La Rabbia che mi tiene in vita! ( sona la Raje…)

 

Avvertenza.

Questa è un’invettiva

download (1)

downloadcome-imparare-a-gestire-la-rabbia_d68b0585c7c4ccd4d19ddab0e52a6619

Chi non ama parolacce e posizioni nette vada al mercato, si procuri un cetriolo da competizione, lo conficchi nell’ano (suo) per tre quarti.Poi esca e si pavoneggi, dopo aver praticato un buco adatto nei jeans, con la sua nuova coda vegetale.

Detto ciò.

Ho vagliato spunti dal web e come al solito, preposizione accucchiate a pene di segugio. Niente profondità. Niente di vero.
La Rabbia. Vai a un bel corso di gestione della. Fa perdere la testa. Fa scoppiare il cuore. Rende ciechi, manco le pippe..La rabbia turba la pace interiore.
Certo che la turba. Speriamo.
Vaffanculo merde!
Non siete in grado di elaborare un concetto profondo, e devo farlo io al posto vostro.
Cosa c’entra con la casalinghitudine?
Parecchio, nel mio caso. Senza fissa dimora. Una ex che mi accusa di tutti i suoi malesseri.
-Ma tu eri una merda anche quando uscivo alle cinque in giacca e cravatta a fare quel lavoro da criminale., e ti mantenevo, e cucinavo per te e la bimba.
-Ma ora la psichiatra dice così. E la tua cosa ti dice, te la rigiri anche lei?
L’altra ex che mi diffama, quando avevo pensato di aver trovato la persona giusta.
I Gramignas che cercano di esautorarmi come padre, mi disprezzano come uomo,mi prevaricano in tutto perché dormo nella loro cameretta da miserabili, senza consumare i miei pasti in loro presenza.
Perché vivere come voglio,arrivare a vivere come voglio, significa usare la rabbia difensiva quando ti vogliono spiegare che tu sei una merda incapace che sopravvive grazie alla loro carità. O, per uscire dai miei cazzi, in ogni caso dove siete schiacciati dalla vostra stessa disponibilità. Empatia. Come cazzo vi pare. Tutto bene se fate i guru. MA ALTRE VOLTE…
.-Pezzi di merda, appena Salvia ha partorito mi sono accolto che mi avete inculato, coi ricatti morali, affettivi economici. Tutti i sacrifici?
Sacrifici? Due stipendi di alto livellò nel settore della sanità pubblica?
Io non avrò mai una pensione mentre GramignaXX, riscattando la laurea . non è arrivata a 41 anni  E MENO DI 15 ANNI DI LAVORO per diventare la felice  titolare di una ben guarnita baby pensione, utilizzando una legge in piena legalità, sia chiaro.
Gramigna xx è quella che, dopo il mio abbandono della politica giovanile a livello nazionale per  abbracciare scrittura e droga, mi ha guardato con rammarico.
-Perché non sei diventato portaborse di Veltroni?
L’ho già scritto. Forse. Non ricordo.Perché mi fai queste domande, avrtei potuto rispondere.
Mi picchiavano da piccolo: Anni dopo, provavano a farmi rinchiudere, come pazzo indegno di prole, pretendevano di essere stati buoni genitori, migliori di me.
Non ho mai pensato di essere il miglior genitore del mondo. Però non ho mai scordato come si sta da bimbo e adolescente, impegnato a compiacere quelle merde che mi hanno cagato sulla terra, senza mai arrabbiarmi se non con me stesso perché non ero mai bravo abbastanza da farli smettere di urlare che ero un ingrato stronzo testa di cazzo…
