Hai problemi tecnici con Casalingo Moderno su wordpress? segnalamelo.

Due persone mi scrivono in privato che non riescono a commentare i post, che viene loro richiesta una password. Per favore avvertitemi se si verifica ciò. Nelle mie impostazioni è tutto aperto, smarmellato come direbbe Duccio di Boris. E quando io smarmello, voglio che tutti di smarmellino con me!

Ultime notizie! una velina ci informa che  il problema potrebbe essere legato a  chi vuole postare commenti dallo smartphone. In tal caso basta registrarsi a wordpress, come fareste su FacialBook! Non è necessario avere un blog, ma solo essere registrati, fate la prova!

 

IMG_4297

Tropic^ld° is in da hause

C’era la luna a ridicolizzare le pannocchie e le mie lacrime. E sotto Marte, grosso e rosso come il puntatore laser di un fucile.
Ero in ciabatte in mezzo alle campagne.
Per i soliti motivi, che non ripeto.
Sono a andato via puzzolente, con le scarpe da cuoco, un calzino sì e uno no. La tuta padellata d’olio e farina, capelli e barba unti.
Ho camminato, ed ero lontano dai bambini. Senza credito, senza speranza.
Inoltre il computer nuovo era misteriosamente andato in palla mentre compravo le cicche all’Arci.
Dentro c’erano cento pagine del lavoro che mi tiene lontano da qui. Non per sempre.
Ho ancora, calcolo, circa cinque amici. Definendo amici stretti quelli che puoi chiamare a qualsiasi ora se hai un problema grosso.
Tre femmine e due maschi.
Mi hanno accolto le ragazze a un ora che faceva schifo anche a se stessa.
Lì in preda a doppia ansia ho smontato il laptop a rischio di fottermi la garanzia. Niente bagnato.
MA
mistero: testiera fuori uso. Quando una delle amiche si è alzata io ero nella merda più nera. Dovevo scrivere, dovevo vedere i figli, dovevo dormire. Erano le otto e mezza: mi sono buttato nel letto sfatto e vuoto.
Dormo un po’, mi lavo e vado dai miei, pensavo.
Invece ho passato il pomeriggio a rovinare loro il pomeriggio.
A una certa, senza essermi lavato, mancante di un calzino di merda, sempre Sono sceso a cercare un negozio di cinesi.
Avevano armi, fantasmini, oppio grezzo e bocchini a cinque euri, ma tastiere no. Al quarto bazar, mentre pensavo che non voglio vivere in un mondo dove certi negozi vendono solo fantasmini, o trovato una tastiera blue tooth. Hanno capito che giravo da un po’ le scimmie gialle rotte in culo.
-scian schun scioi?
-oi oi vai vai.
Brutto segno quando parlano una lingua del cazzo davanti a un italiano. Inoltre la mia mamma che mi ha trasmesso quasi tutto ciò che ho di brutto dentro, il resto ce l’ha messo babbo. Io poi ho fatto a giunta. Comunque mi madre mi ha insegnato che è maleducazione parlare in limoncello davanti a uno che non lo parla, e anche parlarsi all’orecchio.
Infatti.
-Benti evro.
-come?
-Benti evro.
-Ho capito, dicevo come, tipo, esticazzi.
-Io no capito.
Un tastierino del cazzo benti euri? E quando scopro che, sapete le tastiere, sopra ogni tasto c’é tipo una lettera o un simbolo.
Anche il tastierino dei limoni a benti euri.
Peccato che non corrispondano a nulla che un mammifero possa riprodurre con l’organo deputato alla fonazione. Dgt. freccetta e viene zigrinatura. Premi parentesi e appare l simbolo del medio alzato mediorientale.
A quel punto la mia mente ha vacillato. Mi disgustavo per il puzzo. Il tastierino funzionava su altri computer, sebbene a casaccio, ma su mio no.
Cambio la password microsoft morisse subito insieme a fb.
Perché la tastiera del laptop riesce a riprodurre cinque o sei lettere.
Sono un genio del compiute, penso. E poi smetto di pensare ciò.
A quanto pare questi nazisti che ti obbligano a metterti la password anche nel buco del culo (ne ho una per cagare e una per gli input, tipo supposte diti e il resto secondo gusti inclinazioni.
Sento il mio vicino di cervello immaginario.
-Inclinazioni una ricca sega, popò di frogio. Continua a mettici i diti ner buostretto, vedrai ci pigli ir vizio!Ir mi cognato Aristide, omo di famiglia, quattro figli, ora è scappato cor parrucchiere. Una figura ar barre. Intendiamoci. Un ber trans, è diverso. E’ la topa del futuro!
Personaggio piuttosto volgare il mio vicino di cervello immaginario.
Dicevo, quei nazi eccetera, hanno deciso che la pass sul mio laptop non è quella valida per tutto, ma solo quella di amministratore locale.
A questo punto, prima tratto male le mie amiche, chiedo loro di farmi l’eutanasia, che pretendo di morire subito, che non mi uccido perché Pepo e Nepi non vogliono ma che…
Loro mi permettono di tiranneggiarle un po’ quando barboneggio da una non casa mia all’altra (sempre non mia) carico di sporte, puzzone, e con un calzino solo. Però poi io preparo dei cocktail che non hanno l’eguale ed esse: svengono, vomitano, mi perdonano.
Ma ieri ero molesto come il famoso fijo der culo, mio caro amico poi annegato in una cascata.
Così ho cominciato a insultare Bill Gates e la morbidezza del califfato nei suoi confronti.
Sono quindi passato a insultare il prestigioso unigenito figlio di Geova e se gli erano rimaste le palle doveva darmi la morte. Sempre sotto gli occhi allibiti di questo barbone che gli colonizzava casa, spadroneggiava e le zittiva se lui non riusciva a smanettare in pace bestemmiando al tempo stesso.
Il mio inconscio ha creato una canzoncina che fa così:

