parolacce e posizioni nette vada al mercato, si procuri un cetriolo da competizione, lo conficchi nell’ano (suo) per tre quarti.Poi esca e si pavoneggi, dopo aver praticato un buco adatto nei jeans, con la sua nuova coda vegetale.

Detto ciò.

Ho vagliato spunti dal web e come al solito, preposizione accucchiate a pene di segugio. Niente profondità. Niente di vero.
La Rabbia. Vai a un bel corso di gestione della. Fa perdere la testa. Fa scoppiare il cuore. Rende ciechi, manco le pippe..La rabbia turba la pace interiore.
Certo che la turba. Speriamo.
Vaffanculo merde!
Non siete in grado di elaborare un concetto profondo, e devo farlo io al posto vostro.
Cosa c’entra con la casalinghitudine?
Parecchio, nel mio caso. Senza fissa dimora. Una ex che mi accusa di tutti i suoi malesseri.
-Ma tu eri una merda anche quando uscivo alle cinque in giacca e cravatta a fare quel lavoro da criminale., e ti mantenevo, e cucinavo per te e la bimba.
-Ma ora la psichiatra dice così. E la tua cosa ti dice, te la rigiri anche lei?
L’altra ex che mi diffama, quando avevo pensato di aver trovato la persona giusta.
I Gramignas che cercano di esautorarmi come padre, mi disprezzano come uomo,mi prevaricano in tutto perché dormo nella loro cameretta da miserabili, senza consumare i miei pasti in loro presenza.
Perché vivere come voglio,arrivare a vivere come voglio, significa usare la rabbia difensiva quando ti vogliono spiegare che tu sei una merda incapace che sopravvive grazie alla loro carità. O, per uscire dai miei cazzi, in ogni caso dove siete schiacciati dalla vostra stessa disponibilità. Empatia. Come cazzo vi pare. Tutto bene se fate i guru. MA ALTRE VOLTE…
.-Pezzi di merda, appena Salvia ha partorito mi sono accolto che mi avete inculato, coi ricatti morali, affettivi economici. Tutti i sacrifici?
Sacrifici? Due stipendi di alto livellò nel settore della sanità pubblica?
Io non avrò mai una pensione mentre GramignaXX, riscattando la laurea . non è arrivata a 41 anni  E MENO DI 15 ANNI DI LAVORO per diventare la felice  titolare di una ben guarnita baby pensione, utilizzando una legge in piena legalità, sia chiaro.
Gramigna xx è quella che, dopo il mio abbandono della politica giovanile a livello nazionale per  abbracciare scrittura e droga, mi ha guardato con rammarico.
-Perché non sei diventato portaborse di Veltroni?
L’ho già scritto. Forse. Non ricordo.Perché mi fai queste domande, avrtei potuto rispondere.
Mi picchiavano da piccolo: Anni dopo, provavano a farmi rinchiudere, come pazzo indegno di prole, pretendevano di essere stati buoni genitori, migliori di me.
Non ho mai pensato di essere il miglior genitore del mondo. Però non ho mai scordato come si sta da bimbo e adolescente, impegnato a compiacere quelle merde che mi hanno cagato sulla terra, senza mai arrabbiarmi se non con me stesso perché non ero mai bravo abbastanza da farli smettere di urlare che ero un ingrato stronzo testa di cazzo…
E allora cazzo, almeno metto in guardia i miei figli contro di me, dovessi mai scordarmi che mi hanno salvato la vita per anni.
La rabbia, lo capisce anche un babbuino che non va sempre bene.
Ma a volte è l’unico motore emotivo, esista o no il termine motore emotivo, mi sa da psicologia da rotocalco e mi sta sulle palle.
Però io tenevo tutto dentro, e mi dicevano, perdi tempo, e io mi sentivo in colpa per ogni cosa che facevo in nome della bellezza o della tristezza. Della mia bellezza, della mia tristezza.
Ogni cosa che non si avvicinasse ad essere un portaborse di Veltroni.
Poi tutto ciò si è trasformato in semplice sfiducia nelle parole.
Dopo fu incapacità di scrivere qualcosa che non fosse un racconto breve.
Schematizzavo una tesi in mezza giornata, e mettevo l’accento in un uomo. Non riuscivo a gestire le bibliografie.
E avevo passato i venticinque quando mi accorsi che non riuscivo a finire nulla che mi importasse. Musiche, amori, scelte, scritture.
Ci ho messo più o meno trentacinque anni di vita a liberarmi dal giogo che mi ero messo da solo. Il mio rapporto è andato a rotoli, Salvia si incazzava, io uscivo piangendo e magari mi spalmavo su un muro da sobrio.Mai fatto una chiocca fatto o briao.
Ero libero dal giudizio dei Gramigna’s.
Non mi toccava dentro.
Capii che non potevo difendere la mia vita senza rabbia.
Quando mi dissero che la mia casa era mefitica, li buttai fuori e non videro la loro nipotina per due mesi.
Quando Salvia pretendeva (altro lavoro, cene differenziate, farmi abbozzare di fronte alla sua aggressività), io combattevo per recuperare il tempo perduto.
Per recuperare il tempo che mi facevo rubare oltre quello che regalavo a tutti quelli che amavo. Ma serviva la rabbia.
E l’ho persa per questo, perché non ero più il consolatore sempre pronto ad aiutare chiunque. Ho perso Salvia non la Rabbia. Maledetti pseudoanacoluti.
Disponibile per tutti. Tranne me.
-Hai sofferto perché mi drogavo, madre?
-Io di più. troia maledetta. Per la droga, per le tue botte, per le tue urla, per la tua pazzia incurabile.
Poi ho perso anche l’altra, non l’altra madre, l’altra ex. Tropea.
Non c’era un vero perché.
Errore mio, vigliaccheria sua.
Per diverso tempo ho scritto alla sua casella di spam: era come liberarmi di pensieri che la riguardavano, e anche del fallimento che rappresentava.
Più o meno allora, la salute è andata affanculo, i bimbi hanno smesso di essere felici, per mia colpa, mia grandissima colpa.
Sono stato truffato da due carabinieri senza aver fatto nulla. Per mia colpa, comunque. Per essere stato remissivo e non un figlio di troia.
Sono stato truffato da carissimi(esosi) terapeuti milanesi.
Sono diventato un cingolato di rabbia.
Occhi allo scopo, e vaffanculo tutti, almeno certe ore o certi giorni.
Siamo all’ultimo anno. E’ successo di tutto. Computer rotti, file persi, cazzi nel culo dallo spazio profondo.
Continuano ad arrivare.
I cazzi.
Dallo Spazio.
Profondo.

images (2)La mattina ho ingoiato polvere di denti digrignati.
La notte ho dormito su letti che non erano letti.
Sono ingrassato, talvolta uso una stampella. La mia gamba sembra presa da un cadavere sepolto da una stagione per poi infilarmela nel bacino. Va tagliata?
Eppure ho la rabbia. A difendermi da me, e dagli altri.
Non come avrei voluto, ma cazzo, comincia a funzionare,
In questi giorni ho raggiunto un cazzo di risultato. Importante per me.
Per il mio talento usato come carta da culo.
Sotto la pioggia in bici verso la biblioteca.
Cadere.
Raccogliere appunti bagnati.
Commettere errori, continuare ad amare, e coltivare la rabbia come una carnosa orchidea.
Ora ho terminato quello che tante volte avevo cominciato.
Grazie alla rabbia.
In culo ai superficiali fricchettoni convinti che la rabbia turbi l’equilibrio.

download (2)images (3)

Ovvio. Si cade. ci si rialza. I meditatori nemici della rabbia, gli yoghi vegani e vulcanianì.
Gesù era sempre incazzato, Anche dio, prima di mandare il suddetto figlio a fottersi in croce.
Io sono il mio dio, rabbioso e vendicativo.
Io sono il mio dio, pieno d’amore del quale non sprecherò più una goccia per chi non lo merita.
Sono incazzato nero MA.
Ho cominciato la revisione di un romanzo che dovevo scrivere vent’anni fa.
Quindi vuol dire che una prima stesura c’è.
Questo non c’entra una sega con la mia vita casalinga, mooderna, adddirittura.
Cioè c’entra come per un’altra l’obiettivo è fare collane di fimo.
ATTENTI IDIOTI. OVVIAMENTE La rabbia ti cambia.
Sono peggiorato, e migliorato. Sono amareggiato e disilluso.
Ma attenti. Ora non mollo. Anche se sono una pessima compagnia.
Sticazzi, ho sei amici.
Attenti.
Quando mi urtate per la via,
attenti caramba e polizia,
attenti piloti che sfiorate i miei bimbi sulle strisce
vi farò male con la lingua è il bastone.
Attenti nemici e parenti.
Ora giro armato fino ai denti.