E allora cazzo, almeno metto in guardia i miei figli contro di me, dovessi mai scordarmi che mi hanno salvato la vita per anni.
La rabbia, lo capisce anche un babbuino che non va sempre bene.
Ma a volte è l’unico motore emotivo, esista o no il termine motore emotivo, mi sa da psicologia da rotocalco e mi sta sulle palle.
Però io tenevo tutto dentro, e mi dicevano, perdi tempo, e io mi sentivo in colpa per ogni cosa che facevo in nome della bellezza o della tristezza. Della mia bellezza, della mia tristezza.
Ogni cosa che non si avvicinasse ad essere un portaborse di Veltroni.
Poi tutto ciò si è trasformato in semplice sfiducia nelle parole.
Dopo fu incapacità di scrivere qualcosa che non fosse un racconto breve.
Schematizzavo una tesi in mezza giornata, e mettevo l’accento in un uomo. Non riuscivo a gestire le bibliografie.
E avevo passato i venticinque quando mi accorsi che non riuscivo a finire nulla che mi importasse. Musiche, amori, scelte, scritture.
Ci ho messo più o meno trentacinque anni di vita a liberarmi dal giogo che mi ero messo da solo. Il mio rapporto è andato a rotoli, Salvia si incazzava, io uscivo piangendo e magari mi spalmavo su un muro da sobrio.Mai fatto una chiocca fatto o briao.
Ero libero dal giudizio dei Gramigna’s.
Non mi toccava dentro.
Capii che non potevo difendere la mia vita senza rabbia.
Quando mi dissero che la mia casa era mefitica, li buttai fuori e non videro la loro nipotina per due mesi.
Quando Salvia pretendeva (altro lavoro, cene differenziate, farmi abbozzare di fronte alla sua aggressività), io combattevo per recuperare il tempo perduto.
Per recuperare il tempo che mi facevo rubare oltre quello che regalavo a tutti quelli che amavo. Ma serviva la rabbia.
E l’ho persa per questo, perché non ero più il consolatore sempre pronto ad aiutare chiunque. Ho perso Salvia non la Rabbia. Maledetti pseudoanacoluti.
Disponibile per tutti. Tranne me.
-Hai sofferto perché mi drogavo, madre?
-Io di più. troia maledetta. Per la droga, per le tue botte, per le tue urla, per la tua pazzia incurabile.
Poi ho perso anche l’altra, non l’altra madre, l’altra ex. Tropea.
Non c’era un vero perché.
Errore mio, vigliaccheria sua.
Per diverso tempo ho scritto alla sua casella di spam: era come liberarmi di pensieri che la riguardavano, e anche del fallimento che rappresentava.
Più o meno allora, la salute è andata affanculo, i bimbi hanno smesso di essere felici, per mia colpa, mia grandissima colpa.
Sono stato truffato da due carabinieri senza aver fatto nulla. Per mia colpa, comunque. Per essere stato remissivo e non un figlio di troia.
Sono stato truffato da carissimi(esosi) terapeuti milanesi.
Sono diventato un cingolato di rabbia.
Occhi allo scopo, e vaffanculo tutti, almeno certe ore o certi giorni.
Siamo all’ultimo anno. E’ successo di tutto. Computer rotti, file persi, cazzi nel culo dallo spazio profondo.
Continuano ad arrivare.
I cazzi.
Dallo Spazio.
Profondo.