Datemi la morte immediatamente (3)

Datemi la morte

ORA

Se non me la date vi sgozzo la famiglia

Se non me la date accido a piccirilla

Potrei prenderci gusto e a voi che ve ne viene?

fatemi schiattare: ora!

In poco tempo le amiche si rendono conto che è giusto che crepi, e mi sostengono in coro durante il mio inno alla morte di me.
Presto diventò un inno alla loro morte anche,perchè quella musichina giuliva faceva venire a tutti voglia di morire in francese, e non si capiva una mazza perché ciascuno alzava al cielo le variazioni sul tema più adatto al proprio caso visto che invocare la morte è questione di religione, e di imporvvisa disperazione. O di problemi al computer per la seconda volta in un mese canche se lo tratti come le cose sante.
Nel frattempo continuavo a chiedere l’eutanasia, a smanettare su due pc più un tastierino cinese coi tasti in aramaico fonetico.
Cominciai a dondolare facendo mmmm colla bocca piena di colla, ed erano le dieci di notte quando ho smesso.
Nessuno di noi tre è morto, l’altro giorno.
Svariate avventure dopo giunse il mattino.
Pultroppo.
Stamani dovevo morire, per un po’.
Non come Casalingo Moderno, ma come l’uomo sfasciamacchine, il padre che non sa, e almeno sa di non sapere.
Dovete sapere che io ho molte identità non strettamente digitali.
Credo in un certo grado di compartimentazione, e che le identitò multiple possano essere la salvezza di un uomo, no distruggergli la mente.
La prima di identità ha vent’anni.
La usavo per mettere musica e fare musica.
Forse qualcuno sa chi sia Tropicaldo.
Ma nessuno conosce la sua storia.
Tropicaldo è un principe orfano; governa su un atollo dove in realtà non c’è nessun altro della sua tribù.
C’era stato l’unico e segretissimo esperimento nucleare italiano, Tropicaldo è appunto il figlio di un ufficiale della marina che non aveva mai sparato in vita sua. Aveva cominciato come cuoco di bordo e ancora si divertiva a preparare profumatissimi ragù di oloturia per i commilitoni.
Conobbe, l’ufficiale gentil cuoco, una indigena splendida e scureggiona. Ella, a nome Ernia, suonava una chitarra a 39 corde accordate, come voleva una segretissima tradizione, quasi tutte a pene di segugio.
Li conoscete gli italiani.
Tropicaldo non li conosceva.
Prima di accendere il raudo atomico, si trastullarono con presunti problemi tecnici.
Trombavano e cucinavano. Nascevano bei figli, spesso.
Tropicaldo voleva imparare la chitarra dell’Atollo Latta di Sugo. Non ci riusci!
La madre lo mandò in culo, ma Tropicaldo capì che doveva andare a comprare il giornale.
Questo era strano, visto che né il concetto di compravendita, figuriamoci l’idea di “giornale” nell’accezione generica o in quella Montanelliana era sconosciuta agli indigeni.
Avevano una scrittura rudimentale sull’Atollo Latta di Sugo.
Se c’era qualcosa di urgente essi vergavano degli strani segni sui propri escrementi: la sabbia era così leggera che bastava un peto di granseola a cancellare l’alfabeto degli Enterogermin, così si chiamavano i placidi abitanti dell’atollo nella loro lingua.
La parola significava, secondo gli studiosi più accreditati della lingua Enterogermin: acqua amara che ti aiuta a non cagarti addosso. Esperti, si fa per dire. Uno era il cappellano del sottomarino, l’altro era il pusher dell’isola.
Un tizio col nasone capace di distillare un liquore di cocco nel quale faceva macerare alcune alghe e il fegato di una murena velenosa, uno sballo ignorantissimo capace di alterare la struttura spaziotemporale dei suoi clienti. In pratica una droga ideale per un posto dove l’oblio era richiestissimo. Non erano stati inventati i puzzle né il rubabandiera.