.

images (1)

Tropic^ld° is in da hause

C’era la luna a ridicolizzare le pannocchie e le mie lacrime. E sotto Marte, grosso e rosso come il puntatore laser di un fucile.
Ero in ciabatte in mezzo alle campagne.
Per i soliti motivi, che non ripeto.
Sono a andato via puzzolente, con le scarpe da cuoco, un calzino sì e uno no. La tuta padellata d’olio e farina, capelli e barba unti.
Ho camminato, ed ero lontano dai bambini. Senza credito, senza speranza.
Inoltre il computer nuovo era misteriosamente andato in palla mentre compravo le cicche all’Arci.
Dentro c’erano cento pagine del lavoro che mi tiene lontano da qui. Non per sempre.
Ho ancora, calcolo, circa cinque amici. Definendo amici stretti quelli che puoi chiamare a qualsiasi ora se hai un problema grosso.
Tre femmine e due maschi.
Mi hanno accolto le ragazze a un ora che faceva schifo anche a se stessa.
Lì in preda a doppia ansia ho smontato il laptop a rischio di fottermi la garanzia. Niente bagnato.
MA
mistero: testiera fuori uso. Quando una delle amiche si è alzata io ero nella merda più nera. Dovevo scrivere, dovevo vedere i figli, dovevo dormire. Erano le otto e mezza: mi sono buttato nel letto sfatto e vuoto.
Dormo un po’, mi lavo e vado dai miei, pensavo.
Invece ho passato il pomeriggio a rovinare loro il pomeriggio.
A una certa, senza essermi lavato, mancante di un calzino di merda, sempre Sono sceso a cercare un negozio di cinesi.
Avevano armi, fantasmini, oppio grezzo e bocchini a cinque euri, ma tastiere no. Al quarto bazar, mentre pensavo che non voglio vivere in un mondo dove certi negozi vendono solo fantasmini, o trovato una tastiera blue tooth. Hanno capito che giravo da un po’ le scimmie gialle rotte in culo.
-scian schun scioi?
-oi oi vai vai.
Brutto segno quando parlano una lingua del cazzo davanti a un italiano. Inoltre la mia mamma che mi ha trasmesso quasi tutto ciò che ho di brutto dentro, il resto ce l’ha messo babbo. Io poi ho fatto a giunta. Comunque mi madre mi ha insegnato che è maleducazione parlare in limoncello davanti a uno che non lo parla, e anche parlarsi all’orecchio.
Infatti.
-Benti evro.
-come?
-Benti evro.
-Ho capito, dicevo come, tipo, esticazzi.
-Io no capito.
Un tastierino del cazzo benti euri? E quando scopro che, sapete le tastiere, sopra ogni tasto c’é tipo una lettera o un simbolo.
Anche il tastierino dei limoni a benti euri.
Peccato che non corrispondano a nulla che un mammifero possa riprodurre con l’organo deputato alla fonazione. Dgt. freccetta e viene zigrinatura. Premi parentesi e appare l simbolo del medio alzato mediorientale.
A quel punto la mia mente ha vacillato. Mi disgustavo per il puzzo. Il tastierino funzionava su altri computer, sebbene a casaccio, ma su mio no.
Cambio la password microsoft morisse subito insieme a fb.
Perché la tastiera del laptop riesce a riprodurre cinque o sei lettere.
Sono un genio del compiute, penso. E poi smetto di pensare ciò.
A quanto pare questi nazisti che ti obbligano a metterti la password anche nel buco del culo (ne ho una per cagare e una per gli input, tipo supposte diti e il resto secondo gusti inclinazioni.
Sento il mio vicino di cervello immaginario.
-Inclinazioni una ricca sega, popò di frogio. Continua a mettici i diti ner buostretto, vedrai ci pigli ir vizio!Ir mi cognato Aristide, omo di famiglia, quattro figli, ora è scappato cor parrucchiere. Una figura ar barre. Intendiamoci. Un ber trans, è diverso. E’ la topa del futuro!
Personaggio piuttosto volgare il mio vicino di cervello immaginario.
Dicevo, quei nazi eccetera, hanno deciso che la pass sul mio laptop non è quella valida per tutto, ma solo quella di amministratore locale.
A questo punto, prima tratto male le mie amiche, chiedo loro di farmi l’eutanasia, che pretendo di morire subito, che non mi uccido perché Pepo e Nepi non vogliono ma che…
Loro mi permettono di tiranneggiarle un po’ quando barboneggio da una non casa mia all’altra (sempre non mia) carico di sporte, puzzone, e con un calzino solo. Però poi io preparo dei cocktail che non hanno l’eguale ed esse: svengono, vomitano, mi perdonano.
Ma ieri ero molesto come il famoso fijo der culo, mio caro amico poi annegato in una cascata.
Così ho cominciato a insultare Bill Gates e la morbidezza del califfato nei suoi confronti.
Sono quindi passato a insultare il prestigioso unigenito figlio di Geova e se gli erano rimaste le palle doveva darmi la morte. Sempre sotto gli occhi allibiti di questo barbone che gli colonizzava casa, spadroneggiava e le zittiva se lui non riusciva a smanettare in pace bestemmiando al tempo stesso.
Il mio inconscio ha creato una canzoncina che fa così:

Datemi la morte immediatamente (3)

Datemi la morte

ORA

Se non me la date vi sgozzo la famiglia

Se non me la date accido a piccirilla

Potrei prenderci gusto e a voi che ve ne viene?

fatemi schiattare: ora!

In poco tempo le amiche si rendono conto che è giusto che crepi, e mi sostengono in coro durante il mio inno alla morte di me.
Presto diventò un inno alla loro morte anche,perchè quella musichina giuliva faceva venire a tutti voglia di morire in francese, e non si capiva una mazza perché ciascuno alzava al cielo le variazioni sul tema più adatto al proprio caso visto che invocare la morte è questione di religione, e di imporvvisa disperazione. O di problemi al computer per la seconda volta in un mese canche se lo tratti come le cose sante.
Nel frattempo continuavo a chiedere l’eutanasia, a smanettare su due pc più un tastierino cinese coi tasti in aramaico fonetico.
Cominciai a dondolare facendo mmmm colla bocca piena di colla, ed erano le dieci di notte quando ho smesso.
Nessuno di noi tre è morto, l’altro giorno.
Svariate avventure dopo giunse il mattino.
Pultroppo.
Stamani dovevo morire, per un po’.
Non come Casalingo Moderno, ma come l’uomo sfasciamacchine, il padre che non sa, e almeno sa di non sapere.
Dovete sapere che io ho molte identità non strettamente digitali.
Credo in un certo grado di compartimentazione, e che le identitò multiple possano essere la salvezza di un uomo, no distruggergli la mente.
La prima di identità ha vent’anni.
La usavo per mettere musica e fare musica.
Forse qualcuno sa chi sia Tropicaldo.
Ma nessuno conosce la sua storia.
Tropicaldo è un principe orfano; governa su un atollo dove in realtà non c’è nessun altro della sua tribù.
C’era stato l’unico e segretissimo esperimento nucleare italiano, Tropicaldo è appunto il figlio di un ufficiale della marina che non aveva mai sparato in vita sua. Aveva cominciato come cuoco di bordo e ancora si divertiva a preparare profumatissimi ragù di oloturia per i commilitoni.
Conobbe, l’ufficiale gentil cuoco, una indigena splendida e scureggiona. Ella, a nome Ernia, suonava una chitarra a 39 corde accordate, come voleva una segretissima tradizione, quasi tutte a pene di segugio.
Li conoscete gli italiani.
Tropicaldo non li conosceva.
Prima di accendere il raudo atomico, si trastullarono con presunti problemi tecnici.
Trombavano e cucinavano. Nascevano bei figli, spesso.
Tropicaldo voleva imparare la chitarra dell’Atollo Latta di Sugo. Non ci riusci!
La madre lo mandò in culo, ma Tropicaldo capì che doveva andare a comprare il giornale.
Questo era strano, visto che né il concetto di compravendita, figuriamoci l’idea di “giornale” nell’accezione generica o in quella Montanelliana era sconosciuta agli indigeni.
Avevano una scrittura rudimentale sull’Atollo Latta di Sugo.
Se c’era qualcosa di urgente essi vergavano degli strani segni sui propri escrementi: la sabbia era così leggera che bastava un peto di granseola a cancellare l’alfabeto degli Enterogermin, così si chiamavano i placidi abitanti dell’atollo nella loro lingua.
La parola significava, secondo gli studiosi più accreditati della lingua Enterogermin: acqua amara che ti aiuta a non cagarti addosso. Esperti, si fa per dire. Uno era il cappellano del sottomarino, l’altro era il pusher dell’isola.
Un tizio col nasone capace di distillare un liquore di cocco nel quale faceva macerare alcune alghe e il fegato di una murena velenosa, uno sballo ignorantissimo capace di alterare la struttura spaziotemporale dei suoi clienti. In pratica una droga ideale per un posto dove l’oblio era richiestissimo. Non erano stati inventati i puzzle né il rubabandiera.
Così i tossici Enterogermin sbattevano le palpebre e passavano dieci anni, uscivano a pesca, venivano divorati da un pesce, ed era passato un soffio di luce. Siccome il liquorino truccato lo prendevano tutti, non era raro vedere gente fare cose strane. Una volta si misero in trenta a leccare una palma centenaria per consumarla.
Ci vollero tre generazioni, o tre giorni.
In pratica a Latta di Sugo nessuno sapeva chi stava facendo cosa con chi o chi era figlio di cosa. La storia locale era un delirio. 1220 cartelle incise nella merda con uno steccolo sulla contemplazione della crescita dei coralli.
pusher guadagnava miliardi di conchiglie, ce n-erano tuttavia talmente tante che il povero spacciatore si faceva un culo tanto per fare il liquore , uccidere le murene alla maniera tradizionale, vale a dire togliendo denti al pesce e soffocarlo inserendo la sua testa nel proprio ano. I drogati dovevano andare a fare un bagno nell’acqua verdina e raccogliere conchiglie da centomila. a volte regalavano al pusher maionese di uova di gabbiano e aceto di cocco. Non esplose mai la mania dell’amburger senza h, perché non c’erano mutine sull’isola.
Il pusher pensava ci fosse qualcosa che non tornava, ma non capi’ mai a fondo le fluttazioni del valore della moneta.
Prima dell’esplosione gli Enterogermin vollero istoriare il sommergibile della loro antichissima storia, tramandata sulla merda umana un millennio dopo l’altro.
Presto il mostro rivettato venne decorato dalle merde multicolori degli Entero. Molti mangiavano coralli, e li cagavano. Cosi’ l’istoriata storia dipinta di scoria sul sottomarino Italiano era multicolore. Marrone, rosa, e giallo. Il bellissimo bambino chiamato Tropicaldo come il nonno contadino dell’ufficiale, si bevve una tazza di Batida Locale. Come tutti. Il sottomarino che recava le gesta di quel nobile popolo ( in effetti trascurabile e pernicioso) si immerse nel buio: dopo duecento metri a causa dell’acqua non c’era traccia delle gesta eroiche di quel popolo mite incapace di accordare una chitarra a 39 corde. probabilmente anche le gesta e perfino la religione, per quanto ne sapevano potevano essere sognate da quegli scoppiati il giorno prima.
Gli Enterogermin che sarebbero stati assunti tutti all’inps.
Sarebbero.
Dopo venti miglia marine di navigazione c’era il nostromo al timone,attentissimo agli strumenti mentre beveva un boccale di cocco alghe e fegati.
Mentre moriva stava tornando indietro nel tempo.
Alcuni si erano congelati nel momento precedente all’esplosione, e benche’ il loro corpo fosse ridotto a brandelli di atomi, loro sono ancora li’ a molestare una pentola.
A tagliarsi le unghie con la motosega.
Da Latta di Sugo si vide una colonna di fuoco che si apriva in alto.
Tropicaldo la chiamava la palma atomica, non avendo mai visto un fungo.
Non mori’ ma qualcosa gli successe, perche’ riusci’ a scordare nel modo corretto la chitarra a 39 corde.
Suonava per i granchi mutanti e I topi mutanti importati dal sottomarino italiano.
Granchi e topi si mangiavano a vicenda. Lasciando pesce e cocco a Tropicaldo.
Si fece un chiodo di pelle di corallo e divenne punk.
Filando merda di paguro tricefalo si fece cucire dai topi una camicia avaiana.
L’isola era piena di lattine di birra Peroni vuote e piene. E anche di pizze e mandolini.
Nessuno sa quanto tempo sia passato.
Tropicaldo sembra sempre un ragazzo.
A volte delfini e cavallucci marini enormi portano ragazzi e ragazze che accendono fuochi e lo ascoltano suonare. Poi si accoppiano con lui.
Cosi’ Tropicaldo canta un paradiso distrutto in una lingua incomprensibile a gente che forse non esiste.
Stamattina mi sono trasformato in lui.
E sono stato meglio.

