I’m the resurrection

Intontito dai tergicristalli e dalle urla finto allegre dei bambini, trovo un rimedio nella tasca interna della giacca.
Le buste di plastica sono ormai consuetudine (Cfr. Il nemico che amo I e II): secondo le mie stronzate quotidiane, le sfuriate di Salvia, le necessità di Pepo e Nepi.
Carico le buste e vado, dalla padella alla brace, come un martire cristiano.
Sentiste come sfrigolo.
C’è una cosa da aggiungere, senza la quale mancherei al patto di sincerità con voialtri bugiardi patologici, che in questo preciso istante, probabilmente state architettando menzogne in onore dei vostri amati/odiati.
Sono sotto la tutela di famigerati psichiatri di Scuola Pisana.
La psichiatria Pisana è una scuola?
Certo, più o meno come la pedofilia Belga.
La caratteristica principale della Scuola Psichiatrica Pisana (d’ora in avanti PiPsi), è considerare il paziente dotato delle stesse qualità intrinseche delle sedie, però meno utili, dato che sulle sedie si possono sedere i pazienti mentre sui pazienti raramente si accomodano le sedie, per lo meno volontariamente.
E io mi ci ero messo da solo, in questa situazione, per risolvere un certo problema che mi attanaglia dall’infanzia.
Tipico del Casalingo: non crede nella psichiatria e va dagli psichiatri più fascisti sul mercato.
Se in futuro mi sarà ancora concesso di possedere lacci di scarpe e computer vi racconterò tutto. Per ora vi basti sapere che sono sotto tutela a causa di uno spiacevole effetto collaterale dovuto a un farmaco. L’effetto collaterale non implicava delirio né violenza, ed è finito, del tutto. Ma la tutela continua.
-Guardi che io sto bene, si è trattato di un banale errore di dosaggio: non si ripeterà più! –
Sai na sega te, se stai bene o male, raddoppiamo il (…) antipsicotico molto potente e aggiungiamo un (…) tranquillante in promozione presso le case farmaceutiche, pericolosissimo per chi, come me, non tollera l’intera categoria di farmaci cui appartiene.
-Ma veramente, io quella merda non la posso prendere, si ricorda del (…) e del (…) e del (…).
-Sai una sega te cosa poi prende…
-Grazie. Molto umano.
Sono diviso tra voglia di sfoggiare la mia celebre dialettica invettiva circa su ma, e tra un senso di passività assoluta e masochista, che mi fa dire:
-Allora se Voialtri e Lorolì ( Salvia, mia madre e mio padre) controllate la mia vita, tanto vale mi ricoveriate. E’ più sincero, fa curriculum, e ci facciamo du risate…
-Semmai me le faccio io, du risate signor…Casalingo, vero?

Penso anche a questo durante il sabato di Pasqua, sotto l’incantesimo dei tergicristalli.
Nella tasca della giacca non porto armi, né pillole, né fiaschette di liquore, e quest’ultima cosa , lo ammetto, un po’ mi secca.
Tiro fuori un vecchio cd che immaginavo in casa in qualche lurida. E invece l’andirivieni colle buste, tra una tutela e l’altra, me lo ha fatto ritrovare. La copertina amaranto screziata di fiocchi di neve, porta una scritta in corsivo:

Low Christmas

low

E’ allora lo metto, questo disco di Natale da robbosi, sebbene sia eseguito da una devota famiglia del Minnesota in onore di Gesùcristo e della sua nascita. Slowcore, lo chiamavano allora, prima che venisse coniato il termine alt.country, veramente brutto, il termine.
D’incanto, il mondo si accorda con me, i bimbi si calmano, Salvia si cheta, e anche la Pasqua capisce che soffre di un grave problema di identità: in realtà è Natale.
Eppure mi sarebbe piaciuto parlarvi di quanto amassi la pasqua da ragazzo, e le viacrucis, e l’odore di cera, e i volti contriti, e il profumo di campi in periferia.
Ma non posso farlo: è Natale.

One thought on “I’m the resurrection

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...