Così i tossici Enterogermin sbattevano le palpebre e passavano dieci anni, uscivano a pesca, venivano divorati da un pesce, ed era passato un soffio di luce. Siccome il liquorino truccato lo prendevano tutti, non era raro vedere gente fare cose strane. Una volta si misero in trenta a leccare una palma centenaria per consumarla.
Ci vollero tre generazioni, o tre giorni.
In pratica a Latta di Sugo nessuno sapeva chi stava facendo cosa con chi o chi era figlio di cosa. La storia locale era un delirio. 1220 cartelle incise nella merda con uno steccolo sulla contemplazione della crescita dei coralli.
pusher guadagnava miliardi di conchiglie, ce n-erano tuttavia talmente tante che il povero spacciatore si faceva un culo tanto per fare il liquore , uccidere le murene alla maniera tradizionale, vale a dire togliendo denti al pesce e soffocarlo inserendo la sua testa nel proprio ano. I drogati dovevano andare a fare un bagno nell’acqua verdina e raccogliere conchiglie da centomila. a volte regalavano al pusher maionese di uova di gabbiano e aceto di cocco. Non esplose mai la mania dell’amburger senza h, perché non c’erano mutine sull’isola.
Il pusher pensava ci fosse qualcosa che non tornava, ma non capi’ mai a fondo le fluttazioni del valore della moneta.
Prima dell’esplosione gli Enterogermin vollero istoriare il sommergibile della loro antichissima storia, tramandata sulla merda umana un millennio dopo l’altro.
Presto il mostro rivettato venne decorato dalle merde multicolori degli Entero. Molti mangiavano coralli, e li cagavano. Cosi’ l’istoriata storia dipinta di scoria sul sottomarino Italiano era multicolore. Marrone, rosa, e giallo. Il bellissimo bambino chiamato Tropicaldo come il nonno contadino dell’ufficiale, si bevve una tazza di Batida Locale. Come tutti. Il sottomarino che recava le gesta di quel nobile popolo ( in effetti trascurabile e pernicioso) si immerse nel buio: dopo duecento metri a causa dell’acqua non c’era traccia delle gesta eroiche di quel popolo mite incapace di accordare una chitarra a 39 corde. probabilmente anche le gesta e perfino la religione, per quanto ne sapevano potevano essere sognate da quegli scoppiati il giorno prima.
Gli Enterogermin che sarebbero stati assunti tutti all’inps.
Sarebbero.
Dopo venti miglia marine di navigazione c’era il nostromo al timone,attentissimo agli strumenti mentre beveva un boccale di cocco alghe e fegati.
Mentre moriva stava tornando indietro nel tempo.
Alcuni si erano congelati nel momento precedente all’esplosione, e benche’ il loro corpo fosse ridotto a brandelli di atomi, loro sono ancora li’ a molestare una pentola.
A tagliarsi le unghie con la motosega.
Da Latta di Sugo si vide una colonna di fuoco che si apriva in alto.
Tropicaldo la chiamava la palma atomica, non avendo mai visto un fungo.
Non mori’ ma qualcosa gli successe, perche’ riusci’ a scordare nel modo corretto la chitarra a 39 corde.
Suonava per i granchi mutanti e I topi mutanti importati dal sottomarino italiano.
Granchi e topi si mangiavano a vicenda. Lasciando pesce e cocco a Tropicaldo.
Si fece un chiodo di pelle di corallo e divenne punk.
Filando merda di paguro tricefalo si fece cucire dai topi una camicia avaiana.
L’isola era piena di lattine di birra Peroni vuote e piene. E anche di pizze e mandolini.
Nessuno sa quanto tempo sia passato.
Tropicaldo sembra sempre un ragazzo.
A volte delfini e cavallucci marini enormi portano ragazzi e ragazze che accendono fuochi e lo ascoltano suonare. Poi si accoppiano con lui.
Cosi’ Tropicaldo canta un paradiso distrutto in una lingua incomprensibile a gente che forse non esiste.
Stamattina mi sono trasformato in lui.
E sono stato meglio.