Potete darmi torto?IMG_9255.JPG

La Festa al Papà (In punto di morte pensi ai tuoi figli come bambini piccoli)

Festa del Papà, l’altroieri.
Il lavoretto di Pepolino. Si ricorda di una strana storia in piscina di parecchi anni fa.
Lo porto in città sulla canna della bici.
Vai più forte di una moto, dice.
Andiamo forte, rispondo.
Me lo guardo tutto, quant’è bello. La bambina è a casa malata. Le portiamo i film r un gelato. E’ così difficile essere felici?
Festa della felicità, mai sentita prima. Era ieri. Ma la felicità dobbiamo aspettarcela una volta all’anno?
Cosa ci attende…
La celebrazione della sconfitta della stitichezza uno dei prossimi fine di settimana.
“L’anno del Pannolone Per Adulti Depend.” Presto.
Orwell, Huxley, Wallace?
Ancora liti. Pertiche nel culo. Post scritti e poi buttati. Tre.
Sempre lei. Salvia.
-Mi hanno telefonato, hanno detto ma non si vergogna? Ci sono bambini di mezzo.
-Chi ti avrebbe chiamato? e poi che ti frega! Pensa a comportarti bene. Non scrivo bugie,Salvia.
Ci sono di mezzo i bambini. Appunto. La logica l’ha mangiata il gatto.
Dovrei dire chi se ne frega, e andare avanti, convinto di quello che faccio.
La storia del Casalingo Moderno è accettabile solo a patto che contenga verità esistenziale.
Eppure mi dispero.
Come chi ha la felicità a portata di mano, e la felicità è un grande unto vassoio in rosticceria, non un concetto, ma non riesce a prenderla.
-E’ troppo grande, dovete aiutarmi.
-Chi ti deve aiutare, sei solo, coglione.
-Noi, tutti insieme.
-Noi non esiste, sei solo.
Eppure sono triste. Come se avessi vissuto tutta la mia vita e guardassi indietro ad oggi. Prima di morire sentirò le voci dei miei figli come sono ora, voci bianche d’argento.
Avere la certezza che era tutto così semplice ma non essere riuscito ad evitare il peggio, quando i problemi veri devono ancora arrivare,
Eppure mi autocensuro, qui.
Le continue minacce di Salvia mi scavano le tempie.
Non riesco ad affrontare i problemi dei miei figli nei dettagli, o la parte mancante della storia, quella che riguarda una decina di mesi tra il 2014 e il 2015.
Mi appaiono le facce di quelli che ci conoscono sovrapposte al foglio bianco.
Vado avanti fino ad accorgermi che sto eludendo, girando attorno, cazzeggiando con le parole. Ricomincio da capo.
Ho rispettato l’anonimato.
Piuttosto lei, quando scrivevano articoli sul mio sito e rifiutavo inviti alle trasmissioni del pomeriggio…
E’ come per i bimbi. I genitori hanno colpe oggettive, legate al ruolo.
Gli autori sono ugualmente responsabili di quello che scrivono.
Nell’ultimo post ho scritto che siamo cattivi genitori.
Che non meritiamo i bambini.
Le colpe non sono equivalenti, ma anche se io avessi solo permesso a lei di fare quello che fa, sarei lo stesso in torto verso i miei figli. Ai quali devo tutto. Mentre loro non mi devono nulla.
Non sono innocente. Mi sono reso debole lasciando gli altri di approfittarne.
Non posso parlare liberamente della violenza che sta dentro OGNI famiglia se non viviseziono la mia. Ho l’impressione di causare problemi con quello che scrivo, perché dopo ogni articolo devo affrontare cose delle quali è meglio tacere.
Ovviamente non è così.
Ci sono problemi e io ne scrivo, ma il racconto fa parte della mia vita, così come devo rivendicare il tempo materiale per scrivere, allo stesso modo quello che scrivo genera conseguenze che sono costretto a raccontare.
Non ce la faccio più.
Non posso rassegnarmi a questo circolo vizioso.
In apparenza la narrazione è impantanata.
In realtà è la vita.
Salvia crede che io scriva per terapia.
Ogni periodo mi causa sofferenze che non passano. Non passano.
Una cosa alla volta.
Credo di aver trovato un modo per andare avanti nella vicenda, senza ripetere all’infinito liti, fughe, bimbi che soffrono.
Perciò non saprete nulla dei giorni trascorsi, già scritti riscritti e corretti.
Tranne che ho passato alcune ore in serenità con in miei figli.
In bici, a guardare film, a costruire mostri di pasta di pane.
Eccoli, i mostri. E anche una pizza fritta, che non è un mostro ma genera mostri nel sonno.
IMG_9021IMG_9025IMG_9030Una notte ci mangeranno in sogno, questi mostri fritti, e ci sveglieremo divorati.
Amo il melò. accompagnato alla derisione distaccata di me stesso e degli altri.
Racconterò della donna che ho frequentato, e dei comportamenti che mi hanno reso una foglia che si sbriciola nel vento di dicembre.
Racconterò le mie colpe senza esitare, perché vi specchiate nella mia iniquità (come mi piace questa parola biblica).
Allora vedremo, se riuscirò a intrattenervi col mio sangue e le vostre risate.
Fino a quando capirete che il sangue è vostro, e le risate sono mie.
Anche.

Segnato dai Segni. Semionecrologio di Umberto Eco

ecomarchette

Un giovane Eco marchettaro e profumato

Cominciamo, com’è giusto, dalla fine.
“Un esempio straordinario di intellettuale europeo, univa una intelligenza unica del passato a una inesauribile capacità di anticipare il futuro.”
Matteo Renzi, probabilmente da Twitter, sulla morte di Eco.
Metz era un genio. Barthes, probabilmente.
Eco no. Geniale a tratti, intelligente, certo. Colmo di sottile ironia, raramente rivolta a sé stesso.
Eco era un Sublime tassonomista,  un classificatore di idee per lo più non sue.
Non per niente  ciò che rimarrà di lui, oltre a un paio di romanzi e altrettanti saggi, è il bellissimo vademecum per scrivere le tesi di laurea.
Durerà per sempre.
Fino alla prossima abolizione della tesi scritta, sostituita da un intervista doppia con il relatore pubblicata su Youtube.
Ma c’è l’Eco semiologo da orgasmo, quello gagliardo del Trattato, dove compendia, asciuga teorie vaghe, sviluppa spunti centrali del dibattito. Tutto senza prendere posizioni scomode tra gli studiosi della pseudoscienza allora più in voga dopo la psicanalisi.
Giusto una certa propensione per Peirce, bilanciata da omaggi dovuti a chi di dovere.
Il “Trattato di semiotica generale” è un libro arancione che ti schiude molte porte.  E’ lo stato dell’arte della disciplina all’epoca del suo massimo fulgore.
Rigoroso, universale, chiaro ma complicato.Viceversa, forse.

