Un po’ d’ordine prima di cominciare sul serio!

casalinghen

Annunciazione, Annunciazione!
Prima di entrare nel vivo di questa nuova serie, un po’ di avvisi per orientarsi nel sito. E nel filo narrativo.
Siccome la storia da raccontare un po’ è qui, ancora da vivere, un po’ è nel passato, in questo lungo anno di assenza, ho pensato quanto segue.
(Se sbalio mi corrigerete)
Vorrei contrassegnare i post con categorie ulteriori:  Presente e Passato. Continuèrò a usare le categorie tradizionali, e metterò ordine nei post vecchi, ma la categoria madre dei pezzi nuovi è Casalingo Moderno Atto II°.
E una nuova serie, una fase diversa della mia vita.
Sono stato morto, e il racconto della mia morte sarà esclusiva degli iscritti, come altre chicchine, Non voglio spampanare la cifra tematica del Sito. Ho già introdotto le canzoncine. Per questo non inserisco, almeno per ora, e non qui, racconti di fiction completa.
Sono molto contento di vedere lettori nuovi, perché sono felice se penso che non vi conosco personalmente.
Voglio dire, che voi non sappiate chi sono davvero,
Ai nuovi lettori dico quello che gli altri sanno.
Quello che leggete qui è sostanzialmente, esistenzialmente vero.
Ci possono essere sintesi, camufflage, personaggi che riuniscono più persone.
Ma disgraziatamente, questa è la storia mia. Da quando sono rimasto disoccupato in piena crisi ed ho deciso di occuparmi della casa, alla prevista esplosione della famiglia,
Vi prometto che non mi farò sconti neanche a questo giro.
Sono senza casa, senza soldi, senza reputazione, senza patente, senza amore. Però ho i baffi.
Due figli, come sempre.
Ma più grandi e più problematici.
C’é Salvia, perché anche se non riesci a tenere unita la famiglia, non puoi evitare di provare ad essere genitori insieme. La penso così.
Ci sono nuovi personaggi. Li conoscerete.
Vorrei poter dire che sarò puntuale.
Vorrei rispettare una specie di piano editoriale.
Un post narrativo alla settimana, di lunedì o martedì.
Un fotoracconto o un video in mezzo alla settimana,
Una ricetta di sabato o domenica, quando mi fanno cucinare.
Tenterò di trovare una rotazione sostenibile.
Vorrei portare avanti il progetto di Pubblicità Gratuite.
E sentirete parlare ancora di Avanzgarde! La pirateria culinaria del Casalingo Moderno a due ruote.
Se mi sostenete, e vi piace quello che leggete iscrivetevi.
Questo è un favore che vi chiedo, in cambio di tanta compagnia che vi faccio mentre fate la cacca.
Oltre ai contenuti speciali, sto pensando ad una specie di catena di Sant’Antonio tra chi mi legge ora. Ne riparliamo.
Ho cominciato a sistemare anche i link, che voglio ampliare di molto, se possibile.
Se il sito vi piace potete aggiungermi ai vostri link liberamente.
Io non garantisco la reciprocità in questo, né la chiedo.
A proposito dei miei link. Mi trovate su: twitter, facebook, g+,Youtube, per ora.
Purtroppo non riesco a dedicare la giusta attenzione agli altri blog, ma non perché facciano tutti schifo, e poi è una comunità molto utile per le maledette pubbliche relazioni.
Semplicemente non ho tablet o smartphone, ho aperto profili sui social solo per diffondere il presente blog. Ma seguo diversi blogger.
Mi piacerebbe che faceste lo sforzo di commentare anche sul sito. Io lo vedo che leggete tutti i giorni, e allora perché non scrivere due parole su wordpress oltre che su fb.
Che cagata. Ti amo. Cento Euro.
Certo, la prima serie fu lanciata dall’articolo della Repubblica delle Donne, o come cazzo si chiama.
Ci sono tante cose belle su Repubblica, se escludiamo le notizie.
Io quella merda non la compro.
Però se posso leggo il Blog di Claudia, http://www.nonsolomamma.com e la sua rubrica, non perché mi abbia lanciato, semmai mi ha buttato in una scarpata (no, ce ne fusse!).
E’ una che ha decisamente sfondato ma non se la tira per nulla. Mi ha cercato lei. Nella sua distanza abissale dalla mia irrequietezza coprolallica, ha una famiglia più serena, spero, più normale, credo, ma altrettanto bizzarra quanto a melange.
Comunque Claudia non scriverà un secondo pezzo su di me, almeno in questa veste, quindi bisogna trovare sentieri di promozione alternativi, anche se il sito va già bene, davvero, dopo una sola settimana.
Diciamo che ho già più lettori del novanta per cento dei libri che ci sono in libreria. Ganzo te, direte voi, il novanta per cento dei titoli finisce al macero senza aver venduto neanche una copia, o quasi.
Non mi accontento per la fatica che mi costa, e per la qualità di queste pagine, scusate ma non ha senso essere modesti.
Non che sia un genio io, sono circondato da nani, minorati, e grafomani.
Ma sia chiaro che questo per me non è né un passatempo, né una terapia.
E una roba, per essere precisi.
Una cosa è certa:
la prossima volta che vi dovrò lasciare sarà per sempre.
Tutte le storie finiscono.
Spero solo che non sia perché non le legge nessuno.
A presto.

 

9 thoughts on “Un po’ d’ordine prima di cominciare sul serio!

  1. Grazie di essere tornato…io sono una di quelle che non ti conoscono anche se abbiamo almeno una ventina di amic* in comune 🙂

      • Questo è un altro discorso, ma se leggi il prossimo post ri renderai conto che a me la scrittura costa dolore interiore e fatica fisica, perché finché una frase non suona come deve io continua a limare. A volte va bene la prima, ma ci sono post con quaranta revisioni. E poi, sebbene non campi di questo, io mi considero uno che scrive. Non ci campo per ora. ciao mad, a presto. QUALCHE PROBLEMA IN PIATTAFORMA W.P. ME NE SCUSO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...