Potete darmi torto?IMG_9255.JPG

Solo come un ciuco vedovo carico di dolore fisico e spirituale di provenienza eterogenea

Salvia non vuole. certo.
Sono costretto a fottermene. Non vuoi che parli di te? Sorry.
Ma fino a che punto è lecito parlare dei problemi dei miei figli?
C’era una bambina piccola, filosofa, contorta, allegra.
c’è una bambina sull’orlo della preadolescenza.
Anzi. Tipo Vil Coyote, si è fatta una corsa verso il precipizio appena nominato, e non si è ancora accorta di essere per aria. Presto guarderà in basso e scoprirà che non ci sono rocce sotto i suoi piedi. E saranno cazzi. Per tutti.
I suoi problemi non li voglio descrivere. Non voglio che le persone che la conoscono e possono identificarla, sappiano i santissimi cazzi suoi,
Ho scritto roba usando un livello ulteriore di finzione.
Sta là. Forse, presto. E’ divertente, fa ridere.
Non a me. A voi si’.
La bambina chiamata Nepitella è meravigliosa. Un cocktail di talenti corretti da una tendenza fortissima alla manipolazione nonché una sensibilità non comune. E cattiveria. I bambini sono cattivi, innocenti, voraci.
C’è questa rabbia. Ringhia proprio. E spero che sia colpa mia e di sua madre. In modo che si possa rimediare.
C’era una bimbo stupendo. Bello come il sole. Svelto. Pieno di adorabili difetti di pronuncia. Diverso dalla sorella. Più altruista, più meditativo. Capace di stare da solo a costruire edifici surrealisti di costruzioni.
Lei ha cercato di sottrargli le attenzioni che le spettavano.
Non l’amore. Quello l’ha avuto.
Da una settimana il bambino splendido, capace di perdersi in sé stesso e ritrovarsi come uno zippo nel taschino della camicia, ha paura.
Abbiamo tutti paura.
Ma lui ha paura che il babbo o la mamma o entrambi, lo lasciamo solo e andiamo via.
Piange come immagino facciano i vitelli prima di essere macellati.
E non si perde più, nei film della pixar, nel sole tiepido. Rompe il cazzo e si muove per compulsione. Cucino colla porta aperta e lui viene ogni minuto. Non per dire. Conto sessanta secondi e viene.
Lo abbraccio. Papà non ti lascia amore mio. La mamma non lo manda più via. La mamma non grida più, e anche quando grida lei ti ama tanto.
E anche il babbo non grida più. Vedere puntate precedenti.
Anche qui, desidero che sia colpa mia, anche se forse non lo è, ma ci credo con tutto me stesso. Perché, piccolo naso a punta, dammi tutto il tuo dolore che babbo lo prende per sé.
E in tutto questo, una marea di stronzi capaci solo di giudicare come abbiamo fatto i genitori. Come se io e la loro madre non abbiamo fatto a pezzi il nostro rapporto su questo.
Come se ci fosse qualcuno, nonno, zio, nonna, cugina, stocazzo, cavallo, psichiatra, pedofilo di quartiere. Questi borghesi, sepolcri imbiancati, che hanno fatto braciole dei loro figli ma, hey, non gli hannno mai fatto mancare soldi che semplicemente gli avanzavano. E sti cazzi.