scienze-umanelinguaggio-eco
Nell’ambiente litigioso e intasato di lana caprina questa attitudine alla compilazione e alla decantazione dei concetti era senza dubbio un pregio.
Per lo sforzo di superare le divisioni tra fazioni.
Ma anche un inganno.
Negli anni settanta ci si scannava per il nome della disciplina.
Semiologia, semiotica.
Pensatori con stalattiti tartaree e creste di gallo non curate, seduti ad un caffè di Parigi, o curvi su un piatto di ravioli scadenti nel centro di Bologna.
Credevano di essere padri fondatori di una nuova scienza.
Eco scrisse la cosa più vicina a un trattato scientifico sui segni.
Ne aveva la forma, non la sostanza.
Quasi una coerenza fasulla che non ne inficia i pregi ma ci lascia forti dubbi sulle motivazioni dell’autore.
Persone capaci di fare la supercazzola a Tognazzi con due Gouloises senza filtro, una in bocca e una dietro l’orecchio.
Entrambe accese.
Persone la cui chiarezza e profondità di pensiero era tale da condurli talvolta al suicidio.
Gente di questo livello non capiva che una ipotetica scienza dei segni soffre di autoreferenzialità perniciosa con decorso maligno.
Se tutto è segno, allora è impossibile formulare asserzioni sui segni al di fuori dei segni stessi.
C’è scritto anche nel Trattato di Eco, da qualche parte.
E allora Umbertino mio, la scienza ha bisogno di un linguaggio comune.
Non di essere filosofia, paradigma e tecnica della comunicazione allo stesso tempo, senza avere uno spicciolo di nomenclatura comune, a partire dal nome, Umbertino.
Teorema di Godel? Mai sentito?
Forse volevi dare l’impressione di un approccio realmente scientifico nell’attesa che la semioqualcosa diventasse una vera scienza. Ti voglio passare l’intenzione.
Come mettersi ad aspettare l’alba ad Ostia  però. E visto che non arriva, spostarsi in macchina per un tramonto infuocato sulle spiagge di Senigallia..
Il rigore dell’approccio scientifico senza poter mai raggiungere lo status di scienza?
Ci credo che si ammazzavano.
Oggi la semi(x) vivacchia al margine delle scienze sociali.
Viene utilizzata come strumento, come piede di porco ermeneutico nei contesti più disparati. Non di rado a pene di segugio. Specie nel marketing più bastardo.
Ma va bene.
Almeno come tecnica funziona a meraviglia. Ti fa vendere roba inutile e permette alle spie del marketing di attribuirti un profilo di consumatore, e questo anche se ti credi fuori, consapevole e ribelle, è tutto ciò che siamo per il buon vecchio potere. Schiavi consumatori.
Invece è fallita la famosa “terza funzione” di Eco, quella che più si avvicina alla filosofia, quella semiotica che abbraccia le altre discipline stritolandole nel suo abbraccio da zio d’America: in definitiva tutto ciò che la semidiotica doveva essere e non è stata, più che fallità è stata abbandonata. E’ scivolata sotto qualche tavolo tra colpetti di tosse imbarazzati.
L’alta ambizione di essere scienza del tutto, ha ceduto il passo alla non scienza del niente, per citare l’asse dei subcontrari del quadrato semiotico di Greimas. così nella vulgata la semidizuccotica è diventata la scienza del mentire. Facendo rivoltare Greimas nella tomba e dando legittimità culturale alla menzogna, perché la verità non esiste o è irraggiungibile. Come se io mi comportassi secondo le leggi della filosofia quantica nel mondo reale.
Cari professoroni,la consapevolezza,peraltro millenaria, che i segni ci sono sempre stati e sempre ci saranno, non può annebbiare una visione del mondo che non preveda infinite quanto legittime derive semantiche.
Prima o poi ci sarà un muro di mattoni poco incline a lasciarsi interpretare a piacere, e qualcuno ci sbatterà sopra.
Lo so si tratta di segni diversi, e facevo una battuta, ma il punto è anche questo!
Quante semiotiche, quante teorie, quanti livelli.
Il metodo scientifico cercava una teoria unificante, quasi con disperazione.
E questi si perdevano in una progressione psichedelica di sottobranche, distinzioni, scuole, attitudini.

E poi la verità esiste se solo smorziamo la candela della speculazione. Se smettiamo di galleggiare nella semiosfera amniotica, obnubilati da infinite catene si connotazioni e giochi di specchi che si guardano in faccia.
La verità è la sedia che ho sotto il culo, le vesciche sotto i piedi.
Ma la verità è anche consapevolezza che proviene da uno sguardo lucido sul mondo. Non importa se usi il metodo induttivo o deduttivo, la verità si manifesta dentro alcuni di noi. IO SO CHI SONO I COLPEVOLI, ANCHE SE NON LI PROCESSANO scriveva Er Pasola, scusate la citazione a memoria.
E invece Eco traccheggia indeciso tra il marxismo leninismo (decisamene poco relativista) IN ETA’ PIU’ CHE MATURA, aveva 34 anni, e frasi da semiobaci Perugina (pubblicità gratuita) su quanto sia criminale cercare la verità.
Comunque, all’empasse palese della disciplina della quale era professore di fama mondiale, cosa ha fatto Eco? Ha difeso le sue posizioni? ha cambiato idea?
Lui, titolare della prima cattedra di semiotica in Italia,cosa ha fatto?
Si è defilato.
Riciclato.
I suoi lavori semiotici si sono fatti sempre più sporadici e mediocri.
Il Nostro cominciò a farsi passare come un incrocio tra Wittgenstein, Martin Mystere e Pico della Mirandola de Paperis (glottologo, linguista,storico, letterato, Esperto di cultura pop per aver letto i Peanuts e Dylan Dog).

peanuts

Semiologo no, semiologo solo se glielo chiedevano.
-Scusi lei ha praticato la semiotica?
-Mah, veramente sì, ma non ho aspirato. ( distoglie lo sguardo, penzando a quella volta che ha dormito nello stesso letto con Deleuze che non si lavava i piedi da cinque giorni).
D’altronde Fabbri, stessa università, è rimasto tra i pochi a sostenere che la semiotica debba diventare un paradigma di tutte le scienze. Peccato che questo proclama roboante sia caduto nel vuoto, specie quando lo stesso Fabbri ha asserito che ormai la (xyz) cita doveva lasciar perdere i segni.
Benedetto ragazzo.
Chiamate un ambulanza presto, qui c’è un uomo che soffre!
(Mi piacerebbe continuare a raccontare i fallimenti della sextixa ma dobbiamo ancora dire molto del caro estinto).
I romanzi.
Il romanzo.
Gli altri per quanto bellini o spaccaclassifiche non contano.
E molti sono veramente brutti. Molti su sei è parecchio.
La trama del Nome della rosa è un plagio, si sa, di un libro cipriota e di un albo di Zagor, giuro.
E’stata la trama che gli ha fatto sbancare, non la polemica teologica tra francescani e domenicani, papato e impero, nella cornice storica del glorioso monachesimo occidentale che tramontava velocemente al sorgere di città, strade: cultura nuova, non riprodotta.
Comunque un gran libro, Il nome della Rosa. La trama certo. Ma anche lo stile. Un libro che ha inaugurato un nuovo tipo di postmodernismo, quello che gioca a rimpiattino con i lettori, invece di palesarsi. Come i segni nel libro, forse il libro più semiotico mai scritto, denso di autocitazioni in materia, perfino.
Un pastiche multistrato, dove i protagonisti cercano segni da Terza a Compieta, o come cazzo era.

images (4)
Cercavano i segni?
Li avranno trovati? Il mistero era fitto ma io ho la soluzione.
Li aveva portati via Fabbri, visto che non servono nella scienza dei segni! L’aveva detto all’istituto semivuoto, un venerdì di aprile.
Le segretarie continuarono a smessaggiare col telefonone dedicandogli appena un fuggevole sguardo di pena.
– Questi segni… io li porterei via, se vi sta bene. Me li appendo nella casa di campagna, tanto non servono più nella semiotica, che d’altronde studia i segni, ma l’ordinario ora sono io!
Fabbri fece una pausa. Nessun suono attorno, a parte quello delle vigorsol masticate dalla bibliotecaria.
– Va bene a tutti? Da oggi niente più segni nella semiotica! Silenzio, assenso. Unanimità!
Nessuno rispose. Nessuno ascoltò.
Ma il grande Mistero dei segni era risolto, la Grande Ricerca terminata. I segni cercati da Guglielmo e Adzo sono appesi in un cascinale ristrutturato, accanto a un disegno di Schifano. Ogni tanto qualce segno indexicale si va a fare un giro per lasciare impronte.
Passiamo oltre.
Il Pendolo di Foucault. Bello. No, direi interessante.
In quegli anni studiavo sotto il suo regno di principe assente.
Comandava la segretaria, come sempre, all’Istituto.
Era cosa nota che Il Professor Eco assegnasse ricerche sulle quali fondava poi i suoi libri.
Due anni di tesine, approfondimenti, e pippe sul Seicento (è stato il mio secolo preferito fino a pochi anni fa, adesso mi sono convertito alla seconda metà dell’Ottocento).
Ed ecco il Pendolo.
Vai a pagare storici della scienza, epistemologi e semiologi per ricerche monumentali come quelle: non te la cavi con meno di un paio di miliardi dell’epoca.
Soprattutto sapendo per chi era il lavoro.
Ricercatori biliosi e spenti dentro, carichi di invidia per uno che aveva fatto i soldi veri, con la CURTURA.
Gli studenti erano senz’altro più brillanti, vogliosi, e meravigliosamente gratuiti.
Sarebbe anche il momento di chiarire cosa cazzo me ne dovrebbe fregare della morte di Eco e cosa ci fa un necrologio di una marca di chitarre sul sito di un casalingo. Questa la capiranno in pochi. Meglio.
Io me ne fotto dei poveri studenti sfruttati.
Certo quella merda in bretelle poteva far lavorare a spese sue mezza facoltà, ma non era nel suo stile.
Non era Totti che pagava i magazzinieri della Roma coi suoi soldi.logo roma

Eco ci aveva un rospo in tasca. Ma anche questa è robbetta. Passando alle cose serie, converrete con me che gli intelligenti vadano criticati più degli stupidi, almeno in certi ambiti. E se l’intelligente in questione è stata una delle persone più influenti nella politica culturale d’Italia dai tempi di Gentile.
Ora ci arrivo, tranqui.
Quindi.
Politica e cultura.
Eco è stato sempre dalla parte giusta della sinistra culturale.
Quella che ti consentiva di farti al meglio i cazzi tuoi. Non intellettuale organico, non intellettuale contro, ma, la definizione è tua. intellettuale pubblico. Come un cesso. Un parchetto. Come se potesse esistere il ruolo di intellettuale non pubblico. Uno puà conoscere tutto lo scibile umano, ma se non lo comunica al mondo…
Che altro, Gruppo 63, e qui ci sarebbe da ridere davvero ma si allunga troppo.