images (2)La mattina ho ingoiato polvere di denti digrignati.
La notte ho dormito su letti che non erano letti.
Sono ingrassato, talvolta uso una stampella. La mia gamba sembra presa da un cadavere sepolto da una stagione per poi infilarmela nel bacino. Va tagliata?
Eppure ho la rabbia. A difendermi da me, e dagli altri.
Non come avrei voluto, ma cazzo, comincia a funzionare,
In questi giorni ho raggiunto un cazzo di risultato. Importante per me.
Per il mio talento usato come carta da culo.
Sotto la pioggia in bici verso la biblioteca.
Cadere.
Raccogliere appunti bagnati.
Commettere errori, continuare ad amare, e coltivare la rabbia come una carnosa orchidea.
Ora ho terminato quello che tante volte avevo cominciato.
Grazie alla rabbia.
In culo ai superficiali fricchettoni convinti che la rabbia turbi l’equilibrio.

download (2)images (3)

Ovvio. Si cade. ci si rialza. I meditatori nemici della rabbia, gli yoghi vegani e vulcanianì.
Gesù era sempre incazzato, Anche dio, prima di mandare il suddetto figlio a fottersi in croce.
Io sono il mio dio, rabbioso e vendicativo.
Io sono il mio dio, pieno d’amore del quale non sprecherò più una goccia per chi non lo merita.
Sono incazzato nero MA.
Ho cominciato la revisione di un romanzo che dovevo scrivere vent’anni fa.
Quindi vuol dire che una prima stesura c’è.
Questo non c’entra una sega con la mia vita casalinga, mooderna, adddirittura.
Cioè c’entra come per un’altra l’obiettivo è fare collane di fimo.
ATTENTI IDIOTI. OVVIAMENTE La rabbia ti cambia.
Sono peggiorato, e migliorato. Sono amareggiato e disilluso.
Ma attenti. Ora non mollo. Anche se sono una pessima compagnia.
Sticazzi, ho sei amici.
Attenti.
Quando mi urtate per la via,
attenti caramba e polizia,
attenti piloti che sfiorate i miei bimbi sulle strisce
vi farò male con la lingua è il bastone.
Attenti nemici e parenti.
Ora giro armato fino ai denti.

.

images (1)

Il Capellaio Matto Impazzito E Suo Padre. Ovvero Tim Burton, La Rispettabilità, La Deliranza.