Poi ti riproduci, e capisci la fregatura dei ricatti affettivi, la protervia di chi crede di essere meglio di te quando è da ricovero urgente. Ma non è nemmeno questo. E la cazzo di storia di Salomone con le madri che litigano per il pupo. Fossero anche i migliori del mondo, cosa tecnicamente impossibile. Questi (mi mantengo sul vago per la pia illusione che gli infanticidi non si riconoscano) non ne vogliono metà. Anche meno, gli basta. Si dividono oro puro, complessità, energia, sensibilità: ne fanno braciole e se le mangiano, altro che divisi in due. Divisi per tutte le figure parentali che vivono per impedire ai genitori di essere genitori sereni. Io sono così e basta!. E allora ne fai a meno, del loro aiuto inutile.
E allora ti costringono a riempirti la schiena di dolore sperando di reggere perché c’è pure il tuo. E le tue cose da fare. E sperando che funzioni. Sperando che la colpa sia MIA.
Saranno loro a dire che genitore sono stato. Io ho fatto quasi sempre il massimo. E vorrei avere pezzi di carne e cervello, e occhi ed esperienze da dargli. In più.
Vaffanculo.
L’altro problema è la nuova sospensione del mio profilo personale che mi ha su facebook. Ora, signora mia. Potessi accorparlo al delirio intestinale che domina la casa delle muffe, io lo farei. Intendo Facebook. Voglio che si sappia che mi fa schifo: la grafica, il livello della conversazione, la noia assuefacente, la falsa aggressività, i predatori sessuali.
Una montagna di merda.
Ma é MIO LO VOGLIO.
Non mi serve fb per trovarmi una donna da scopare, sicuramente diversa dalla foto e dalla rappresentazione. E comunque ho deciso di vivere in castità, almeno per un po’. Questo non lo dovevo scrivere. E infatti lo cancello.
Ma lasciatevelo dire da uno che spera di essere la causa del dolore dei propri figli, e perfino di essere odiato purché questo li faccia stare meglio. Eppure li ho portati a vedere Totti giocare. Eppure.
Eppure vi mando di nuovo insopprimibilmente in culo genitori psicopatici belli di giorno spupillati di notte, inculati di nascosto da trans brasiliani con una minchia tanta-una minchia accussì, come diceva quel musicista che mi faceva anche cacare. meno di voialtri.
La volete una ricettina, casalingue disperate, tra una sega virtuale e l’altra?
Mica i Teneroni che gli date voi, degenerate.
L’unico pregio di una ex famiglia parzialmente convivente semipovera e caciarone è che non SIETE VOI!
Eppure stanno male, Eppure. Nonostante tutte le canzoni, le carezze e gli abbracci.
Nonostante questo.
Filetti di sgombro al forno, deliscati con attenzione accompagnati da un’insalatina di fave e baccellone. Si ho detto fave intendendo il legume. Raro. Ma avviene anche quì.
Il tutto condito con vinaigrette di olio xtr vergine, limone, aceto di mela, e senape     (per chi piace sennò a PARTE.

e

bruschettine

di

rinforzo.

IMG_9208IMG_9209IMG_9207