15

Vediamo vediamo, ah, eccola qua la perla.
Né Con Lo Stato Né Con Le BR. Vediamo come va a finire, tipo.
Come dire, i migliori cervelli d’Italia non prendono posizione su gente che ammazza professori loro,(democristiani però, va detto), operai del PCI, magistrati, e i politici sbagliati.
Cirillo vivo.
Moro morto.
Ma Eco: “Né Con Lo Stato Né Con Le Br.”
Sottoscrive l’appello di Lotta Continua contro il Commissario Calabresi. Ucciso poco dopo su mandato del capo di L.C.
Sulla Repubblica del 29 Marzo 78, occhio alla data, scrive:
“La vera preoccupazione del sistema delle multinazionali (e lo dico con molta freddezza, non simpatizzando col compromesso storico così come ci viene oggi proposto) è che il controllo dei partiti popolari disturbi una gestione del potere che non può permettersi i tempi morti delle verifiche alla base. Il terrorismo invece preoccupa molto meno, perché delle multinazionali è conseguenza biologica…”
Diciamo che come visionario del futuribile Eco non mi sembra il massimo. Mi fermo con le citazioni imbarazzanti, perché in fondo anche queste sono situazioni che andrebbero contestualizzate meglio.
Ha strizzato parecchio l’occhio porcino al 77. Al settantasette brutto.
C’è una sua foto dell’epoca, raccapricciante in verità, dove un Eco pseudofreak suona il flauto dolce in qualche posto un po’ agriturismo un po’ comune, tipo Alcatraz, il ritiro campagnuolo del figlio frustrato e mezzo frocio (è il mezzo che mi disturba) del premio Nobel alla letteratura peggio assegnato nella storia.
Dario Fo, Ora Fido, è l’anagramma.
Spesso nell’anagramma c’è il tuo destino, spesso no. Ma sto divagando e non è il caso, devo andare a comprare le cicche e revisionare tutta sta roba.
Il Nobel dovevano darlo a Jannacci per la poesia Silvano (e non valevole Ciccoli). O a Villaggio per i primi due libri di Fantozzi.
Allora sì.
Ma torniamo al cadavere eccellente.
Ve lo figurate quanto puzza? a quest’ora comincia già a coprirsi di frattali verde blu in faccia, e nonostante il tappo che gli hanno ficcato nel culo, comincerà a perdere merda da ogni altro buco; il ventre già enorme potrebbe esplodere per i gas della putrefazione.
Oh, parlandone da vivo non puzzava, almeno dopo gli anni settanta quando lavarsi era un segno di parteggiare per lo stato.
Per gli arbiter radical chic era ammesso un bidè al giorno o più se dovevi scopare, ma il surplus di lavande anogenitali rimaneva intonso come finanziamenti dell’Ue alle start up pugliesi degli anni novanta.
Poi, spuntando le abluzioni da una tessera controllata settimanalmente dal Commissario Politico della Commissione Autocostituita:
“Né con le capre né con Lord Brummel”.
Il Commissano, così veniva chiamato sottovoce nell’ambiente, aveva facoltà di irrompere a sorpresa per annusare mutande e biancheria in qualunque momento del giorno o della notte, pena l’obbligo di entrare in clandestinità (in un attico di Paris con Negri e gli altri, sia chiaro) o di schierarsi a fianco delle Istituzioni e di Kossiga, per mezzo di una contrita lettera aperta da spedire al Giornale di Montanelli, alla posta del reazionario Topolino e alla rubrica “Il dottor Zeta risponde” su Cronaca Vera.
Spietate umiliazioni.
Il commissano aveva un potere pressoché illimitato.
Fu trovato morto al cesso della stazione, con la bocca e il naso otturati dalla carta ruvida e scura dei bagni pubblici,quella che per fare prima puzza di merda anche prima di pulircisi il culo.
In seguito il suo igiene, suo del professore, tornerà perfetto.
A parte gli effluvi dolciastri delle palle a luglio, durante le sessioni d’esame, cui smise di presenziare.
Eh, l’abnegazione dell’uomo che voleva essere ricordato come professore.
Col cazzo.
Se non scriveva bestseller diventava rettore a Topolinia.
Una volta fatti i soldi fece squadra a sé.
Arbasino troppo snob.
Pasolini troppo magro e incazzato e imprevedibile.
I cantautori?
“Ne parlo bene per arruffianarmi gli studenti, tanto ascolto Monteverdi. Quelli vanno bene giusto per sostenere il Partito, quando necessario, poi ognuno a casa sua, che De Gregori mi sta anche sul cazzo.”
Ai tempi del Gruppo 63 (numero ricavato dalle pippe obbligatorie giornaliere per farne parte) lui e gli altri invenduti denigratori di un pubblico cinico e baro, chiamavano Cassola “Liala” perché rosicavano.
Ora rosicano gli altri.
Altro che Liala, o Lyala. Solo King gli stava davanti come vendite.
Eco un po’ rosicava, ma non se ne accorgeva nemmeno la sua pochette.
Naturalmente Eco sarà “vicino” al Bottegone sopratutto dopo la Svolta.
Quasi un Ferrara del Pds, senza il coraggio corsaro dell’altro ciccione. Eco deteneva semmai un coraggio corsivo.
Su Repubblica.
Preferisco Vallanzasca Renato, Curcio Renato, Cochi e Renato, e pure Giusva Fioravanti a questi mondani di casa a Le Monde, a questi echi di parole caute.
Umbertone conosceva l’opzione corretta tra “credo che bisogni” e “credo che bisogna” (Boris, il film, e la conosco anche io) ma non conosceva i bisogni dei ragazzi che attirava a sé una generazione dopo l’altra.
Eco era un pifferaio magico sebbene suonasse il flauto dolce meglio con l’ano che con la bocca. Che fosse questa la magia?
L’errore grave e imperdonabile di un intellettuale che tra l’altro, è a contatto coi giovani, e ci campa sopra, come professore in piena legittimità (anche se era direttore di Corso di Laurea con quattro lezioni all’anno, più o meno, fate voi); mentre come scrittore la questione è molto dubbia ma sticazzi: amo le meschinità.
Non è questo il problema, bensì il seguente.
Questo è uno che ha creato il DAMS. La ragione è stata una: farsi assegnare una cattedra fissa di Semiologia, che già insegnava da anni, la prima del genere in Italia.
Ha attirato tutti i fannulloni pseudocreativi d’Italia e anche qualche creativo che non aveva nessun bisogno del DAMS.
Qualcuno che gli mangia la pappa in capo come scrittore, artista, funambolo e anche, diciamolo, come cadavere!
Perché Andrea Pazienza sarà morto di eroina ma quando lo tirarono fuori dalla vasca, con le labbra blu, era bello come un dio.

andreapazienza
Cintura nera di Kendo, fanatico di palestra, sicuramente a lui la pancia non gli è scoppiata, benché scoppiato fosse lui. ahimè!
Scelte.
Chi mi ama mi segua, disse Eco, qui studierete quello che cazzo vi pare, occhiolino.

pifferaio  magico
Come le scuole d’arte a Londra, come a New York!
Peccato che le scuole d’arte straniere, se le prendi sul serio, ti insegnano a cucire, almeno. E le frequenta solo gente coi soldi.
Lo sanno, laggiù, che finiranno a campare coi soldi del fondo svincolabile a 21 anni. Invece Eco echeggiava dalle colonne di Linus, dalle terze pagine dei quotidiani. Propone di fatto un modello di università per gli Inquieti Settantasetti, in sostanza l’università per chi vuole bazzicare l’università senza fare veramente l’università.
Esprimere se stessi senza studiare.
Eco questo non lo diceva. Diceva studiare, virgola, occhiolino, ma lo sapeva, e sfruttava gli iscritti per accrescere il suo potere accademico.
E quello della terribile Simona, la segretaria.
Molti di quei ragazzi attirati con neutrale e bastardo cinismo, dopo i bonghi, dopo le occupazioni, finirono a placare l’impossibilità di esprimersi senza studiare, facendosi.
E sono morti.
Oppure si sono messi a mendicare in piazza Verdi. “Sono messo male, sono messo molto male.”
Colpa di Eco? Non più di quanto sia colpa di un genitore il cui figlio si fa: esiste la libera scelta, anche se allora era limitata dalla diffusa ignoranza in materia di scimmia. Bologna, quanto a ciò, si sarebbe fatta una cultura invidiabile.
Ma libera scelta di Eco fu il paraculismo, la supercazzola.
Il suo ruolo era convincere ricchi contadini e impiegati della regione Basilicata a mandare i figli a studiare.
“ Se lo dice Eco.”
Mio figlio studia a Bologna col professor Eco, dicevano le signore al mercato, da Voghera a Lucera.
Sì quello del nome della rosa. Che mo ci fanno pure il film.
L’apoteosi del prestigio prestidigitazionale.
Orde di ragazze con le calze a 50 denari pure nella canicola agostana di giù ( Cutrone, Paleimmo, Fgg, Lecceh, Beri, Campuasce, Pescare e tutta la Gaddura) correvano a liberarsi dei vestiti e della verginità anale a Bulagna la prospera, dove i papponi autoctoni si fregavano le mani ancor di più del solito.