2tenniel

Ci sono giorni nel quali ti senti attraversato dalle cose, dagli eventi.
A meno che non vi stiano lapidando il cinema potrebbe farvi stare meglio.
Dopo una giornata talmente faticosa che ho strizzato le palle nel lavandino: nè è uscito tanto sudore da riempire una lattina di birra.
Alla fine siamo andati a vedere Alice Attreverso lo Specchio, tutta la ex famiglia al completo, disfunzionale, traslocante, pre adolescente, post poppante e del tutto demente.
Di cosa parliamo qui?
Tragedie, debiti, ricettine per casalinghe insoddisfatti, critica sociale implicita, furti nei supermercati: famiglia.
Io Padre orfano, Padre senza modelli, padre ansioso di meritarsi l’odio dei suoi figli.
Lo attendo come massimo riconoscimento possibile.
Eppure Tim Burton mi aveva aiutato tanto da ragazzo, a rivendicare una diversità che mi dicevano non essere mio diritto. Edward, Beetlejuice, Jack, Ed e gli altri.
Modelli per mandare affanculo i genitori che hai dentro di te, senza smettere di desiderare l’amore che non sono stati capaci di darti.
Si da il caso che sia un discreto esperto di morale Vittoriana. Non vi spaccherò le zucche su questo: ma credetemi. Era diversa, tanto abissalmente diversa quanto oggi ci sentiamo attratti da una civiltà fatta di tartine imburrate, guerre in Afganistan, pomeriggi dorati, Irlandesi massacrati, modernità, ipocrisia, sfruttamento dell’infanzia ( simbolo di purezza ma costretta all’obbedienza ad adulti irremediabilmente corrotti dalla voglia di scopare).
Aggiungo solo. Leggete qualche biografia recente di Dogson-Carroll. Carroll sembra essere una costruzione favolistica dell’astuto pigro genio matimatico letterario fotografico Dogson, per trascorrere tempo solo con le sue piccole amiche. Da parte di fava, direbbe il Sassaroli. Fior di Donne pettorute dai venti ai 35 anni, che trascorrevano notti con questa reincarnazione di Babbo Natale Cristificata. Era noto che Carroll Pisciava spuma bionda e cagava cioccolato alle nocciole.
Ma non è questo.
Tim Tim, una smarronata così non l’avevi ancora propinata.
Giusta l’Idea di un Alice in età da marito, e anche quella di raccontare attraverso lo specchio come romanzo di formazione.
Nota bene. Non c’è nulla di ciò nel libro. Ma.
Il conflitto del film è appunto quello tra genitori e figli.
Udite Udite. Il libero, deliranzante amante con tutte le sue moltezze è impazzito.
Non era più che fulminato?
da da da-
Ma da buon matematico Carroll-Dogson sapeva che (Follia x -Follia), (-follia perché il mondo oltre lo specchio è antimateria, giusto?) è uguale a:
sobrietà, idiozia, funzionalità lavorativa, risposta ai farmaci e alla pressione sociale. O QUALUNQUE ALTRA COSA CI SIA All’OPPOSTO semantico DI UNA FOLLE FELICITA’, certo non la salute.
Insomma il MATTO E’ AMMATTITO perché non ha aderito ai valori del padre prima che la sua famiglia venisse sterminata.
Un simile problema ce l’ha Alice, costrettà a rinunciare alla sua indipendenza per piegarsi ai voleri della mamma, dopo la morte del padre benevolo.
ALLORA.
CRESCERE SIGNIFICA ACCETTARE I GENITORI, SE NON ALTRO PERCHE’ NON SI HA SCELTA. Crescere significa odiare chi ci ha cagato e ammettere che li amiamo. Ma anche no.
Ci sono cose che non si perdonano, si diceva in Magnolia, film interamente dedicato ai confini del perdono dei figli verso i genitori.
CHi si scopa la figlia crepa da solo.
E il riconoscimento deve essere reciproco. Adulto verso adulti.
Mentre la trita morale del film alla fine è, il tempo non è uin tiranno perché ci porta via l’infanzia. Perché pone termine alla nostra vita. Il Tempo Borat ci regala ogni secondo sperando che non lo sprechiamo.
Quale profondità da Richy Cunningum dopo essere stato inculato in carcere. Con quella faccetta di cazzo.
Niente reciproca complessità, niente valori ambigui, vie di fuga in culo alla maturità come seriosità pallosa stile Famiglia Manzoni,  e intendo la famiglia di A. Manz. e anche il libro, divertente quanto squallidi e diarroici sono i personaggi.
Alla fine, il Cappellaio MATTO malato di non FOLLIA, riesce a dire al padre: HO SEMPRE DESIDERATO ESSERE…TE
Nel senso che si scopre che Cappellaio è il mestiere di famiglia e anche il coglione ( refosco. no. rinfusa. no.refuso.  COGLIONE uguale cognome)
Vogliamo salvare il grande Tim B?
MENTRE ALICE ACCETTA LA MORTE DEL PADRE E VIENE SALVATA DA UNA VITA DI SOTTOMISSIONE DA UN GESTO MAGNANIMO DELLA MADRE. PER ESSERE ANCORA PIU’ CHIARO TIM BURTON FA COINCIDERE IL PASSAGGIO ALL’ETA’ADULTA uccidendo l’anima della libertà; rispondendo alla domanda RIAVREMO MAI LE NOSTRE MOLTITUDINI con un NO grande come il mondo.
Vuole forse dirci che accettare la morte significa morire?
E che si pratica la deliranza è il pasticcino psichedelico e poi guardiamo l’orologio, diciamo è tardi è tardi e corriamo a gettarci in buco nero dove impareremo le regole della VITA ADULTA (le carte) dementi e violente, correndo a farci tagliare la testa per la noia.
E perché nell’Underground non c’è più un solo cappellaio per bianconigli con un minimo di talento. Tube e Bombette, signora mia.
Io Non Credo.
Credo al cambiamento, ma non al cinismo.
Apprezzo il tradimento delle idee perché ce ne soono di nuove che premono, come stronzi in canna.
Ma non a quella roba, tipo, basta stronzate, prendi un sigaro e spartiamoci il bottino.

cappe11326446_1616937231853652_269742453_nspecchiocappe2

Avvertenza. Questo pezzo non ha ricevuto alcun tipo di editing. Se non vi garba chiamate Lo Scappellato Rinsavito, E i suoi Occhiali da presbite. Io l’ho scritto ora, per chi avrà il piacere di leggerlo.

Viva i refusi alle 3:45 del mattino.