Cartolina da Milano

Immagine

Passeggiare per Milano
sotto un sole al tegamino
libero come un tram appena forgiato,
ignaro del concetto di rotaia.
Un impegno ce l’avevo, ma alle 11 è finito,
mica un Casalingo prende e va,
come una pattuglia di sbirri
o tre amiche ai saldi.

Gioco a seguire quelli davanti a me,
ma dura poco:
non ho movente, né cardiofitness.
Trovo il mio passo:
non intralcio
né sorpasso

All’Hotel de charme
cinque stelle superiori,
mendico una piantina,
fingendomi  smarrito,
un babbeo di fuori

Chiedo la strada
ai vecchi col colbacco,
alle modelle senza mutande.
Saltello da parte a parte
nei vicoli di Brera,
fino a sentire il sole
sulla mia persona intera.

Provo completi in Montenapoleone
“Mi dispiace, qui dietro non casca bene.”
“Veramente è perfetto, signore!”
“Sta dicendo che parlo a vanvera, caro lei?”

Leggo i menù pomposi in galleria e ne rido:
preferisco la michetta col crodino.
Accetto un palloncino rosa
con la scritta “Maroni presidente”
accettandone pure  le conseguenze:
infilo la stecca nella patta
entro in un bar, ed è fatta!
“Questa elefantiasi dello scroto
monolaterale è una roba micidiale
per favore, mi dia un cordiale!”

Addio Milano bella.
Mi aspetta un treno per dormire,
nessuna cena (ci potrei giurare),
una stanza umida,
tre bacini e un letto doppio
dove ci stringiamo in quattro.
Dove mi sveglierò
Casalingo Moderno,
come d’incanto.

Sapessi com’è strano,
un giorno di vacanza a Milano

One thought on “Cartolina da Milano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...