-Mo a questi zi piaze proprio vivere scenza un casso e p^i alla fine dishtruggont tot, alora manco gliela redo sto cescio di cajia!
-Fai bene companio, e sce te ne capitano d’avanso mandali a me, zo un garaje col cescio chimico, ideale per tre sossoni!
-Contazi Ubaldo, non abiam mica cazzato i tedeshki per morire in miseria!
-Soccia!
-Viva la resistenza, porcodio!
Plotoni di gay correvano nella città dove si scopava come quando e quanto ti pareva.
La Proloco diffuse la storia della Città dei Pompini.
Sottoposta a un attento esame del sottoscritto, anni dopo, la storia risultò vera.
Il DAMS era una fregatura concepita per chi aveva bisogno di eprimersi.
E molti si espressero, ad altissimo livello, creando culture e linguaggi.
Ma non per merito del Dams. Per merito dei Ramones. Dei Walls of Voodoo, di Linch e Lunch, di Burroughs e le radio libere.
Contava stare insieme nello stesso posto e allora, come si diceva a quei tempi: ogni casa una fucina.
Ma un piano di studi linguistico a Bologna lo potevi fare anche prima, capito la fregatura?
Dipartimento Arte Musica e Spettacolo.
Senza una sala prove, senza strumenti, senza sarte, coreagrafi, senza spazi.
Senza Arte Musica e Spettacolo.
Gli spazi se li sono presi, i giovinastri, e anche le manganellate e qualcuno è morto sparato o picchiato, e poi l’avanguardia proletaria, etc.

images (7)

radio-alice

carrarmati in via zamboni e Radio Alice

Al massimo il DAMS ha avuto il merito di attirare una massa critica di studelinquenti, sufficiente a mettere a ferro e fuoco l’Italia intera.
Merito di Eco?
Mettetevi d’accordo. O si prende questo merito insieme alla colpa di tutti i morti di eroina a bologna dal ’75 allo ’05, diciamo, o non se ne prende nessuno.
Ma su questo voglio essere chiaro e ripetere il concetto.
Fondare una facoltà così, senza dare nulla che aiutasse a diventare un artista o a migliorare la propria arte è un atto consapevolmente criminale.
Perché non è che al dams ci fosse il corso di scrittura creativa con, che cazzo ne so, Carver (che alla fine faceva questo lavoro in patria, alla fine della sua vita intendo, dopo aver vissuto con il culo a bagno nella miseria.) o di composizione pop con Stratos.
No.
Teorie. Teorie.
Servono. Ma non quanto un amplificatore.
Siamo arrivati agli anni ’90 e tutti hanno scoperto la sola del DAMS, che perde vertiginosamente iscritti. Ci sono i ciellini che fanno il DAMS seriamente che è come cercare di farsi pagare il lavoro di riconoscere nelle nuvole forme note, come tartarughe o brioches.
Ma i bolognesi avevano fatto più soldi con quegli straccioni che in tutti gli altri mille anni di Alma Mater.
Bisogna intervenire.
Nel frattempo gli studenti occupano, suonano, teatrano, scoppiano, accoppiano, ma non servono più i carrarmati.
Anzi il comune incoraggia, mentre con l’altro dito ammonisce.
A Bologna ora i centri sociali occupati sono liberalizzati. Quasi legali.
Strade intere erano abitate da studenti senza un cazzo da fare con l’affitto a equo canone per otto anni.
C’è una nuova cultura rivoluzionaria.
La dance. Ecstasy. Rave, Sound System nomadi, voli low cost, Scenari industriali. Better living thru chemistry.

teknival4

SummerTek2007Pnrl

Anche la roba è tornata, ma più come scelta di vita, almeno all’inizio, non come epidemia che contagia gli ingenui.
ATTENTI ORA.
Il DAMS era un completo fallimento, lo sapevano tutti ma non si poteva dire.
Forse qualche disperato figlio di pecoraio a Ovindoli riusciva ancora a far leva sui vecchi discorsi ma i genitori non erano più disposti a svenarsi per una facoltà del tutto priva di prospettive.
“Almeno fai Lettere, o Filosofia, che impari qualcosa. E puoi fare i concorsi pubblici”
Ma la crisi non mordeva ancora. C’era la lira. C’era ancora la DC, e De Mita era il riferimento politico di Eugenio Scalfari.
Berlusconi era una simpatica canaglia che faceva vedere le tettone a tutti, e sulle tette fondava il suo impero dai natali molto molto chiacchierati.
Il Milan vinceva tutto. Anche i tornei di scopone alla Casa del Popolo di Casciavola li vinceva il Milan.
Canale 5 trasmetteva Twin Peaks in prima serata.
E come si poteva biasimare uno che, si diceva, si scopava la pur sempre valida Cardinale degli anni ’80 in macchina,con l’autista che guidava per le strade di Milano?
DI fronte a un simile scenario, con un responsabile preciso, l’università avrebbe dovuto degradare Eco con una cerimonia degna di Dreyfuss in Francia.
Non l’attore. L’altro.
Non sapete chi è? Neanche l’attore?
Peggio per voi,nella maggioranza dei casi.
A meno che non siate uno dei figli di pecorai o falegnami o carpentieri o macellai che vi hanno insegnato un mestiere vero.
E allora non siete ignoranti, avete una cultura diversa, e non mi state leggendo, quindi che cazzo scrivo.
Invece di cacciarlo, una delegazione di Partito, Comune e Università porta Eco da Diana, il ristorantone dei canaglioni vicino all’Ostello Baglioni.
Gli dicono, sotto voce, Umbè rifacce la maggia!
Eco cade dalle nuvole, finge di non capire.
Perché parlate romanesco?
Volle esplicite rassicurazioni.
Le ebbe.
Nel 1993 il primo corso di Scienze della Comunicazione venne lanciato da tutti i giornali (Tranne Nuova Cronaca Vera) in pompa magna.
Stavolta faremo le cose serie.
Niente puttanate.
Insegneremo ai vostri figli le teorie e le tecniche  per essere comunicatori di primissimo livello.
La professione del futuro, per il mondo del futuro. Come direbbe Battiato, per noi giovani del futuro!
Niente fannulloni, numero chiuso, ogni esame scritto orale e tesina, (sottinteso: mica come al DAMS dove c’è il trenta politico dal 77).
I genitori ci ricascano.
L’anno dopo, in cerca dell’unico corso che a Pisa non c’era, faccio il test e lo passo tra i primi.
Farei volentieri filosofia teoretica. Roba così.
Ma mi trovo molto presto impantanato nell’universo della fuffa più raffinata.
La mia testa si riempie di nozioni sparse, come la Cucciolosità, l’Effetto Cocktail, la Teoria delle Catastrofi.
Ci illudono che fonderemo una nuovo mandarinato indispensabile e ben retribuito. Le cose non andranno così.
Quanti palinsestisti c’erano allora in Italia?
Otto o nove, ma quelli che contavano erano sei, tutti politicizzati oltre che bravi.
Tutti formati su studi classici, partendo dai quali puoi fare tutto.
E mentre io scopavo, ballavo, estasiavo, scrivevo e poi bruciavo, suonavo e baciavo sconosciuti, robbavo, vomitavo, inventavo cose,le dimenticavo, altri stavano mettendo insieme l’unica cultura tecnica necessaria e specifica all’allora comunicazione di massa del futuro, e dell’attuale comunicazione punto.
Parlo dell’informatica applicata.
Smanettare sui computer.
Non come me, che sapevo progettare una macchina di Turing disegnata su un foglio, ma non programmavo neanche in Basic.
Fare l’hacker per poi inventare FB, tipo.
Ci siamo cascati ancora. E cosa fai tu?
Ti allontani verso il sole basso come Clint Eastwood in un film di Leone.
Nuovi orizzonti, nuovi libercoli sciatti.
E mai il bisogno di chiedere scusa, di correggere un errore, di fare autocritica su quello che è stato un regno lungo e prospero per te e i tuoi amici.
Scienze della comunicazione avrebbe potuto funzionare associando a Barthes e Deleuze una profonda conoscenza della programmazione e della grafica vettoriale.
Tipo Cultura e Moschetto.
Nel senso di avere le armi per usare la propria cultura al meglio. e vendere quelle armi a gente di ogni tipo.
Ma due più due fa quattro non attira bande di sedicenti creativi.
Perché dopo tre anni il numero chiuso viene dichiarato illegittimo e nessuno costituisce una corporazione, vale a dire un Ordine dei Comunicatori.
Giusto, ammesso che si cancellino nel frattempo gli ordini dei giornalisti e degli avvocati.
Facoltà senza prestigio ma di identico valore legale spuntano ovunque. Molti tra noi hanno insegnato in questi infami corsi di laurea. Anche io: a tre virgola cinque euto l’ora.
Nessuno difese e difende gli interessi di quei poveri coglioni che hanno studiato la disciplina sbagliata per le ragioni giusto. O forse è il contrario.
Il disprezzo di Eco per l’applicazione tecnica della semiotica, che ben diretta avrebbe dato altri frutti, non ha impedito a quest’ultima di trionfare non solo sulla semiotica alta, ma sulla complessità, sui segni, sulla parola.
Perché in parlamento, non si parla più, come ai tempi di Ingrao, Almirante e Pannella.
Da nessuna parte si parla più.
In parlamento si fanno le leggi e per farle giuste ,per le persone giuste; in parlamento ci vanno gli avvocati di quelle persone che hanno Bisogno di leggi giuste. La gloriosa Gilda degli avvocati è sempre lì, chissà perché.
Nel 94 aprono Scienze della Comunicazione, muore Kurzio, e nasce Forza Italia, regolarmente predetto da Nostradamus.
Comunicatori.
I migliori di noi fanno i pr per grandi aziende.
Gli scaltri fanno i copy, basta un infarinatura di semiotica che chiunque può imparare nel tempo che una puttana da quindici euro impiega a farti una pompa.
I migliori di tutti sono morti per intossicazioni di vario genere.
Altri fanno i giornalisti, se dotati di raccomandazione.
Altri lavorano in oscuri centri di ricerca sociale.
Molti si occupano di risorse umane.
E pochi altri, magari uno solo, sono sopravvissuti alla droga, all’eroina spettacolare del 1997, e si sono laureati bene e magari ne hanno presa anche un’altra e hanno cambiato mille lavori, di solito i meglio pagati erano i più disonesti, ti trovi a rimpiangere il lavoro onesto, quello disonesto,la roba del 97. Hai due figli.
Il lavoro non lo cerchi più e decidi di diventare un Casalingo Moderno, poi la tua famiglia esplode, esplodi pure tu, ma la cosa che ti uccide è aver capito che popolo di merda siamo, che ci meritiamo chi ci governa, e che ormai in maternità ti sfondano il culo dopo il taglio del cordone, come si taglierebbero le orecchie a un dobermann.
Infine ti tocca cercarlo lo stesso il lavoro, non lo trovi e finisci a fare il casalingo minuscolo ad ore solo per il privilegio di frequentare il frutto dei tuoi lombi. Pensi di aver sbagliato tutto nella vita, pur capendo molto bene il mondo, e allora ti incazzi ancora di più e ti senti responsabile della tua situazione fino in fondo , anche se non è del tutto vero.
Perché la gente quando sente Scienze della comunicazione si mette a ridere e il lavoro non te lo da. Dava, quando c’era. Non ti sei creato un mestiere semplice e antico per studiare cazzate non ti danno da mangiare. Anche se hai acquisito dopo le competenze necessarie, le tue scelte universitarie hanno influito sullo sprofondo della tua vita almeno quanto le scelte sbagliate fatte a mitraglia in altri ambiti.
Ma chi era il garante di quell’operazione? Non era Eco che doveva cambiare in corsa e spendere la sua influenza per dare un futuro a quelli che hanno ascoltato il richiamo del tuo piffero anale?
Ma il Professore se n’è andato in parte attirato da un giochino nuovo, in parte attento a non voltarsi indietro a guardare lo sfacelo biblico per paura di trasformarti in una statua di carta.
Cosa hanno imparato gli italiani brava gente dalla comunicazione di massa (messa in opera da grandi semiomanipolatori)?
La comunicazione di massa sta alle ambizioni della disciplina dei segni degli anni settanta come il cazzo di mio nonno durante la guerra sta allo stesso attrezzo ora che è morto da trentacinque anni.
La comunicazione oggi è pura occupazione del canale, segnale di contatto, Funzione fàtica, e vedere se rimediano un po’ di fica, funzione facial.
I nostri politici come sempre ci rappresentano alla perfezione. Altro che no.
La cultura delle dichiarazioni, del payoff, della sintesi, unita alla società dell’immagine ha creato una grave e irreversibile povertà di pensiero.
Oggi La scena pubblica è una scenetta senza costrutto, una puntata di casa Vianello scritta da Ionesco.
La semiotica di Eco insegna che c’è uno scambio, che siamo liberi di interpretare, che la Bullett Theory è superata e ci considera dei gusci vuoti. Giustissimo.
La libertà interpretativa. con alcuni limiti teorici, sempre teorici, riguardava testi.
Le teorie della comunicazione di massa riguardano il rapporto con i mass media.
Siamo sicuri che il nostro rapporto con l’informazione non sia leggermente sbilanciato? Anche considerando la possibilità interpretativa, se non la libertà.
E da dove nasce la cultura politica di oggi?
Tutta consulenti di immagine e ghost writer. Arrotola la camicia, muovi le mani così, detta i titoli ai giornali durante i discorsi. E mi raccomando soggetto verbo complemento oggetto, punto e accapo.
Ti è piaciuto attribuirla a Berlusconi.
Ma se lui è stato l’espressione da operetta di un popolo con la testa china, tu hsi fornito gli strumenti per suonarla quella musica.
Politica e media di oggi SONO scienze della comunicazione.
Al discorso ideologico del Trattato, si è sostituito il non-discorso apparentemente non ideologico. Un altro quadrato semiotico. Ma andetevelo a cercare.
Mentre facevi battute da convegni contro la destra liberista.
Mentre diventavi sempre più elitario e narcisista nella tua critica culturale sui giornali, dimenticavi che hai fornito nidi di mitragliatrici a orde di telezombi.
Perché la teoria serve. Ma anche in questo caso, serve di più un amplificatore. Perché non esiste modo, internet compreso, per opporsi al potere, che ormai non si giustifica nemmeno più.
Non siamo stati liberi di interpretare i segni.
Lo scambio non è stato paritario. Mai.
E all’improvviso non siamo stati più liberi, e basta.
Non siamo stati più in grado di riconoscerla, la libertà.
Mi acccontenterei di un popolo di pecorai che riesce a far studiare i figli e sa fare il formaggio anche se non sa leggere e scrivere.
Perché sa pensare minchia, scarpe grosse cervello fino.
E’ colpa di Eco? In parte.
Certo quest’uomo di potere ha usato l’intelligenza per inculare la speranza di questo paese, migliaia di giovani che avevano creduto in lui per i motivi giusti o sbagliati. Un professore con le palle, pieno di pilla, molla lì l’ennesima ristampa di qualche saggio marginale degli anni sessanta e scende in trincea, anche per combattere una battaglia persa.
Quando Eco si è accorto che aveva creato mostri, non ha detto, aspetta un attimo,questo è l’esatto contrario di quello che intendevo diffondere. E’ andato avanti per la sua strada perché il mondo non capiva, anche se continuava a ricoprirlo d’oro.
Mi hai fottuto pifferaio, e hai fottuto una generazione talmente estrema nel suo essere aliena che si schifa a definirsi generazione.
Non importa se Renzi ha la mia età.
Non appartiene a un’epoca, ma al potere.
Appartiene a te, e guarda cosa hai generato, “…dotato di impareggiabile visione del futuro…”
Sì del proprio.

donrenzi
Lui è figlio tuo, figlio del tuo relativismo culturale ed etico più esibito che insegnato, come avresti dovuto fare da Grande Professore che avrà un busto in facoltà. Fino a quando non aboliranno i busti sostituendoli con i tutori ortopedici dei baroni, ormai immortali.
Forse l’anticristo della deriva semantica può nascere da un angelo della semiotica caduto per superbia e indifferenza.
Del resto tu, hai giocato con le vite degli altri, rispuntando sempre in cima come una moneta falsa.
Invece di giocare con la cultura, te ne sei preso gioco.
Senza vergogna, senza ammettere errori, senza ringraziare nessuno.
In questa prospettiva la tua ironia assume sfumature sinistre.
Quello che era nato dalla celebrazione dei linguaggi come infinite possibilità è ora una virus cognitivo di massa. Massa massacrata.
C’è una corrispondenza totale tra discorsi privi di senso e cervello privo di pensiero.
E’ per questo che scrivo cose lunghe difficili per Internet: resistenza passiva di retroguardia.
Oltre al gusto di violare tutte le regole che ho imparato dalle tue parti.
Il destino di un paese non è mai responsabilità di uno, anche se si chiama Eco o Berlusconi.
Ma se fossi il tuo fantasma, professore, sarei molto preoccupato di un eventuale inferno linguistico costruito apposta per me da un diavolo che ha studiato Scienze della Comunicazione e La Divina Commedia.

Inferno_Canto_6_lines_49-52.jpg

Un contrappasso dove ti obbligano a guardare sequenze di testi ben costruiti, sintetici e ficcanti. Solo significanti con una vaga connotazione data dal ricordo. Niente significato riconoscibile, un esito possibile della semiosi senza fine che hai contribuito a creare.
Nell’attesa di essere salvato da una nuova stirpe di pecorai del cyberspazio, dotati di teorie e concretezza, nonché di pecorino, ti saluto.download (1)

Riposa in pace, se ti riesce. Oppure riposo in pace io. Vado a slacciarmi le scarpe. Tu non puoi, pappappero, perché sei morto e ti stanno inumando.

ReUnion mondiale laureati Universita' di Bologna

Eco con il suo primo Nichelone. Lo mostra sprezzante a un tossico e se lo rimette in tasca. Sopra: Costanzeco ed Ecostanzo i gemelli ritrovati prima della tragica scomparsa di uno a caso. Amen

Ah, nessuno di noi, comunicatori della primora, si occupa di palinsesti.

 

L’Eco de li mortacci: “Il Casalingo scrive un altro necrologio diffamatorio. ” Non è una provocazione” afferma lo squallido individuo, mettendo le mani avanti, ” leggete il pezzo e capirete!”

peanuts


Ecco un’altro necrologio da stronzo del Casalingo Moderno. Dopo Scola se la prende anche con Eco.

Così titolava stamattina l’Eco de li Mortacci, il quotidiano più letto nell’oltretomba e da Enrico Letta.
Come avranno fatto non lo so, perché il pezzo l’ho scritto ieri e non l’ho ancora diffuso.
Mah, i morti.
Siccome è vero che ho recentemente stroncato Scola, celebrato maestro del cinema più facilone e didascalisco, devo precisare alcune cose.
Lo ammetto. Parlerò male di un morto importante.
Essere felici quando muore un Maestro è un valore in sè.
Un dovere civico.Come uccidere il padre.
Certo, sogno un mondo pieno di orfani lerci alla guida insicura di limousine fatti della coca trovata nelle tasche dei genitori trucidati; bastardi felici prendono possesso di una New York senza adulti defecando nei gelidi grattacieli sui tavoli dei consigli di amministrazione della, boh, della Cia?.
Come i Peanuts, ma horror. Allora?
Ma non si tratta di quella felicità,
In realtà la morte del Ciccione professorone non mi da alcuna gioia.
Sono molto felice quando muore un un ex grande, come Picasso, Lou Reed o Martin Amis ( che in realtà ha scritto due capolavori a ventanni e una montagna di merda fino alla sua morte).
Come dite, Amis è vivo?
Che amarezza.
Sono abbastanza felice quando muore un presunto grande, che grande non è mai stato, come nel caso di Scola.
Ma Eco è una faccenda diversa.
Pensonale e in qualche modo, giornalistica, cioè quasi un ossimoro.
Ricordate, questo sito parla di una famiglia rotta e di un uomo in rotta. La morte di Scola mi permetteva di affrontare la rappresentazione della famiglia nel mediocre cinema italiano.
Ma Eco che c’entra?
Lo saprete alla fine di una noiosa dissertazione che pubblicherò dopo che avrete letto questo disclaimer che rientra nelle dimensioni ideali della lettura telematica.
Come se i titoli di testa di un film durassero un ora e quaranta, e alla fine del pappiè capirete perché faccio così.
Perché continuo a scrivere cose difficili lunghe e complicate su un sito?
Quando riesco a scrivere un racconto di finzione pressoché perfetto in una pagina?E’ una scelta. Eco c’entra.
Intanto consolatevi incostanti misere centinaia di lettori: perché siete tra gli eletti.
In realtà il pezzo non è noioso.
Fa ridere, si parla di anni settanta, puzze corporee, buci di culo, morti belli e brutti.
Si narra di misfatti del Professore. Crimini in parte ricostruiti, in parte vissuti in prima persona.
Gonzo Journalism. Presente?
E’ lungo, ma non brutto come Lurch degli Addams.
E nemmeno come le superpippe nei romanzi di Eco dove ti fa vedere che ha studiato.
O che qualcuno ha studiato per lui…
Basta così, leggetevi il pezzo.
Come anteprima mi sembra di aver quasi esagerato.
Devo ammettere una cosa, magari l’ho scritta nel pezzo ma leggerla due volte non vi ucciderà.
Continuo a rimandare il piano narrativo del Casalingo Moderno, a rimandare il raconto del periodo nero, e non solo: per la prima volta ho paura.
DI scrivere in certi casi, e di pubblicare in altri. Ogni volta che scrivo di ciò che rimane della Famiglia Moderno vado incontro a liti infernali, qualcuna ne ho riportata. Scrivere la verità su certe cose mi permetterebbe anche di farvi capire che Salvia non è solo una stronza col fiocco. Lo è certo, ma non solo.
Purtroppo le continue liti con lei per cose assolutamente vere che scrivo, tipo le nostre liti, la mettono in cattiva luce e io non la racconto tutta perché ho paura delle sue reazioni (anche se sa tutto): un circolo vizioso del cazzo.
Per questo non ho pubblicato in questi giorni.
Mi fisso, perché sono ossessivo riguardo a ciò che scrivo qui. Mi fisso, dicevo, devo scrivere ciò che deve essere scritto e basta.
Se solo sapeste quanti post giacciono tra le bozze perché non mi rappresentavano al momento di pubblicarle e perché, da pezzo di merda snob che si crede stocazzo, non mi permetto di usare riempitivi. Un patto con me stesso.
Ciò rende me un coglione e voi una banda di eletti fortunati.
Io devo essere sul pezzo. Vale per queste storie familiari, in particolari.
Ma voi la mia produzione non casalinga non la conoscete e anche se la conosceste non sareste in grado di associarla a me.
Non ho la leggiadria di un circumnavigatore di ostacoli.
Alla fine un po’ di sangue ve l’ho dato anche in questa che doveva essere una premessa paracula e invece.
Il pezzo in questione uscirà quando riterrò che un numero sufficiente di adepti abbiano letto questo. Quindi può essere tra due ore, a mezzanotte, o domani.
Per fortuna è morto Eco,così tiro avanti ancora qualche giorno.

Family Die, violenze domestiche tra mito e cronaca!

bacio di giuda caravaggio

Nuova rubrica, nuova categoria.
Idealmente questa rubrica nasce da un pezzo abbastanza serio, l’unico che ho scritto da Dicembre 2014 a Novembre scorso.
Per i nuovi: leggetevelo.
Perché una nuova rubrica?
Perché devo scrivere racconti personali che ho paura di affrontare.
Mi serve un diversivo.
Poi si sa, tra tutte le istituzioni del consorzio umano, la famiglia contiene il più alto tasso di violenza.
Chi ha scritto la Bibbia non era uno scemo.
Ha introdotto l’omicidio come faccenda familiare.
Bella forza, erano in quattro, tutti parenti, si dice.
Falso.
Quel povero Caino. Caino il contadino.
Quando viene bandito, se ne va nella città dei figli dell’uomo (errore nei tagli) con un segno sulla fronte perché non lo uccidano.
Che figli dell’uomo?
Forse nel paradiso terrestre si incoraggiava l’accoppiamento interspecie con mule capre faraone braciole?
Non saprei (sì) ma la città dei figli dell’uomo era abitata da brutta gente nata tra accoppiamenti tra angeli e sgualdrinelle.
Gli angeli erano senza sesso?
Talvolta, quando la fidanzata le tagliava il cazzo.
Abele era un pastore.
Caino coltivava la terra.
Ma l’agnello viene meglio con le patate al forno invece che con le spine di cactus.
Chi sarà mai il preferito?
Chi sarà il cocco di un dio che fa un accordo di esclusiva con una banda dì pecorai nomadi.
-Voi mi leccate il culo e io vi farò lasciare l’Egitto.
Egitto era come dire New York, dove un ebreo, Giuseppe, era diventato primo ministro tanti anni prima.
Mosè venne cresciuto come Ramsete, stesse scuole private, stesse scarpe su misura e abiti sartoriali.
-Lasciate l’Egitto, disse quel dio incazzosissimo.
Chi chiese perché sprofondo in voragini repentine.
-In cambio, continuò dio, dopo tipo quarantanni senza farsi una doccia o mangiare un kebab, vi donerò un pezzo di deserto infecondo.
Non l’Abruzzo, non Miami: un deserto dove cresce solo la barba.
Vi donerò, si fa per dire. Mezzo pianeta è disabitato, ma quel pezzo di deserto pullula delle tribù più bellicose del tempo. Ve lo conquisterete.
Gli ebrei lasciarono l’Egitto, con le sue mostre, la sua architettura contemporanea, e partirono.
Dio aveva tirato un pacco ai peoorai.
Ci aveva provato con gli etruschi, prima.
Quelli smisero di mangiare, si asciugarono la bazza unta, poi gli fecero un PUPPA che entusiasmò la tavolata intera, tra fischia, urla e sonori peti.
Meglio cercarsi dei pecorai nomadi, pensò dio.
All’inizio dei tempi, molto tempo prima, i figli di Adamo ed Eva,due fratelli, presentano le loro primizie a Dio che li guardava sempre.
Ma proprio sempre. E faceva prediche.
-Non ti vergogni di essere nudo?
-Veramente se ti giri non c’è nessun altro.
-Dov’è tuo fratello?
-E che sono il guardiano di mio fratello?
La pietra dello scandalo, questo dio.
Dio non caga le offerte di Caino e quello per gelosia ammazza il fratello che lo piglia anche per il culo.
-Io sono il preferito. Te ficcati i chicchi d’uva in culo, schiacciali e facci il vino.
-Veramente con il grano è più semplice fare la birra.
-Ma colla Fiorentina è parecchio meglio il vino rosso.
Gelosia come movente. Gelosia di chi?
Del Padre è chiaro.
Adamo era assente.
Va scusato anche lui.
Dice li lascio con mio cognato appena uscito di prigione.
NO.
Li lascio con dio.
E me ne torna a casa il cinquanta per cento.
Adamo era il classico padre amico. Un Bonaccione. Spesso Sbronzo.
Scusa Caì, sto in crisi co tu madre, allora la copro io Adà, sacrilego, ma qua noi siamo quattro, ho gererato sei figli: quello mejo l’ho fatto co na delfina, un po’ di fica della mia misura non mi dispiacerebbe pa’, chiedi permesso prima, grazie pa’ sei un grande.
In quei giorni Adamo era tutto preso dalla sua nuova invenzione, il tamburo.
Diversamente dalle abitudini odierne lo suonava con il pene, preferiva avere le mani libere per grattarsi.
Dopo due giorni di questa musica Eva dovette occuparsi dell’infiammazione del suo uomo.
Molto grave.
La figura paterna era Dio.
Parlava con la famiglia in continuazione.
Fai questo, fai quell’altro.
Padre Padrone, questa casa non è un albergo, veramente questa non è una casa dio, fai un’altra questione e creo l’edera velenosa, quando ci perdoni per quel frutto, Zap, ahi cos’è, edera velenosa coglione.
Oltre un millennio dopo chiese al figlio di andare sulla terra per un incarico speciale.
-Grazie babbo, avevo proprio bisogno di una vacanza!
-Di nulla Gesù, sai che ti voglio bene!
-Abbracciamoci!
-Ora non esagerare, ricchione.
-Va bene, vado.
-Vai vai, chiudi la porta quando esci.
Non si sa nulla di Gesù dai dodici ai trent’anni.
La Nostra teoria è che il ragazzo, una volta saputo ciò che lo aspettava sia fuggito con un circo egiziano, abbia imparato parecchia magia africana e trucchi di carte e abbia disseminato il continente di nipoti di Dio.
Una figura sottovaluta il nipote. un po’ come la nuora.
Quando il Dio Padre gli appare e gli fa capire quale fosse davvero il suo compito, Gesù ha solo 23 anni.
Passa gli altri sette a bestemmiare.
E nonostante ciò, durante la predicazione continua a ripetere, con gli occhi al cielo, devo proprio? Sei sicuro?
Anche all’ultimo momento: padre perché mi hai abbandonato, paga la cauzione, allontana da me questo calice.
Non per niente Gesù viene ricordato per l’invenzione della comune, visto che odiava le famiglie.
“Sono venuto a mettere il padre contro il figlio, il fratello contro il fratello.”
Le comuni falliranno perché qualcuno che non tirerà l’acqua.
Ma in quel tempo mancavano i cessi, così Gesù e i suoi vivevano insieme, e il vangelo non si azzarda a dire che quei perdigiorno non si ammucchiavano come processionarie.
Nonostante tutto Gesù non ci pensava proprio a morire.
Chiede aiuto al suo migliore amico Giuda.
-Aiutami a compiere la scrittura.
-Certo Gesù, fammi fa un po’ de scarpetta!
-Lo sai che mi da fastidio Giuda, se vuoi il contorno ordinalo. è pure la mia ultima cena, merda!
-Mi sa che pure io ce n’ho per tre caate.
Infatti Giuda si rende conto che, scrittura o meno, ha fatto la spia in questura al suo maestro e amico, non regge e si impicca.
Per gratitudine dio lo condanna all’inferno immediato solo per aver permesso a Gesù di fare il suo lavoro.
Due omicidi maturati in famiglie benestanti, ma disfunzionali.
L’equivalente biblico della villetta a Cogne.
Madri vergini?
Madri nate da costolette?
Delitti ispirati da un dio esigente e paccaro.  Al prossimo numero di Family Die.

15426852362_864109ea8a_b